Exar­chia «rossa» aspetta Tsipras

Exar­chia «rossa» aspetta Tsipras

Risa­lendo Exar­chia, un dedalo di viuzze che dal Poli­tec­nico, che porta ancora i segni della rivolta del 1973, e dal Museo Archeo­lo­gico Nazio­nale di Atene s’inerpicano fino alla piazza, fino ad arri­vare alla parte più antica, fatta di casette della seconda metà dell’Ottocento, tra caffè, bistrot, squat anar­chici, graf­fiti di ogni genere e una enorme stella rossa sui gra­doni di una sca­li­nata che inneg­gia all’Asterias 1928, la squa­dra di cal­cio di zona, si arriva al tra­di­zio­nale mer­cato del sabato. È giorno di silen­zio elet­to­rale, ma al comi­tato di quar­tiere di Syriza si stem­pera la ten­sione per una cam­pa­gna elet­to­rale dura quant’altre mai e si brinda alla vit­to­ria annun­ciata tra i ban­chi di frutta e ver­dura. Pas­sano can­di­dati e sim­pa­tiz­zanti, anziani con le buste della spesa si fer­mano a pren­dere volan­tini e programmi.

La pro­pa­ganda sarebbe vie­tata, “ma qui siamo in un quar­tiere rosso e fac­ciamo come vogliamo”, dice Alk­mi­nia Sta­vrou­laki, spilla di Syriza al petto e sor­riso a 24 carati. Da que­ste parti Ale­xis Tsi­pras gioca in casa, anche se il con­senso biso­gna gua­da­gnar­selo volta per volta.

Al Dik­tio, sto­rico cen­tro sociale, si discute che fare se la sini­stra radi­cale dovesse dav­vero andare al governo, e che rap­porto man­te­nere con essa. Par­te­ci­pano mili­tanti pro-Syriza, anar­chici, “cani sciolti”. C’è pure qual­cuno di Antar­sya, l’altra for­ma­zione dell’ultrasinistra di cui fa parte pure Ale­kos Ala­va­nos, l’ex segre­ta­rio del Syna­spi­smos che fondò Syriza, fece da padrino ad Ale­xis Tsi­pras e poi abban­donò il par­tito dopo essere entrato in con­flitto pro­prio con l’uomo che vuole cam­biare la Gre­cia e l’Europa. Se si vuol com­pren­dere per­ché la sini­stra greca non marci unita nep­pure que­sta volta che l’obiettivo del governo è a por­tata di mano, biso­gna guar­dare alle rot­ture per­so­nali e a quelle poli­ti­che. Antar­sya, come i comu­ni­sti del Kke, è per l’uscita dall’euro, chiede la nazio­na­liz­za­zione delle ban­che (pro­po­sta a cui Syriza non è con­tra­ria), vuole che gli eletti lascino il seg­gio dopo due anni di man­dato e pro­pone un modello di demo­cra­zia diretta basato su refe­ren­dum diffusi.

Molto dif­fi­cil­mente supe­rerà lo sbar­ra­mento del 3 per cento, però tra i movi­menti di Exar­chia potrebbe rac­co­gliere molti con­sensi. Il Par­tito comu­ni­sta, che gio­vedì sera ha riem­pito piazza Syn­tagma in con­tem­po­ra­nea con il comi­zio del lea­der di Syriza, spera invece di trarre van­tag­gio da un fal­li­mento del “rifor­mi­smo” di Tsi­pras, che a sua volta gli manda a dire che “se fal­liamo noi, arri­verà il fasci­smo”, non il sol dell’avvenire. E’ una sto­ria di riva­lità, di tira e molla con­ti­nui, quella tra i due cugini-coltelli: a Patrasso Syriza ha soste­nuto il can­di­dato sin­daco del Kke, che ha preso il 65 per cento dei voti, ma altret­tanto non è avve­nuto a Volos, dove al bal­lot­tag­gio i comu­ni­sti non hanno soste­nuto la sini­stra radicale.

Una pas­seg­giata al Dik­tio, alla vigi­lia di un voto deci­sivo per le sorti della sini­stra euro­pea, è fon­da­men­tale per son­dare gli umori dell’ala più insu­bor­di­nata del movi­mento che ha creato le pre­messe per il suc­cesso della coa­li­zione della sini­stra radi­cale. “Que­sta è una camera di com­pen­sa­zione tra il par­tito, le for­ma­zioni della sini­stra extra­par­la­men­tare e gli anar­chici, che spesso non si par­lano tra loro. Siamo gli unici che pos­sono man­te­nere i rap­porti con tutti, andiamo bene a Syriza per l’attività sociale che svol­giamo e siamo abba­stanza liber­tari per gli anar­chici, che aiu­tiamo ad esem­pio nella cam­pa­gna per la libe­ra­zione dei pri­gio­nieri poli­tici”, spiega Gior­gios Dede­gi­kas, 76 anni, uno dei fon­da­tori del cen­tro sociale nel 1991.

Exar­chia non è un luogo come un altro. E’ stata il cuore di una rivolta che si fece fatica a con­te­nere, nel 2008, quando la poli­zia ammazzò un ragaz­zino di 16 anni, Ale­xis Gri­go­ro­pou­los, sca­te­nando una guer­ri­glia che andò avanti per oltre un mese. “Quando pas­sa­vano gli agenti, dai bal­coni vola­vano fio­riere”, ricor­dano in un’osteria popo­lare molto nota nel quar­tiere, gestita da un gruppo di anar­chici di Salo­nicco. Nikos Roma­nos, l’amico del cuore di Gri­go­ro­pou­los, che gli spirò tra le brac­cia la sera del 10 dicem­bre 2008, ha dovuto rischiare la vita con uno scio­pero della fame in car­cere per otte­nere il via libera a soste­nere un esame uni­ver­si­ta­rio. Il caso ha tenuto banco negli scorsi mesi, e la pol­ve­riera Exar­chia ha rischiato di esplo­dere di nuovo.

A ribel­larsi, all’epoca, fu la cosid­detta “gene­ra­zione 800 euro”, gio­vani pre­cari e stu­denti uni­ver­si­tari che oggi, a sette anni di distanza, stanno se pos­si­bile ancor peg­gio di prima: gli 800 euro dell’epoca sono un mirag­gio, il sala­rio medio di un ragazzo si aggira sui 400 euro al mese, a volte per dodici ore di lavoro, e mi rac­con­tano addi­rit­tura di un con­tratto a ter­mine in un ente pub­blico pagato meno di due­cento euro al mese.

Ma è molto più facile non tro­vare lavoro o rima­nere disoc­cu­pati. Come rischia di acca­dere a Paolo Con­cetti, un mar­chi­giano di Porto San Gior­gio che vive a Exar­chia da 23 anni. Archi­tetto, sof­fre la déba­cle del set­tore edi­li­zio, fermo dal 2011, con i prezzi delle abi­ta­zioni crol­late (ma non le tasse, cal­co­late sui vec­chi valori) e palazzi lasciati all’incuria per man­canza di soldi: “Ormai si lavora pochis­simo e con par­celle ultra­ri­dotte, spesso la gente non ha soldi e non paga, men­tre fino a qual­che anno fa le cose anda­vano bene”. Per que­sto i più gio­vani, disil­lusi, si ribel­lano o emi­grano: desti­na­zione l’odiata Ger­ma­nia, soprat­tutto, ma un po’ tutta Europa.

Ed è per que­sto che Syriza incen­tra tutto il suo mes­sag­gio sulla “spe­ranza”. La Gre­cia è a un bivio: o rie­sce a far cam­biar idea a Bru­xel­les e con­tem­po­ra­nea­mente a rifor­mare se stessa oppure è desti­nata a un tri­ste destino, con un terzo della popo­la­zione sotto la soglia della povertà, senza la pos­si­bi­lità di acce­dere a cure medi­che o a diritti basi­lari come quello alla casa o ad avere la cor­rente elet­trica, e la classe media spaz­zata via dalla cura da cavallo impo­sta dalla troika.

A fine serata, al Dik­tio hanno coniato uno slo­gan per defi­nire il loro rap­porto con il futuro governo, se dovesse essere gui­dato da Syriza: “Oppo­si­zione pro­pul­siva”. Gli anar­chici, o almeno una parte di loro, sono stan­chi della repres­sione poli­zie­sca. Anche per que­sto in tanti, qui, vogliono farla finita con il governo Sama­ras. Poi si vedrà. La Rete per i diritti sociali e poli­tici, che è l’acronimo di Dik­tio e ha rami­fi­ca­zioni in tutta la Gre­cia, assi­cura che “non cer­cherà di fer­mare Syriza, ma di spin­gerla”. E’ que­sto il senso dell’ “oppo­si­zione pro­pul­siva”, che Dede­gi­kas rias­sume con una meta­fora: “La sini­stra è come una bici­cletta, non può stare ferma, non può andare all’indietro ma solo in avanti”. L’altra sera, al comi­zio di Tsi­pras nella vicina Omo­nia, erano in piazza pure loro.

Tra i tanti spazi sociali e le sto­rie da rac­con­tare di un quar­tiere che, in Ita­lia, potrebbe tro­vare un suo simile solo nella romana San Lorenzo, Dik­tio è forse quello con la sto­ria più par­ti­co­lare. A rac­con­tarla è Dede­gi­kas: “Nel 1991 alcuni gruppi nati a difesa dei diritti civili hanno deciso di creare la Rete. Due anni dopo è nata qui den­tro anche la Rete per il soste­gno sociale a immi­grati e rifu­giati”, che par­te­cipa a un festi­val anti­raz­zi­sta che quest’anno ha fatto segnare 26 mila pre­senze. Poi sono arri­vati anche i movi­menti lgbt, ognuno ha un suo spa­zio all’interno della strut­tura e gesti­sce a turno il bar. Dik­tio oggi, pur non facen­done orga­ni­ca­mente parte e anzi riven­di­cando la sua totale indi­pen­denza, è una delle stam­pelle del “par­tito sociale” di Syriza.

L’altra è Solidarity4all, alla quale tutti i depu­tati della sini­stra radi­cale devol­vono il 30 per cento dello sti­pen­dio e che for­ni­sce i medi­ci­nali alle 180 tra mense popo­lari, far­ma­cie e ambu­la­tori sociali sorti un po’ ovun­que sull’onda della crisi umanitaria.

E’ uno strano ani­male, que­sta coa­li­zione della sini­stra radi­cale che rischia di pren­dere il potere in Gre­cia. Non è un par­tito di iscritti sep­pure affondi le sue radici nel tra­di­zio­nale Syna­spi­smos e non è nep­pure un movi­mento sociale come tanti altri. Non ha un’organizzazione strut­tu­rata come i rivali del Kke e, più che sui clas­sici qua­dri, può con­tare su una mili­tanza dif­fusa e poco orga­nica. “Per com­pren­dere Syriza, biso­gna capire che essa non è uni­forme, è un pro­cesso con­trad­dit­to­rio, ancora in costru­zione, che non sap­piamo dove por­terà”, spiega Dede­gi­kas, che ricorda: “Quando il Syna­spi­smos decise di avviare il pro­cesso di costi­tu­zione della coa­li­zione, non si poteva entrare a titolo per­so­nale ma solo come orga­niz­za­zioni. All’interno del Dik­tio, con alcuni che erano d’accordo con que­sto per­corso fon­dammo il Gruppo Rosa, ispi­rato a Rosa Luxem­bourg. Poi, due anni fa, quando al con­gresso si è deciso di fon­dare il par­tito unico, ci siamo sciolti e solo allora siamo entrati a titolo personale.

Alcuni gruppi si sono sciolti, altri non del tutto e si sono tra­sfor­mati in cor­renti orga­niz­zate”. Oggi sono pronti a festeg­giare se Syriza vin­cerà, da lunedì comin­ce­ranno a incal­zare Ale­xis Tsi­pras, che ha rice­vuto la fidu­cia del “quar­tiere rosso” di Exar­chia. Ma dovrà meritarsela.



Related Articles

« Niente piani segreti, via a cantieri e scuola »

Il premier traccia l’agenda. La Ue: progressi sui pagamenti alle imprese

In Venezuela arrestato con arsenale un cittadino statunitense

Venezuela. Il ministro degli Esteri cinese a Caracas, prima tappa del suo tour latinoamericano

Germania. Assassinato Walter Lübcke, politico Cdu dalla parte dei migranti

Kassel. Ammazzato con un colpo di pistola alla testa. Nella crisi dei rifugiati del 2015 si era schierato per l’accoglienza ricevendo minacce di morte dall’estrema destra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment