Incertezza e instabilità sulle nevi di Davos

Incertezza e instabilità sulle nevi di Davos

Ci sono 143 cm. di neve nel Davos Klo­sters, il resort scii­stico dei Gri­gioni, dove da oggi a venerdi’ si incon­trano i lea­der mon­diali, della poli­tica e dell’economia (con qual­che ecce­zione), 1500 grandi mana­ger, più di 300 poli­tici. Il gior­na­liero costa 69 fran­chi sviz­zeri, ma gli ospiti non avranno pro­blemi a pagarlo se vogliono disten­dersi un po’, visto che in gran parte appar­ten­gono all’1% dell’umanità con un patri­mo­nio com­ples­sivo mag­giore del 99% restante. A pochi giorni dagli attac­chi ter­ro­ri­stici di Parigi, che “minac­ciano la cre­scita eco­no­mica”, come si sono pre­ci­pi­tati a com­men­tare gli orga­niz­za­tori; con l’euro sotto pres­sione in attesa del quan­ti­ta­tive easing di Dra­ghi, che si fa paura da solo pen­sando a Tsi­pras; con il petro­lio in calo; con il franco sviz­zero che ha aperto la strada allo sgan­cia­mento dal cam­bio quasi-fisso con l’euro e che potrebbe essere seguito dai paesi del Nord Europa; con l’economia cinese in ral­len­ta­mento e la pro­gres­siva diva­ri­ca­zione tra gestione del dol­laro (seguito dalla ster­lina) e dell’euro, il “Nuovo con­te­sto mon­diale” a cui è dedi­cata la 45esima edi­zione del Forum non ha nulla di ras­si­cu­rante. E puo’ essere inter­pre­tato come un sim­bolo il fatto che, per la prima volta, è all’Italia, con Mat­teo Renzi, che è stato dato l’onore di aprire i dibat­titi. “L’Italia è stata spesso ai mar­gini di Davos – ha spie­gato Klaus Sch­wabe, fon­da­tore del Forum – men­tre è deci­siva per l’avvenire dell’Europa”. Dopo Renzi, inter­viene Petro Poro­shenko, il pre­si­dente dell’Ucraina, por­tando al cen­tro del dibat­tito un altro grosso pro­blema inter­na­zio­nale. Ma non ci sarà Putin ad ascol­tarlo, per­ché il pre­si­dente russo diserta Davos 2015.

Il ter­ro­ri­smo tor­nerà in primo piano con la “dichia­ra­zione solenne” in seduta ple­na­ria di Fra­nçois Hol­lande, il pre­si­dente che aveva con­dan­nato la “finanza senza volto” in cam­pa­gna elet­to­rale e che ora ha deciso di andare a ven­dere ai grandi inve­sti­tori la Fran­cia busi­ness friendly. Sar­kozy, primo pre­si­dente fran­cese a recarsi a Davos, era andato due volte al Forum. Hol­lande assi­cura di aver deciso di par­te­ci­pare quest’anno per met­tere sul tavolo dell’élite finan­zia­ria mon­diale la que­stione cli­ma­tica, in vista del grande ver­tice mon­diale di fine anno a Parigi. Ma per il pre­si­dente fran­cese, a pochi giorni dagli attac­chi ter­ro­ri­stici di Parigi, sarà anche l’occasione di avere vari incon­tri bila­te­rali con lea­der poli­tici medio­rien­tali. Tur­chia, Egitto, Gior­da­nia, Tuni­sia, Israele sono pre­senti con i rispet­tivi capi di governo (il re per la Giordania).

Non ci sarà invece Mario Dra­ghi, eppure il suo fan­ta­sma si aggi­rerà pesan­te­mente nei cor­ri­doi del Forum. Nel bel mezzo dell’incontro, gio­vedi’ dovrebbe arri­vare la noti­zia più anti­ci­pata e anche più con­tra­stata: per lot­tare con­tro la defla­zione che ha agguan­tato la zona euro (i prezzi sono caduti dello 0,2% nell’ultimo mese), il pre­si­dente della Bce ha deciso di bat­tere moneta, di lan­ciare un quan­ti­ta­tive easing acqui­stando debito pub­blico (men­tre con­tem­po­ra­nea­mente la Fede­ral Reserve e la Bank of England si avviano verso la restri­zione mone­ta­ria per con­tra­stare una minac­cia di infla­zione). Quale sarà la forza d’urto dell’acquisto di debito pub­blico da parte della Bce? Il brac­cio di ferro è in corso in que­ste ore, con la Ger­ma­nia (soste­nuta dal fronte del rigore) che frena per­ché non vuole che la mano­vra si tra­duca in un allen­ta­mento della disci­plina di bilan­cio. Atene sarà spinta a un Gre­xit in caso di vit­to­ria di Syriza, se Tsi­pras non accet­terà di fare le con­ces­sioni richie­ste? Davos si apre all’insegna dell’instabilità, poli­tica, geo­po­li­tica e mone­ta­ria, con la diver­genza in cre­scita tra le eco­no­mie di Usa e Ue, cre­scita nel primo caso, reces­sione nell’altro.



Related Articles

L’aiuto condizionato della Cina

L’intervento di Pechino a sostegno dell’economia europea in crisi è funzionale agli obiettivi perseguiti dal gigante asiatico contro la politica statunitense

Qualche giorno fa, il vice premier cinese, Li Keqiang, aveva annunciato la disponibilità  del gigante asiatico ad acquistare il debito sovrano spagnolo. Approvando le misure di austerità  adottate dal governo socialista di Madrid, Pechino si è dichiarata speranzosa nei riguardi della ripresa economica e finanziaria del paese. Ed è così che mentre si riduce la quota di bond spagnoli detenuta dai paesi europei, aumenta quella in possesso di economie emergenti, in primo luogo proprio la Cina.

Banca d’Italia e affaire Visco, l’incidente non è chiuso

«Chiudere l’incidente il prima possibile»: almeno su questo imperativo tutte le parti in causa nell’affaire Visco sono concordi. Certo è

Il rito inconcludente delle cause di lavoro

Una delle maggiori novità procedurali dell’ultimo biennio è senza alcun dubbio la legge 28 giugno 2012, n. 92, altrimenti conosciuta come legge Fornero. Non si tratta della omonima riforma che ha modificato l’età pensionabile, bensì del pacchetto di norme che hanno cambiato il processo del lavoro, cosa che riguarda decine di migliaia di persone l’anno anche se pochissimo se ne parla.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment