L’omaggio dei neonazisti ucraini a Ban­dera

Già l’inizio d’anno non aveva annun­ciato niente di buono in Ucraina. Lo scorso 1 gen­naio, con una fiac­co­lata per le strade di Kiev, un paio di migliaia di nazio­na­li­sti ucraini ave­vano cele­brato il 106° anni­ver­sa­rio della nascita, il 1 gen­naio 1909, del capo del cosid­detto Eser­cito insur­re­zio­nale ucraino (Upa), Ste­pan Ban­dera che, nella seconda guerra mon­diale, si schierò con l’esercito nazi­sta e per­pe­trò, insieme alle SS tede­sche, cri­mini con­tro i pro­pri con­na­zio­nali, per lo più ebrei. Il capo di dell’organizzazione di destra “Svo­boda”, Oleg Tja­gni­bok, chiese nell’occasione che il governo resti­tui­sca a Ban­dera il titolo di eroe dell’Ucraina (attri­bui­to­gli sotto la pre­si­denza Jushenko nel 2010 e subito annul­lato dal Tri­bu­nale cen­trale) e che venga rico­no­sciuta uffi­cial­mente l’Organizzazione dei nazio­na­li­sti ucraini (Oun) da lui creata.

Insieme a «Svo­boda», alla mani­fe­sta­zione di Kiev ave­vano preso parte, in tute mime­ti­che e con sten­dardi di Upa e Oun, anche rap­pre­sen­tanti di «Pra­vyj sek­tor» e del bat­ta­glione neo­na­zi­sta «Azov». Al Mini­stero degli Esteri russo, com­men­tando la mani­fe­sta­zione di Kiev, ave­vano dichia­rato che «non si tratta di una qual­che peri­co­losa ten­denza neo­na­zi­sta nel cen­tro dell’Europa, bensì di un’azione con­creta che, per forma e con­te­nuto, rico­pia le tra­di­zioni nazi­ste. I nostri part­ner occi­den­tali dichia­rano rego­lar­mente che “la parte russa esa­gera le mani­fe­sta­zioni di neo­na­zi­smo in Ucraina, ma essi non vedono alcun fatto. Ma essi non li vedono, per­ché i canali occi­den­tali non tra­smet­tono mai le fiac­co­late nel cen­tro di Kiev e non rac­con­tano i fatti con­creti della bio­gra­fia di Ste­pan Bandera».

È invece The Washing­ton Post che, in un ser­vi­zio di Adrian Karat­ni­tski dal titolo «Azov e Ajdar – una minac­cia per la nuova Ucraina», men­tre da un lato fa il pane­gi­rico del «nuovo atti­vi­smo civile», della «lotta alla cor­ru­zione», di quella che chiama «riforma dell’esercito» (finora, secondo il Post, «infil­trato di agenti russi»), delle «misure per respin­gere la minac­cia russa», ecc., dall’altro mette in guar­dia con­tro una «nuova minac­cia»: l’attività dei coman­danti dei bat­ta­glioni e delle for­ma­zioni armate. Quanto poco filo-russa sia l’impostazione del ser­vi­zio dell’autorevole gior­nale ame­ri­cano lo dice la cro­ni­sto­ria trac­ciata, in cui non si parla di golpe, bensì di «caduta del regime di Janu­ko­vic» e della «aggres­sione russa», che costrin­sero il governo, data la «cat­tiva pre­pa­ra­zione dell’esercito», a «ricor­rere all’aiuto di migliaia di volon­tari», che «agi­vano sull’impeto del sen­ti­mento patriot­tico». Una «pic­cola parte dei reparti volon­tari», scrive ancora il Washing­ton Post, era costi­tuita da «rap­pre­sen­tanti dei movi­menti di ultra­de­stra, che com­bat­te­vano con moti­va­zioni ideali. Tra essi, l’ultraconservatore “Pra­vyj sek­tor” e il famoso bat­ta­glione “Azov”»; altre bri­gate, tipo il bat­ta­glione “Dnepr-1?, erano state costi­tuite e finan­ziate dagli oli­gar­chi. Molte di que­ste for­ma­zioni hanno dimo­strato valore e hanno con­tri­buito a respin­gere l’attacco delle forze filorusse».

Ora, tut­ta­via, scrive il Post appena dopo l’esaltazione della rivolta di Maj­dan, «alcune for­ma­zioni mostrano i loro lati peg­giori. Negli ultimi mesi hanno ter­ro­riz­zato o atten­tato alla vita di fun­zio­nari sta­tali, hanno minac­ciato di pren­dere il potere se Poro­shenko non rie­sce a vin­cere la Rus­sia». Lo scorso ago­sto, «il bat­ta­glione “Dnepr-1” seque­strò il Pre­si­dente del Comi­tato sta­tale per l’agricoltura, affin­ché non nomi­nasse un fun­zio­na­rio sco­modo» che avrebbe potuto nuo­cere ad alcuni inte­ressi. E «il 15 dicem­bre, que­ste for­ma­zioni hanno bloc­cato il con­vo­glio uma­ni­ta­rio diretto nel Don­bass, dove esi­ste una seria minac­cia di cata­strofe uma­ni­ta­ria». Il 23 dicem­bre, «il bat­ta­glione “Azov” ha dichia­rato di voler pren­dere con­trollo del porto di Mariu­pol»; «nei con­fronti del solo “Ajdar” la pro­cura ha avviato 38 pro­ce­di­menti» e lo stesso pre­si­dente Poro­shenko avrebbe sol­le­vato la que­stione dei bat­ta­glioni, lo scorso novem­bre, al Con­si­glio nazio­nale di difesa.

Esperti mili­tari russi ipo­tiz­zano che il rifiuto di «Pra­vyj sek­tor» — al cen­tro di una sorta di sol­le­va­zione a Khar­kov, lo scorso dicem­bre — e del suo lea­der Dmi­trij Jarosh, a sot­to­stare allo Stato mag­giore, uni­ta­mente al basso morale delle truppe costrette a com­bat­tere con­tro pro­pri con­na­zio­nali civili nel Don­bass, possa pro­vo­care un gene­rale rifiuto della disci­plina nell’esercito ucraino e nella guar­dia nazionale.

Ecco che allora il gior­nale sta­tu­ni­tense veste i panni del con­si­gliere e fa i nomi di coloro che destano mag­gior pre­oc­cu­pa­zione: il mini­stro della Difesa Arsen Ava­kov, che, «invece di con­tra­stare tali azioni dei bat­ta­glioni», pro­pone addi­rit­tura di rifor­nirli di mezzi coraz­zati e li eleva «al rango di bri­gata. Crea scon­certo che a set­tem­bre egli abbia nomi­nato il coman­dante del neo­na­zi­sta “Azov” alla carica di capo della poli­zia per la regione di Kiev». E, accanto ad Ava­kov, l’oligarca Kolo­mo­j­skij che «dopo aver gio­cato un ruolo ono­re­vole nella sta­bi­liz­za­zione a est, ora ignora il potere centrale».

Evi­den­te­mente a Washing­ton ci si pre­oc­cupa di dare una veste «rispet­ta­bile» ai gol­pi­sti di Kiev e quindi «cosa si deve fare in que­sta situa­zione? Poro­shenko vuole risol­vere il pro­blema, ma non si decide ad agire», anche per­ché deve con­cor­dare le azioni col pre­mier Jatse­n­juk, «di cui Ava­kov è il prin­ci­pale alleato». L’inviato del Post sem­bra chie­dersi: si dovrà allora inter­ve­nire dall’esterno in modo deciso?

La voce dei «tutori finan­ziari occi­den­tali», della Nato la cui stra­te­gia di allar­ga­mento ha non poche respon­sa­bi­lità ed è peri­co­lo­sa­mente arri­vata al con­fine russo, esige che si metta ordine e si con­tra­stino i «germi della dit­ta­tura mili­tare» costi­tuiti dalle mosse troppo avven­tate dei bat­ta­glioni, i quali, oltre­tutto, «sol­le­vano le rea­zioni nega­tive della stampa mon­diale». Il mes­sag­gio appare fin troppo chiaro: occhio ragazzi, ciò che fate nel Don­bass non pre­oc­cupa nes­suno, per­ché la stampa occi­den­tale si ferma a Kiev e non arriva fino a Done­tsk. Però, almeno Kiev biso­gna vestire gli abiti buoni: le mime­ti­che e gli sten­dardi nazi­sti lascia­moli per con­ti­nuare le stragi di civili nella Novo­ros­sija, cioè nel Don­bass insorto.



Related Articles

Referendum. I kurdi sfidano la Storia

Kurdistan. Il 92,7% di sì all’indipendenza è il riscatto del più grande popolo senza Stato

Alain Touraine. Il realismo visionario del mondo che verrà

Un’intervista con il teorico francese Alain Touraine, in Italia per un ciclo di conferenze

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment