L’orizzonte perduto della trasformazione

L’orizzonte perduto della trasformazione


La para­bola che sale con imme­dia­tezza alla mente è quella rac­con­tata da Kafka nel suo Il pro­cesso. In que­sto libro si narra di un uomo che giunge davanti alla porta della verità e della giu­sti­zia, e mal­grado essa sia aperta egli decide di rivol­gersi al custode (il potere fre­nante) chie­dendo il per­messo di poter entrare. Si può dav­vero chie­dere il per­messo per acce­dere a ciò che è nel diritto di ogni essere umano?

Ma tant’è. Il custode nega quel per­messo e l’uomo decide di sedersi per aspet­tare. Con­ti­nuando perio­di­ca­mente a richie­dere un per­messo che gli viene pun­tual­mente negato, sem­pre con la solita spie­ga­zione per cui non è ancora il momento.

Passa un tempo lun­ghis­simo, tanto che l’uomo ha potuto stu­diare le carat­te­ri­sti­che del custode con pre­ci­sione cer­to­sina, fino a cono­scere per­sino il numero delle pulci pre­senti nel suo collo di pel­lic­cia. Il tempo è sovrano, forse l’unico dio di cui dispo­niamo in que­sta terra (e di cui vediamo e subiamo effetti ben tangibili).

Cosic­ché l’uomo giunge in punto di morte, e volen­dosi con­ce­dere almeno il lusso della curio­sità, rivolge la domanda fati­dica al custode: «Come mai in tutti que­sti anni sono stato l’unico a chie­dere di poter entrare?». La rispo­sta è ful­mi­nante: «Nes­sun altro poteva entrare per­ché que­sta era la vostra porta. E adesso andrò a chiu­derla per sempre!».

Una sto­ria che ricorda molto da vicino la para­bola della sini­stra con­tem­po­ra­nea. Una sini­stra che ha avuto la sua occa­sione nel 1989, ma l’ha spre­cata affo­gando nella furia di rin­ne­gare tutto il pro­prio pas­sato, dismet­tere i pro­pri valori e ade­rire, con lo zelo ecces­sivo del neo­fita, a quelli di un libe­ra­li­smo che nel frat­tempo stava indos­sando nuo­va­mente la veste ultraliberista.

In que­sto senso trova una spie­ga­zione il trionfo odierno del Pd e del suo nuovo lea­der Mat­teo Renzi: «Altro che vit­to­ria schiac­ciante della sini­stra: l’uscita di scena del Cava­liere ha favo­rito e con­fer­mato in realtà il con­so­li­da­mento di un’unica vastis­sima destra!».

È que­sto il ritratto duro e impie­toso che emerge dalla let­tura del nuovo libro di Ste­fano G. Azzarà, Demo­cra­zia cer­casi. Dalla caduta del Muro a Renzi: scon­fitta e muta­zione della sini­stra, bona­par­ti­smo post­mo­derno e impo­tenza della filo­so­fia in Ita­lia (Impri­ma­tur edi­tore, pp. 333, 16 euro).

Ma non è ovvia­mente tutto. Per­ché secondo l’autore non è sol­tanto che la sini­stra oggi può final­mente gover­nare e distri­buire un bonus di ottanta euro ai pro­pri elet­tori, rinun­ciando a se stessa e inte­stan­dosi il pro­gramma altrui. Il fatto prin­ci­pale, piut­to­sto, è che con la disfatta della sini­stra biso­gna pren­dere atto dell’estinguersi della democrazia.

Que­sta infatti, come ogni feno­meno che com­pare nel pro­sce­nio della vicenda umana, ha un ini­zio e pur­troppo anche una fine. Secondo Azzarà depe­ri­sce quando i rap­porti di forza in una società sono ecces­si­va­mente squi­li­brati e, di con­se­guenza, le parti più forti pre­val­gono in maniera schiac­ciante sulle altre. Senza nes­sun biso­gno di chia­mare in causa la P2 o chissà quali trame oscure, ciò che sta avve­nendo è la nor­ma­lità del pro­gramma e della prassi poli­tica libe­rale nel momento in cui gli inte­ressi delle classi domi­nanti non tro­vano più un’efficace rispo­sta nel con­flitto orga­niz­zato delle classi subalterne.

In que­sto senso, pos­siamo e dob­biamo smet­tere di par­lare di un con­te­sto democratico.

Secondo Azzarà, infatti, abbiamo assi­stito e stiamo assi­stendo a muta­menti impo­nenti che hanno svuo­tato gli stru­menti della par­te­ci­pa­zione popo­lare, favo­rendo una forma neo­bo­na­par­ti­stica e iper­me­dia­tica di potere cari­sma­tico e spin­gendo molti cit­ta­dini nel limbo dell’astensionismo o nell’imbuto di una pro­te­sta rab­biosa e inef­fi­cace. Al tempo stesso, in nome dell’emergenza eco­no­mica per­ma­nente e della gover­na­bi­lità, gli spazi di rifles­sione pub­blica e con­fronto sono stati sacri­fi­cati al pri­mato di un deci­sio­ni­smo improvvisato.

Die­tro que­sti cam­bia­menti c’è però un più cor­poso pro­cesso mate­riale che dalla fine degli anni Set­tanta del secolo scorso ha minato le fon­da­menta stesse della demo­cra­zia: il rie­qui­li­brio dei rap­porti di forza tra le classi sociali, che nel dopo­guerra aveva con­sen­tito la costru­zione del Wel­fare, ha lasciato il campo ad una riscossa dei ceti pro­prie­tari che nel nostro paese come in tutto l’Occidente ha por­tato ad una redi­stri­bu­zione verso l’alto della ric­chezza nazio­nale, alla fran­tu­ma­zione e pre­ca­riz­zione del lavoro, allo sman­tel­la­mento dei diritti eco­no­mici e sociali dei più deboli. Intanto, nell’alveo del neo­li­be­ra­li­smo trion­fante, si dif­fon­deva un clima cul­tu­rale dai tratti mar­ca­ta­mente indi­vi­dua­li­stici e com­pe­ti­tivi. Men­tre dalle arti figu­ra­tive alla filo­so­fia, dalla sto­ria alle scienze umane, il post­mo­der­ni­smo dila­gava, dele­git­ti­mando i fon­da­menti e i valori della moder­nità – la ragione, l’uguaglianza, la tra­sfor­ma­zione del reale — ren­dendo impra­ti­ca­bile ogni pro­getto di eman­ci­pa­zione con­sa­pe­vole, col­let­tiva e organizzata.

Il punto nodale è che è stata la sini­stra, e non Ber­lu­sconi, il prin­ci­pale agente respon­sa­bile di que­sta deva­sta­zione.
Una sini­stra ste­ril­mente aggrap­pata al valore ana­cro­ni­stico dell’«antifascismo», con i par­la­men­tari di Pd e Sel che, esat­ta­mente un anno fa (28 gen­naio del 2014), can­ta­vano «Bella ciao» in par­la­mento per cele­brare l’approvazione di un decreto che (sapien­te­mente blin­dato dalla pre­si­dente della camera) in realtà si rive­lava come l’ennesimo grosso favore alle banche.

E dire che la potenza «anti­fa­sci­sta» per eccel­lenza è in realtà l’America, pronta ed effi­cace nell’affibbiare la patente di «fasci­sta» all’Islam (Daniel Pipes) e di volta in volta ai vari pro­ta­go­ni­sti della poli­tica che osano opporsi alla fab­brica del con­senso made in Usa.

L’economista J. K. Gal­braith scrisse che «sotto il capi­ta­li­smo l’uomo sfrutta l’altro uomo, sotto il comu­ni­smo avviene il contrario».

La sini­stra odierna ha rite­nuto un’operazione par­ti­co­lar­mente sagace sce­gliere con entu­sia­smo la prima opzione.



Related Articles

La grande riforma se ne va in ferie

Nel con­si­glio dei mini­stri del 29 ago­sto sono stati appro­vati, secondo il sito del Mini­stero della giu­sti­zia, sette prov­ve­di­menti pre­sen­tati dal mini­stro Orlando

Verdini debutta in maggioranza

L’M5S insiste perché Renzi salga al Colle per informare dell’avvenuto allargamento della maggioranza. Forza Italia si associa

In piazza il socialismo anche senza Hugo Chavez

Venezuela. Dopo le proteste anti Maduro, a un anno dalla morte del leader

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment