La « terapia Ale­sina » va rovesciata

La « terapia Ale­sina » va rovesciata

Cari Ber­sani, Civati, Cuperlo e Fas­sina, vor­rei avan­zare una pro­po­sta seria, ancor­ché «inde­cente»: espan­dere il defi­cit di 2–3 punti per­cen­tuali di defi­cit per inver­tire l’indebolimento della domanda interna, che ci sta por­tando al collasso.

Par­tiamo dalle dichia­ra­zioni del pre­si­dente della Com­mis­sione Junc­ker e di Weid­man (pre­si­dente della Bun­de­sbank). Il primo ha minac­ciato san­zioni «dolo­rose» se non obbe­diamo senza riserve alle regole del fiscal com­pact. Il secondo ha riba­dito la sua posi­zione nota, per quanto smen­tita dai fatti, sull’inderogabile neces­sità di rigore fiscale. Cioè: obbe­dite, o saranno guai peg­giori. Ma i guai peg­giori sono già per strada
In que­sto momento solo negli Usa c’è cre­scita; ma nep­pure la Fed crede alla sua durata. Il Giap­pone è in reces­sione, il ritmo di cre­scita della Cina cala, e quindi quello di Bra­sile e Austra­lia. Anche la Ger­ma­nia ral­lenta. E il quasi dimez­za­mento del prezzo del petro­lio, avrà pesanti riper­cus­sioni negative.

In que­sto qua­dro, l’azione del governo ita­liano non aiuta. Il decreto Poletti aumenta la pre­ca­rietà in entrata fino a rischiare di farne pra­ti­ca­mente l’unica forma in ingresso. E le misure annun­ciate di incen­ti­va­zione all’assunzione, in un clima di domanda depressa, non cree­ranno occu­pa­zione netta. Il tutto, quindi, farà calare la massa salariale.

La sini­stra Pd è stata sostan­zial­mente inef­fi­cace, ridotta a una poli­tica di rin­corsa dell’iniziativa poli­tica ren­ziana, limi­tan­dosi a emen­da­menti mar­gi­nali, mai in grado di inver­tire il segno delle misure.

Quindi: primo, con­ti­nuerà la caduta di domanda interna.

Secondo: ci vuole uno shock di domanda per fermarla.

Para­dos­sal­mente, pro­prio Ale­sina, l’autore della teo­ria dell’«austerità espan­siva» a base del fiscal com­pact, sug­ge­ri­sce una solu­zione, soste­nendo, con Gia­vazzi, che siamo di fronte a una crisi di domanda, e che quindi c’è biso­gno di uno sti­molo quan­ti­fi­ca­bile in 40 miliardi di euro. Ovvia­mente aggiun­tivi al deficit.

Terzo: per aumen­tare il defi­cit oltre il 3 fino al 5 o al 6%, biso­gnerà affron­tare uno scon­tro duris­simo con Bru­xel­les. Inol­tre, i due dicono che la domanda va spo­stata dal pub­blico al pri­vato. Biso­gna, invece, aumen­tare la domanda pub­blica, volano alla pri­vata; che in reces­sione fatica a ripar­tire (anche avendo soldi).

Ma c’è un altro limite alla solu­zione di Ale­sina e Gia­vazzi: è social­mente di destra. I 40 miliardi ser­vi­reb­bero a finan­ziare sgravi, che andreb­bero mag­gior­mente ai red­diti alti e meno ai red­diti bassi. Sgravi da recu­pe­rare poi con i soliti tagli sui red­diti medio-bassi.

C’è anche un risvolto inter­na­zio­nale. Il nome di Ale­sina (docente a Har­vard) lo sug­ge­ri­sce. Da tempo è in corso una vio­lenta pole­mica tra Usa e auto­rità euro­pee sull’austerità, fino al recente scon­tro aperto tra il pre­si­dente Obama e la Mer­kel. Anche quello tra Dra­ghi e Weid­man s’inserisce nel qua­dro. Come pure la recente presa di posi­zione franco-tedesca con­tro le clau­sole del Trat­tato Transatlantico.

La posi­zione della sini­stra è dif­fi­cile. Con Fran­cia e Ger­ma­nia con­tro gli effetti sociali del Trat­tato, ma con gli Usa con­tro l’austerità è più facile a dirsi che a farsi.

Ma potrebbe essere l’unica strada. Avrà mai il corag­gio la sini­stra di rom­pere il tabù euro­peo del rigore; rispetto a cui ha pagato troppi prezzi di subal­ter­nità poli­tica? Dicendo l’economia va rilan­ciata, punto. Con più spese, e sgravi, ma solo ai red­diti bassi. E il recu­pero nell’immediato che sia redi­stri­bu­tivo dall’alto verso il basso (e una vera patri­mo­niale sui capi­tali; vedi gli accordi con la Sviz­zera fatti da Usa e Ger­ma­nia); e suc­ces­si­va­mente basan­dosi sull’aumento di get­tito dovuto alla ripresa.

Per­ché l’ipotesi che il Governo possa avan­zare una variante della pro­po­sta di Ale­sina è sul tap­peto. E sarebbe neces­sa­ria­mente una variante vicina alla filo­so­fia di Bru­xel­les (e di Ale­sina). Il mag­gior defi­cit farebbe aumen­tare la disu­gua­glianza distri­bu­tiva; e le grandi opere lasce­reb­bero l’Italia in preda di tutte le emer­genze ter­ri­to­riali di que­sti anni (allu­vioni, crolli etc. etc.), senza con­tri­buire un gran­ché all’occupazione; e facendo rica­dere suc­ces­si­va­mente l’onere dell’aggiustamento sui red­diti medio bassi.

Ma se si vuole risol­le­vare il paese biso­gna inver­tire la cre­scita della disu­gua­glianza; e attuare opere dif­fuse a com­pen­sare la tra­scu­ra­tezza ormai ven­ten­nale del ter­ri­to­rio: nes­sun farao­nico Ponte di Mes­sina, o simili, ma strade, ponti, scuole, manu­ten­zione del patri­mo­nio pae­sag­gi­stico e artistico.

Se l’austerità ha pro­dotto danni, la tera­pia di Ale­sina aggiunge i danni della cura a quelli della malat­tia. Deve essere con­tra­stata. Così facendo la sini­stra potrebbe porre un pro­blema poli­tico che l’Europa non può rin­viare: l’austerità uccide i paesi euro­pei, l’euro e l’Europa. Per­ché l’Europa si salva sal­vando l’Italia. Dopo il ripe­tuto no euro­peo alla fles­si­bi­lità, lo shock di spesa potrebbe essere l’unica carta a dispo­si­zione del nostro paese.

Non c’è più tempo. L’attendismo è sui­cida, per la sini­stra e per il paese.



Related Articles

Unipol conquista Fonsai, fuori i Ligresti

Versati 400 milioni in Premafin. Cimbri: “Ora pensiamo al piano industriale”

OCSE. La ripresa contagia il mondo ma cresce anche il rischio bolla

Secondo l’Ocse le 45 economie più grandi chiuderanno il 2017 in positivo Non succedeva da dieci anni. Ora il pericolo è una nuova bolla speculativa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment