Epatite C, nuovi farmaci gratis Lorenzin: «È una rivoluzione»

Epatite C, nuovi farmaci gratis Lorenzin: «È una rivoluzione»

ROMA Costano un’enormità perché sono il frutto di una ricerca d’avanguardia. Ma cambieranno la vita a migliaia di malati con epatite C e, alla lunga, porteranno un risparmio al Servizio sanitario nazionale i farmaci di ultima generazione capaci di eliminare il virus nell’80% dei casi. Quattro molecole che in Italia verranno date gratuitamente a chi ne ha bisogno, come ha annunciato il direttore dell’Agenzia italiana del farmaco, Luca Pani.
Il primo, sofosbuvir (di Gilead), è entrato nel nostro prontuario lo scorso ottobre. Entro questa settimana sarà disponibile il secondo, il simeprevir, prodotto vicino a Latina da Janssen. A ruota sono attesi gli altri due. Stanno poi per tagliare il traguardo della trafila regolatoria altre tre molecole capaci come le «sorelle» di rivoluzionare le strategie terapeutiche contro un’infezione che distrugge il fegato ed è causa di complicanze potenzialmente mortali, la cirrosi, il tumore. Ecco perché in prospettiva il pacchetto dei salvavita è un risparmio in termini di ricoveri, trapianti, assistenza ai pazienti cronici. Circa un miliardo all’anno è la stima dei costi.
Lo stanziamento specifico che garantisce queste pillole è contenuto nella legge di Stabilità. Un miliardo e mezzo che dovrebbe consentire di trattare a carico della sanità pubblica circa 15 mila pazienti l’anno. Era uno degli obiettivi dichiarati a caldo dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin quando entrò nel governo: «Siamo a una svolta epocale. È come passare dalla radio a internet».
Le associazioni, come l’Epac, però non abbassano la guardia e vigilano affinché le nuove cure vengono date davvero. Ci sono criticità in Campania, Calabria e Sicilia. Alcune regioni tardano a indicare l’elenco dei centri prescrittori.
Margherita De Bac


Related Articles

Indulto subito, poi la riforma

Le condizioni di detenzione in carcere in Italia, a causa principalmente del sovraffollamento, sono inumane e degradanti per gran parte degli oltre 60.000 detenuti (molti dei quali nemmeno condannati definitivamente).

La tortura infinita della legge che non c’è

Senato. Sono le camere a «vigilare» sulla polizia oppure accade il contrario? Le preoccupazioni infondate degli apparati di sicurezza insabbiano il divieto e impongono il dietrofront ai partiti.L’unanimità  raggiunta dai gruppi in commissione dura pochi giorni, l’aula di Palazzo Madama ci ripensa e chiede più tempo per il nuovo reato. Basta con un’ipocrisia che dura da decenni

Con l’emergenza lavoro 6 su 10 ora sono precari I disoccupati bocciano la ricetta del Jobs Act

La ricorrenza del Primo Maggio segnata dall’inquietudine per il diritto all’occupazione negato. Il primo scudo anti-crisi resta la famiglia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment