New York, assassinato storico italiano “ Aveva indagato sulla polizia di Tito ”

New York, assassinato storico italiano “ Aveva indagato sulla polizia di Tito ”

NEW YORK . William Klinger aveva pubblicato decine di saggi sulla figura di Tito, la guerra partigiana in Jugoslavia, il comunismo nei Balcani, i movimenti nazionali a Fiume. L’ultimo suo saggio era sull’Ozna, la polizia politica di Tito, “terrore del popolo”. E ora gli investigatori di New York cercano anche in quelle pagine una risposta al giallo che da tre giorni turba la metropoli: perché lo storico italo-croato è stato ammazzato sabato nel parco di Astoria, vicino alla grande piscina, con un colpo di pistola alla testa? C’è forse un movente politico, visto che l’ipotesi della rapina appare poco probabile? Gli inquirenti sperano di trovare le prime risposte nell’interrogatorio di Alexander Bonich, 49 anni, un americano residente a Queens che ieri è stato arrestato per omicidio di secondo grado e occultamento delle prove. Secondo alcune informazioni trapelate dal quartiere generale della NYPD, la polizia di New York comandata da William Bratton, Bonich era in possesso di un’arma illegale ed era un amico della vittima.
La notizia dell’assassinio di Klinger è stata accolta con sgomento a Gradisca d’Isonzo, il comune in provincia di Gorizia dove risiedeva insieme alla moglie e due figli. «Era una persona colta e impegnata, anche se talvolta sembrava starsene sulle sue», ha riferito Franco Tommassini, che per dieci anni è stato sindaco di quel paese isontino. Nato 42 anni fa a Rijeka, in Croazia, con una prima laurea in storia a Trieste, e poi studi avanzati a Budapest e Firenze, dove ha conseguito il dottorato con una tesi sulla storia di Fiume dal 1848 al 1924, Klinger parlava quattro lingue, oltre al croato e l’italiano, e lavorava al Centro di ricerche storiche di Rovigno. A New York era andato per un convegno sull’ex-Jugoslavia: ed è proprio lì che ha trovato la morte.
Faceva molto freddo, sabato pomeriggio: temperature ben sotto lo zero e un vento artico che avrebbe poi creato una bufera di neve. Dopo pranzo Klinger si trovava nell’Astoria park, tre ettari di verde che si affacciano sull’East river, il fiume che costeggia Manhattan. È il parco più vecchio e più esteso di Queens, ha piscine, campi da tennis e da bocce, percorsi per la corsa. C’è anche una grande piscina: ed è lì che lo storico è stato trovato per terra alle 14 e 30 da alcuni passanti. Era in un lago di sangue, una pallottola gli aveva traforato il cranio. Il ricovero di urgenza al Elmhurs Hospital si è rivelato vano: i medici si sono limitati a firmare il certificato di decesso.
All’inizio i tabloid hanno pensato a una rapina: circostanza sempre più rara, ma non impossibile né a Central Park, né negli altri parchi della città. D’altra parte sembrava che l’assassino non avesse rubato nulla dalle tasche di Klinger. La vera svolta nelle indagini si è avuta ieri: l’arresto di Bonich nel suo appartamento sulla 42ma strada di Queens ha aperto una pista importante, anche se il giallo non è ancora stato risolto del tutto.


Related Articles

La grande sfida: il debito pubblico la scelta dell’America

L’esposizione degli Usa ha superato il 90 per cento Il nuovo presidente dovrà  agire davvero per limitarla Tra le tante sfide che il nuovo presidente degli Stati Uniti dovrà  affrontare ce n’è una che questa volta non potrà  facilmente essere rinviata al futuro. Si tratta di impostare e mettere in pratica una strategia credibile per la riduzione della montagna del debito pubblico americano. Se succede davvero, sarà  la prima volta dai tempi di Thomas Jefferson.

Pechino tra stabilità  e voglia di consumi

CINA Aperta l’assemblea nazionale, spese militari +10,7%
Il premier uscente Wen Jiabao: crescita a +7,5% Ma le disuguaglienze crescono: nel 2012 oltre 180 mila «disordini»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment