Ucraina, guerra o pace: si decide oggi

Si deci­derà tutto oggi, con una tele­fo­nata che dovrebbe con­net­tere Putin e Poro­shenko a Mer­kel e Hol­lande. I quat­tro lea­der dovranno discu­tere del piano di pace e tro­vare un accordo. Signi­fica che, tanto Poro­shenko quanto Putin, dovranno rinun­ciare a qual­che pre­tesa e accet­tare un compromesso.

Non sarà facile, come hanno dimo­strato que­sti giorni e quell’accordo set­tem­brino di Minsk, vio­lato un minuto dopo essere stato fir­mato. Alla poca cre­di­bi­lità delle parti in causa (sia dei man­danti, Usa e Rus­sia, sia dei pro­ta­go­ni­sti sul campo, Kiev e mili­ziani ribelli) si aggiunge il clima di ten­sione dopo la mis­sione capi­ta­nata da Ger­ma­nia e Fran­cia, prima a Kiev e poi a Mosca e con­clu­sasi con poche pro­messe e ancora meno cer­tezze. Ieri ci sono state alcune scher­ma­glie dia­let­ti­che che hanno sot­to­li­neato il valore della posta in palio.

In modo forse ecces­si­va­mente sen­sa­zio­na­li­stico, il più chiaro di tutti è stato il pre­si­dente fran­cese Hol­lande: «Se non si arriva ad un accordo con­di­viso da tutti, la guerra sarà l’unica solu­zione». Si potrebbe obiet­tare: dov’è la novità? C’è già una guerra in Ucraina. Ma Hol­lande parla di un’altra guerra, non più per pro­cura, ma con truppe Nato sul ter­reno; una pos­si­bi­lità che apri­rebbe sce­nari a cui nes­suno, nep­pure Putin, vuole pen­sare. Quindi, tanto per comin­ciare, è bene chia­rire quale sia il punto attuale che non per­mette un facile accordo: Kiev vuole man­te­nere i con­fini della tre­gua di set­tem­bre, i ribelli no, per­ché sono in van­tag­gio mili­tar­mente. Kiev vuole la sovra­nità totale sul paese, i ribelli vogliono l’autonomia. Poro­shenko ancora ieri a Monaco di Baviera ha escluso la pre­senza dei caschi blu, i ribelli non sono contrari.

È chiaro che al di là di impro­ba­bili novità, il com­pro­messo dovrebbe pre­ve­dere un «ces­sate il fuoco» ai con­fini sta­bi­liti a set­tem­bre, uni­ta­mente ad un’autonomia per le regioni orien­tali. Ma in que­ste ore che pre­ce­dono la resa dei conti diplo­ma­tica defi­ni­tiva, i ribelli hanno sfer­rato nuovi attac­chi: vicino a Done­tsk, per pun­tel­lare il pro­prio con­trollo sul ter­ri­to­rio e nei pressi di Mariu­pol, nel ten­ta­tivo di avvi­ci­nare sem­pre di più i col­le­ga­menti via terra tra Repub­bli­che popo­lari e la Cri­mea (la cui annes­sione alla Rus­sia, viene data per scon­tata e fuori da quanto si sta con­trat­tando). Nell’ambito delle nego­zia­zioni, è neces­sa­rio inol­tre sot­to­li­neare le posi­zioni di Usa e Ger­ma­nia. Gli Stati uniti, spe­cie negli ultimi giorni, hanno più volte lasciato inten­dere di pen­sare ad una solu­zione mili­tare. Una stra­te­gia gio­cata sul filo del rasoio, per­ché in realtà dagli Usa non è mai arri­vato un vero e pro­prio «ok» al riguardo.

Kerry ha chia­rito, spe­cie dopo le parole di Hol­lande e Mer­kel, che non era un’ipotesi cre­di­bile e ieri Biden lo ha riba­dito: «Non ci sono solu­zioni mili­tari per il con­flitto nell’est dell’Ucraina, ma l’Occidente deve con­ti­nuare a man­te­nere la pres­sione sulla Rus­sia fin­ché Mosca non cam­bierà atteg­gia­mento. Non cre­diamo –ha aggiunto– che la Rus­sia abbia il diritto di fare ciò che sta facendo e cre­diamo che il popolo ucraino abbia il diritto di difen­dersi». La Rus­sia, ha con­cluso il vice pre­si­dente Usa, deve «andar­sene dall’Ucraina o affron­terà un con­ti­nuo iso­la­mento e cre­scenti costi eco­no­mici in patria».
Poi c’è la Ger­ma­nia. Mer­kel ha — innan­zi­tutto — sop­pian­tato Lady Pesc, l’italiana Fede­rica Moghe­rini, senza pren­derla nem­meno in con­si­de­ra­zione e ponen­dosi alla testa della diplo­ma­zia euro­pea, sot­to­li­neando così la pro­pria forza.

Bene ha fatto, dal suo punto di vista, Hol­lande a porsi imme­dia­ta­mente al suo fianco. Mer­kel ha così riba­dito la cen­tra­lità tede­sca anche negli ambiti poli­tici, pren­dendo un’iniziativa diplo­ma­tica di tale rile­vanza; si tratta della prima volta dopo la seconda guerra mon­diale. Una rispo­sta poli­tica, anche alle que­stioni gre­che e pro­ba­bil­mente spa­gnole. «Sono con­vinta che que­sto con­flitto non verrà risolto con mezzi mili­tari, cre­diamo che la nostra forza stia nella pres­sione eco­no­mica», ha detto Mer­kel in merito all’ipotesi Usa di con­sen­tire l’invio di armi in Ucraina. «Il numero delle armi è grande — ha aggiunto — e non ha por­tato a una situa­zione in cui vedo una soluzione».



Related Articles

War games, pretesti senza obiettivi

Obama ha annunciato l’intervento militare in Siria ma prende tempo. Vuole avere la copertura del Congresso. Ma forse non solo. Intanto il Segretario di stato Kerry tiene alta la tensione accusando Assad di essere come Saddam o Hitler. Le navi da guerra – compresa la portaerei nucleare Nimitz – si avvicinano mentre continuano le manifestazioni contro la guerra.

Riconciliazione palestinese, celebrata da una cerimonia al Cairo

La cerimonia a Il Cairo (Ap)

La cerimonia a Il Cairo (Ap)

Presenti il presidente dell’Anp, il leader di Hamas, il ministro degli Esteri egiziano e segretario Lega Araba

Bush: “Al Pentagono 622 miliardi”

Presentato il bilancio per il 2007: cala la scure sulla spesa sanitaria pubblica (la Repubblica, MARTEDÌ, 06 FEBBRAIO 2007, Pagina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment