Abdul­lah Oca­lan: «La nostra è una rivoluzione di donne»

Abdul­lah Oca­lan: «La nostra è una rivoluzione di donne»

La nostra è una rivo­lu­zione di donne», è il mes­sag­gio del lea­der kurdo Abdul­lah Oca­lan, letto ieri nella città siriana di Kobane, libe­rata lo scorso gen­naio dall’assedio dei mili­ziani dello Stato isla­mico (Isis). Il lea­der del par­tito dei lavo­ra­tori kurdi (Pkk) ha ricor­dato che le donne kurde hanno «aperto gli occhi ad una nuova era di civiltà con lo spi­rito e la resi­stenza di Kobane».

Il rife­ri­mento è al ruolo cen­trale delle atti­vi­ste delle Unità di pro­te­zione popo­lare (Ypg), brac­cio armato del Par­tito demo­cra­tico unito (Pyd), come Arin Mir­kan, che hanno dato filo da tor­cere ai jiha­di­sti dell’Isis che lo scorso autunno ave­vano preso il cen­tro della città kurda. L’accordo tra il par­tito dei kurdi siriani (Pyd) e i kurdi di Oca­lan è al cen­tro dell’esperimento di auto­no­mia demo­cra­tica che coin­volge le pro­vince kurde siriane di Afrin, Kobane e Jazeera, meglio note come Repub­blica di Rojava.

Il mes­sag­gio del lea­der kurdo in pri­gione è arri­vato a pochi giorni dall’annuncio del por­ta­voce del movi­mento turco di sini­stra filo-kurdo, il Par­tito demo­cra­tico popo­lare (Hdp), Sirri Sur­reya Onder, sulla volontà poli­tica di Oca­lan di chiu­dere la sta­gione della lotta armata in Tur­chia. Que­sto pro­cesso, già annun­ciato nel 2013, avver­rebbe per gradi se venisse messo in atto dal governo turco un deca­logo in dieci punti che per­met­te­rebbe una più equa inte­gra­zione della mino­ranza kurda turca nelle isti­tu­zioni dello stato. Molti atti­vi­sti hanno defi­nito l’annuncio, dato alla pre­senza del mini­stero dell’Interno e dif­fuso attra­verso i media pub­blici, come un ten­ta­tivo stru­men­tale del pre­si­dente turco Recep Tayyp Erdo­gan di gua­da­gnare voti in vista delle pros­sime ele­zioni par­la­men­tari di giugno.

Pro­prio ieri Erdo­gan ha con­vo­cato al palazzo pre­si­den­ziale il secondo con­si­glio dei mini­stri posto sotto la sua pre­si­denza. Eletto nell’agosto scorso come pre­si­dente, nono­stante la costi­tu­zione turca con­fe­ri­sca alla pre­si­denza della Repub­blica solo poteri sim­bo­lici, Erdo­gan ha messo in chiaro di voler con­ti­nuare a gestire il paese. L’islamista mode­rato, impe­gnato in una cen­sura senza pre­ce­denti della stampa e dei cen­tri di potere con­trol­lati dal suo oppo­si­tore l’islamista radi­cale Fetul­lah Gulen in esi­lio negli Stati uniti, ha chie­sto agli elet­tori di dare un’ampia mag­gio­ranza al suo par­tito (Akp) per con­sen­tir­gli di cam­biare la costi­tu­zione e di isti­tuire un sistema pre­si­den­ziale che gli per­met­te­rebbe di raf­for­zare ulte­rior­mente il suo potere. Secondo la stampa turca indi­pen­dente, le inge­renze di Erdo­gan nel lavoro dell’esecutivo ini­zie­reb­bero a susci­tare ten­sioni con il pre­mier Ahmet Davutoglu.



Related Articles

Ucraina. C’è una bozza di piano di pace, ma Mosca vuole andare avanti

Nel documento in 15 punti anticipato dal «Financial Times» previsto il ritiro delle truppe russe a fronte di un’Ucraina neutrale. La Corte di giustizia Onu ordina lo stop all’invasione. Zelensky esulta: «Grande vittoria»

Austria e Ungheria sfidano Bruxelles su profughi e quote il vertice è un flop

Ingressi limitati, frontiere chiuse, esercito al confine E Budapest accusa Renzi: “No ai ricatti politici”

Accordo Fatah-Hamas. Palestina unita, ma senza pace con Israele

La primavera araba ha impresso un’accelerazione al ricongiungimento tra Hamas e Fatah, avvenuto formalmente ieri al Cairo davanti al presidente della Lega araba Amr Moussa. Le rivolte nel Maghreb hanno mostrato l’esistenza di un abbozzo di opinione pubblica laica, interessata alla libertà  di espressione. Negata, a Gaza da Hamas e in Cisgiordania da Fatah. Sotto questo profilo sono sono due i fattori principali che hanno costretto il presidente Abu Mazen e il leader politico di Hamas, Khaled Meshal, a velocizzare i tempi dell’accordo: il timore di rivolte da parte dei giovani palestinesi, la maggior parte dei quali non si sente rappresentata né dall’Anp né dal movimento islamico, e la questione siriana.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment