Un nuovo ordine e più petrolio ecco il terremoto che piace a Obama

PERSONALMENTE riesco a individuare molti validi motivi per arrivare a un accordo sul nucleare con l’Iran e altrettanti per rinunciarvi. Se non avete le idee chiare a questo proposito vediamo un po’ se riesco a confondervele ulteriormente. La proposta di sospendere le sanzioni contro l’Iran — purché quest’ultimo riduca le sue capacità nucleari tanto che la produzione di armi richieda almeno un anno di tempo — deve essere valutata in sé e per sé. Vanno esaminate in dettaglio le caratteristiche del sistema di verifica, in particolare le conseguenze in caso di imbrogli da parte iraniana. Bisogna però tener conto del quadro dei più ampi obiettivi strategici americani nella regione, perché un accordo tra Usa e Iran equivarrebbe a un terremoto in grado di scuotere ogni angolo del Medio Oriente. Non si presta adeguata attenzione alle implicazioni regionali dell’accordo, in particolare a ciò che accadrebbe se andassimo a rafforzare l’Iran in un momento in cui gran parte del mondo arabo sunnita vive una grave crisi. La tesi del team di Obama è che l’accordo con l’Iran abbia carattere “trasformativo”, la rimozione delle sanzioni cioè, sarebbe una ventata d’aria nuova e potrebbe spingere l’Iran ad aprirsi, uscendo dall’isolamento imposto dal 1979 dagli ayatollah e dalle guardie della rivoluzione, trasformandolo gradualmente da stato rivoluzionario a paese normale, meno incline a minacciare Israele. Se si parte dal presupposto che l’Iran possieda già la tecnologia e gli strumenti per costruire armi nucleari l’unico modo per ridurne la pericolosità è cambiare le caratteristiche del suo regime.
Secondo Karim Sadjadpour, esperto di Medio Oriente del Carnegie Endowment, per quanto Obama e i suoi si sforzino di credere che l’accordo possa essere “trasformativo” il leader supremo iraniano Ali Khamenei, «lo considera transattivo» – l’Iran si tura il naso, conclude l’accordo, riguadagna forza, e resta aderente ai suoi vecchi principi rivoluzionari. Però non si può mai dire, magari da transattivo l’accordo può avere inesorabili e imprevedibili effetti trasformativi.
Un’altra tesi è che l’Iran sia un paese normale e civile, che vanta elezioni vere (seppur limitate), una popolazione femminile istruita e un grande potere militare. Recuperare i rapporti con l’Iran consentirebbe agli Usa di gestire meglio i Taliban sunniti in Afghanistan, e neutralizzare i jihadisti sunniti come quelli dell’Is. Fin dalla rivoluzione iraniana del 1979 l’America ha puntato molto sull’Arabia Saudita, ma mentre la famiglia reale e le élite saudite sono allineate con gli Usa, esiste uno zoccolo duro di sauditi wahabiti che ha finanziato la diffusione di un Islam estremamente puritano, anti pluralista, misogino che ha cambiato lo spirito dell’Islam arabo contribuendo a mutazioni come l’Is. Nessun iraniano fu coinvolto nell’undici settembre.
Furono agenti iraniani a costruire gli esplosivi più letali che uccisero una gran numero di militari americani in Iraq. Fu l’Iran a incoraggiare i suoi alleati sciiti iracheni a rifiutare il prolungamento della presenza militare americana in Iraq. «Nella lotta contro l’Is, l’Iran è sia l’incendiario che il pompiere», dice Sadjadpour e aggiunge che per l’Arabia Saudita l’ascesa dell’Is è attribuibile alla repressione dei sunniti in Siria e in Iraq da parte dell’Iran e dei suoi accoliti sciiti. Per Tehran, l’ascesa dell’Is è attribuibile al supporto finanziario e ideologico dell’Arabia Saudita e dei suoi alleati del Golfo. Hanno ragione entrambi, ecco perché gli americani non hanno interesse tanto alla vittoria degli ideologi dell’una o dell’altra parte, quanto a un equilibrio.
Se si concluderà l’accordo sul nucleare sul mercato globale arriverà molto più petrolio iraniano, i prezzi caleranno a beneficio dei consumatori globali. L’Iran avrà però così miliardi di dollari in più da spendere per la guerra cibernetica, missili a lunga gittata e per imporre il proprio potere in tutto il mondo arabo. Già quattro capitali, Beirut, Baghdad, Damasco e Sana’a sono in mano a suoi fedelissimi. Ma considerando il caos che regna in Yemen, Iraq e Siria, davvero ci importa qualcosa se l’Iran vuol fare il poliziotto in quei territori? Per dieci anni è stata l’America a impegnarsi in Iraq e in Afghanistan, anche oltre misura. Ora tocca all’Iran. Sono desolato per le persone che devono vivere in quei paesi e senza dubbio dovremo utilizzare le forze aeree americane per evitare che il caos si estenda. Ma gestire il declino del sistema degli Stati arabi non dovrebbe essere problema nostro. Non siamo in grado di farlo.
Quindi prima di prendere una posizione sull’accordo con l’Iran chiedetevi che effetti avrà su Israele, il paese più minacciato dall’Iran. Chiedetevi però anche come l’accordo si inserisca nella più ampia strategia americana mirata a placare le tensioni in Medio Oriente con il minimo coinvolgimento necessario da parte Usa e il minor prezzo possibile del petrolio.
(© 2-015 New York Times News Service Traduzione di Emilia Benghi)


Related Articles

Lega Nord. Milano, l’invasione dei razzisti vecchi e nuovi

Lega Nord. Una prima assoluta per la Lega che prova ad occupare piazza Duomo con un raduno razzista per accreditarsi come l’unica forza di destra in Italia. Gli anticorpi della sinistra milanese antirazzista e antifascista si ritrovano naturalmente per contrastare il raduno leghista. Centri sociali, studenti e associazioni alle 15 sono in largo Cairoli

Espulsioni facili, la stretta tedesca

Germania. Il ministro dell’interno de Maizière presenta, in tv, il suo pacchetto anti-terrorismo. Più controlli e sorveglianza, dalle strade al web, arresti ed espulsioni più facili

Sentinelle sotto attacco a Parigi, sei feriti

Francia. Un sospetto arrestato, mentre fuggiva in auto dopo un attacco contro dei militari in pattuglia a Levallois-Perret

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment