Come inventarsi una crisi ai tempi del Jobs Act

Come inventarsi una crisi ai tempi del Jobs Act

La morale è sem­pre la stessa: a pagare sono sem­pre — e solo — i lavo­ra­tori. Sfrut­tando il Jobs act.

Whirl­pool, Auchan, Franco Tosi. Le crisi azien­dali post riforma hanno nomi diversi da quelle affron­tate negli anni scorsi. E — soprat­tutto — logi­che differenti.

Nel primo caso si tratta di un lea­der mon­diale degli elet­tro­do­me­stici che annun­cia esu­beri dopo aver com­prato un mar­chio (ita­liano) con­cor­rente. E già que­sto è illo­gico. Ma risulta odioso andando a leg­gere i risul­tati sban­die­rati al mondo intero pro­prio ieri. Il primo tri­me­stre 2015 per il gruppo del Michi­gan si è chiuso con un utile netto di 191 milioni di dol­lari, in cre­scita rispetto ai 160 milioni dello scorso anno (+18,8 per cento) e con ricavi record a 4,8 miliardi (+11 per cento). Il numero uno del gruppo Jeff M. Fet­tig ha poi spie­gato che il calo del cam­bio euro-dollaro non ha creato pro­blemi pro­prio per «i nostri piani di inte­gra­zione in Europa e in Cina», con l’Europa a fare la parte del leone nelle ven­dite: con 5,7 milioni di pezzi ha più che rad­dop­piato rispetto allo scorso anno por­tando l’utile ope­ra­tivo da 7 a 17 milioni di euro.

Ma ai tempi del Jobs act la glo­ba­liz­za­zione — ieri Mar­chionne ed Elkann hanno inau­gu­rato la nuova Mira­fiori (9mila posti di lavoro a Goioana, in Bra­sile) diventa una scusa per annun­ciare accor­pa­menti — come quello fra gli sta­bi­li­menti sto­rici di Inde­sit ver­sione Mer­loni di Melano ed Alba­cina, vicino a Fabriano — e spo­sta­menti di pro­du­zioni — i fri­go­ri­feri di Cari­naro (Caserta) saranno pro­dotti a Cas­si­neta (Varese).

Oggi si terrà il primo incon­tro della trat­ta­tiva. Si spera che il «non abbiamo pre­giu­dizi», pro­nun­ciato dall’ad euro­peo Davide Casti­glioni, porti a cam­biare un piano indu­striale per tutte que­ste ragioni «inac­cet­ta­bile» dai sindacati.

Ragioni ancora più para­dos­sali sono quelle addotte dal gigante della grande distri­bu­zione, la fran­cese Auchan, per annun­ciare ben 1.426 esu­beri su un totale di 12.873 lavo­ra­tori sui 57 iper­mer­cati che ha in Ita­lia. Prima tra le moti­va­zioni dei licen­zia­menti — e una di quelle addotte per le per­dite nei bilanci di Auchan Ita­lia che ha sede a Ber­gamo — è «la con­cor­renza sleale».

Secondo Auchan, soprat­tutto al Sud — zona dove erano ini­zial­mente con­cen­trati gli esu­beri — molti con­cor­renti non appli­cano ai pro­pri lavo­ra­tori i con­tratti nazio­nali del com­mer­cio oppure appli­cano con­tratti part-time men­tre il per­so­nale lavora full-time.

Ebbene, il pro­blema sarebbe facil­mente risol­vi­bile: baste­reb­bero i con­trolli degli ispet­tori del mini­stero del Lavoro a sanare la situa­zione e rista­bi­lire il rispetto dei con­tratti per i lavo­ra­tori, un equo costo del lavoro per tutti e la con­cor­renza nel mer­cato. Pec­cato che pro­prio la riforma del lavoro faci­liti i licen­zia­menti ma riduca fatal­mente ispet­tori e con­trolli con la ormai mitica Agen­zia unica, il cui decreto deve ancora arri­vare men­tre nel frat­tempo gli ispet­tori vivono nel limbo della incer­tezza totale sul loro futuro.

Anche qui i sin­da­cati hanno annun­ciato una mobi­li­ta­zione forte: assem­blee e scio­pero per il 9 mag­gio. Ma con­tro il Jobs act sem­brano tutte armi spuntate.

L’ultimo caso riguarda una fab­brica metal­mec­ca­nica. Si tratta della Franco Tosi, sto­rico mar­chio di Legnano, finito in stato di insol­venza dal luglio 2013 dopo una lunga crisi. Lunedì i lavo­ra­tori hanno votato il refe­ren­dum per appro­vare il pas­sag­gio alla Bruno Pre­sezzi. L’accordo sin­da­cale sot­to­scritto solo da Fim Cisl e Uilm pre­ve­deva solo 170 rias­sun­zioni sui 346 addetti totali. E per di più con il con­tratto a tutele cre­scenti e quindi senza l’articolo 18. I lavo­ra­tori hanno boc­ciato l’accordo (122 voti con­trari, 97 a favore, un aste­nuto) e subito tutta la stampa ha accu­sato la Fiom (con­tra­ria all’accordo) di non volere le nuove assunzioni.

«Ma qua siamo già al di là del Jobs act, siamo al Jobs act ad per­so­nam — spiega il segre­ta­rio della Fiom Lom­bar­dia Mirco Rota — . La Franco Tosi è in ammi­ni­stra­zione straor­di­na­ria e quindi per la legge Prodi dovrebbe esserci la con­ti­nuità azien­dale per tutti i lavo­ra­tori. In que­sto caso invece l’accordo fir­mato dagli altri sin­da­cati è in deroga e pre­vede che almeno il 90 per cento dei lavo­ra­tori rias­sunti fir­mino le libe­ra­to­rie per­so­nali in cui accet­tano le nuove regole con­trat­tuali e si impe­gnano a non fare causa». Ma que­sto nem­meno il Jobs act lo può evi­tare. Almeno per ora.



Related Articles

Cgt e Fo oggi in piazza con un corteo «breve»

Francia/Loi travail. Prefetto e Valls vietano, poi autorizzano

Ospedali psichiatrici giudiziari, rinvio al 2015

La fine dei sei ospedali psichiatrici giudiziari italiani doveva avvenire oggi. Un decreto del Consiglio dei ministri ha nuovamente rimandato lo stop definitivo

Tute blu in piazza, domani

Un alto numero di pullman sta per partire per Roma. Prevista grande partecipazione da parte dei movimenti

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment