Delrio promosso, Renzi incoronato

Gra­ziano Delrio è il nuovo mini­stro delle Infra­str­ut­ture. Indi­cato da Renzi come sosti­tuto di Mau­ri­zio Lupi nella riu­nione del governo a metà pome­rig­gio, è salito al Colle per giu­rare alle 20. Nella stessa riu­nione è stato nomi­nato pre­fetto di Roma Franco Gabrielli, capo della pro­te­zione civile, indi­cato da Alfano ma gra­di­tis­simo al pre­mier e non solo per­ché toscano (il che, comun­que, non gua­sta). Altri nomi per ora non ce ne sono.

Il nuovo sot­to­se­gre­ta­rio alla pre­si­denza del con­si­glio potrebbe essere nomi­nato già oggi, al più tardi mar­tedì. Pare che Anto­nella Man­zione, la vigi­lessa di fidu­cia, abbia perso posi­zioni e che il posto potrebbe andare a qual­cun altro. Ma se c’è incer­tezza sui nomi, l’identikit del pros­simo sot­to­se­gre­ta­rio è defi­nito: dovrà godere della piena fidu­cia sia di Renzi che di Maria Elena Boschi. In par­tenza il sot­to­se­gre­ta­riato era desti­nato pro­prio a lei, ma con l’Italicum in ballo sosti­tuire la mini­stra delle riforme era fuori discus­sione. In com­penso chiun­que pren­derà il posto di Del­rio dovrà rispon­dere a lei oltre che al gran capo, e que­sta è la carta che può ancora gio­care la Man­zione, vici­nis­sima alla ministra.

Tutto in alto mare anche per quanto riguarda il mini­stero degli affari regio­nali, pre­mietto di con­so­la­zione da asse­gnare col dovuto disprezzo all’Ncd. I nomi in ballo, al momento, sono tre: Dorina Bian­chi sarebbe stata indi­cata uffi­cial­mente dallo stato mag­giore del par­tito, ma è solo uno scherzo. Con­si­de­rata ren­zia­nis­sima, la Bian­chi potrebbe diven­tare mini­stra solo se impo­sta con le cat­tive da Mat­teo. Gli altri nomi sono quelli di Fede­rica Chia­va­roli e di Valen­tina Castal­dini, por­ta­voce nazio­nale dell’Ncd. Tutte donne, come voleva Renzi, ma soprat­tutto tutti nomi che, pur non essendo già con­qui­stati da palazzo Chigi, non dovreb­bero met­terci troppo a pas­sare armi e baga­gli alle dipen­denze del pre­mier. Non è detto che all’ultimo momento non rispunti Qua­glia­riello, tanto più che Cic­chitto chie­deva ieri sera «una pausa di rifles­sione», e di quelle lun­ghette. Ma anche se Alfano riu­scisse a con­qui­stare dav­vero e non solo in appa­renza il mini­stero, la situa­zione cam­bie­rebbe pochis­simo: don Mat­teo non ha alcuna inten­zione di lasciare a quel dica­stero la sostanza, cioè i fondi euro­pei per il Mez­zo­giorno.
Tutto il Pd ha plau­dito alla nomina di Del­rio, «il miglior mini­stro pos­si­bile» come lo defi­ni­scono in molti. Per­sino il defe­ne­strato Lupi lar­gheg­gia in com­pli­menti. Nel tri­pu­dio gene­rale tutti o quasi fanno finta di non accor­gersi che Renzi sta accu­mu­lando nelle sue mani, o in quelle dei fede­lis­simi, più potere di quanto ne abbia mai avuto nes­suno nella sto­ria repub­bli­cana, e per la verità pochini anche prima: nem­meno a fare un para­gone con Ber­lu­sconi, che per vent’anni aveva dovuto mediare dav­vero con tutti. Il giro di val­zer in corso con­se­gnerà diret­ta­mente a Lotti una parte delle com­pe­tenze del mini­stero che fu di Lupi e delle altre si occu­perà un neo mini­stro che, nono­stante qual­che ten­sione con Renzi, resta forse l’uomo a lui più vicino. I fondi euro­pei per il Sud, salvo colpi di scena, fini­ranno anche loro sotto il con­trollo di palazzo Chigi. A Roma, la nomina di Gabrielli per­met­terà a Renzi di eser­ci­tare pieno con­trollo anche sulla capitale.

Una simile con­cen­tra­zione di potere non si era mai vista. A ren­derla pos­si­bile è soprat­tutto l’inesistenza di qual­siasi oppo­si­zione, interna o esterna alla mag­gio­ranza. Fi è in fase di dis­sol­vi­mento. Nelle pros­sime ore Fitto pren­derà il largo con l’appoggio del can­di­dato for­zi­sta in Puglia Schit­tulli, pas­sato di corsa nell’armata del viceré. Ver­dini mar­cia per conto pro­prio. Al Senato parec­chi potreb­bero seguire a breve l’esempio di Bondi e Manuela Repetti, pas­sando al gruppo Misto come fase di tran­sito in vista della crea­zione di un nuovo gruppo. L’Ncd non ha più voce in capi­tolo. La mino­ranza Pd non pre­oc­cupa né Renzi il pre­mier né Renzi il segre­ta­rio. È con­vinto che la fuo­riu­scita dei dino­sauri del ven­ten­nio finito sarebbe per lui solo un van­tag­gio. In que­ste con­di­zioni, nulla può dav­vero opporsi alla dila­gante occu­pa­zione del potere da parte del pre­mier. Reste­reb­bero i media. Se non fos­sero più ser­vili che mai.



Related Articles

Al voto vince la cattiveria dei Salvini, come un’antica festa crudele

Destre. La cifra del cambiamento è un’inversione morale, che gli elettori hanno approvato. Come scriveva Luciano Gallino, per Pd e 5Stelle vale, a pari merito, « il trionfo della stupidità»

New York, agenti uccisi la rabbia della polizia contro il sindaco de Blasio “Mani sporche di sangue”

L’accusa di aver appoggiato le manifestazioni degli afroamericani dopo Ferguson. La protesta: gli voltano le spalle al suo arrivo. Obama: “Omicidi ingiustificabili”

Al-Sisi schiaffeggia la stampa: arrestato il presidente del sindacato

Egitto. Il regime egiziano sfida i giornalisti ribelli: in carcere Qalash, insieme al segretario e al vice segretario. Otto fratelli musulmani condannati a morte, il leader spirituale Badie ad un altro ergastolo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment