Scuola, sciopero generale il 5 maggio

Era dal 2008 che nella scuola non si pro­cla­mava uno scio­pero gene­rale uni­ta­rio. Sette anni fa con­tro la riforma Berlusconi-Gelmini, il pros­simo 5 mag­gio con­tro la «Buona scuola» fir­mata Renzi-Giannini. Come per la morte di Napo­leone, la data sarà sto­rica anche per un altro motivo: si scio­pe­rerà di mar­tedì, zit­tendo in anti­cipo le lita­nie sui venerdì pre-festivi o sui ponti allungati.

L’annuncio è arri­vato ieri mat­tina dal palco di piazza Santi Apo­stoli a Roma. Tra il tri­pu­dio dei circa due­mila Rsu che riem­pi­vano la più pic­cola tra gli spazi che Roma ora con­cede alle mani­fe­sta­zioni. Una mani­fe­sta­zione pra­ti­ca­mente uni­ta­ria — man­ca­vano solo Usb e Cobas che scen­de­ranno in piazza il 12 mag­gio — con i con­fe­de­rali (Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola) affian­cati da Gilda e Snals.

La rab­bia con­tro il dise­gno di legge da poco arri­vato in par­la­mento è pal­pa­bile in ogni angolo della piazza. Se il dise­gno gene­rale della riforma viene riget­tato com­ple­ta­mente, ad essere defi­nito «ver­go­gnoso» è soprat­tutto il con­te­sta­tis­simo «arti­colo 12». Quello che pre­vede come tutti i sup­plenti e pre­cari (docenti e Ata) con 36 mesi di ser­vi­zio non potranno mai essere sta­bi­liz­zati. «Una norma che ci con­se­gna al pre­ca­riato a vita, men­tre Renzi strom­bazza il con­tra­rio», perde la pazienza Serena, 48enne di Roma che da 8 anni è pre­ca­ria come col­la­bo­ra­trice sco­la­stica e il 30 giu­gno andrà «a casa». «Nel dise­gno di legge — spiega — noi Ata non siamo pra­ti­ca­mente citati, c’è solo un gene­rico rife­ri­mento alla sorveglianza».

L’altra prio­rità è quella delle assun­zioni dei pre­cari. Delle 150mila ini­zial­mente annun­ciate dal pre­mier si è già pas­sati a poco più di 100mila. Ma per ren­derle effet­tive dall’inizio del pros­simo anno sco­la­stico, serve un decreto in tempi stret­tis­simi. «Renzi ci fa pas­sare le assun­zioni come un regalo — rac­conta Fran­ce­sco, 38enne da 10 docente pre­ca­rio — ma noi andiamo sem­pli­ce­mente a riem­pire cat­te­dre sco­perte: sono posti che ci spet­tano, nes­sun regalo. E se non ci sarà il decreto entro qual­che giorno, ci toc­cherà un altro anno di pre­ca­riato per poi magari sco­prire che i soldi per assu­merci non ci sono più».

Accanto al dise­gno di legge c’è poi la richie­sta di 14 dele­ghe che il governo chiede al par­la­mento per ridi­se­gnare lo schema orga­niz­za­tivo della scuola pub­blica. «Sono dele­ghe con cui il governo può tran­quil­la­mente stra­vol­gere il nostro mondo aggi­rando il par­la­mento — spiega Ste­fa­nia, inse­gnante di mate­ma­tica in una scuola media della peri­fe­ria romana — . Si parla tanto di auto­no­mia ma in realtà se da un lato si dà potere al diri­gente sco­la­stico di sce­gliere chi pre­miare e chi assu­mere, dall’altro il piano trien­nale che dovrà pre­di­sporre per ogni isti­tuto verrà valu­tato e modi­fi­cato dall’ufficio regio­nale e dallo stesso mini­stero, ripro­po­nendo un con­trollo ver­ti­ci­sta sulla scuola».

Ad unirsi agli inse­gnanti arriva anche una dele­ga­zione di stu­denti. «Il 5 mag­gio saremo in piazza con i nostri pro­fes­sori — annun­cia Alberto Irone dell’Uds — per noi la riforma va com­ple­ta­mente riscritta a par­tire dalla man­canza di un fondo per il diritto allo stu­dio e la lotta alla disper­sione sco­la­stica che nel nostro paese è ancora a livelli intollerabili».

Sul palco si sono inter­val­lati gli inter­venti dei segre­tari di cate­go­ria — quelli gene­rali (Camusso, Fur­lan e Bar­ba­gallo) sono rima­sti silenti per non tur­bare la pax sin­da­cale con Snals e Gilda — con quelli di sem­plici Rsu. «Noi chie­diamo l’immediata sta­bi­liz­za­zione dei pre­cari — ha dichia­rato Dome­nico Pan­ta­leo, segre­ta­rio gene­rale Flc Cgil — , il rin­novo del con­tratto, e che si rea­lizzi, final­mente, una scuola auto­noma, libera da mole­stie buro­cra­ti­che e basata sulla par­te­ci­pa­zione e la coo­pe­ra­zione tra i sog­getti che ope­rano nella scuola e nel ter­ri­to­rio. Del dise­gno di legge va cam­biato tutto e noi non pos­siamo più aspet­tare». «Più che la “buona scuola” quella di Renzi è una scuola alla buona — attacca Fran­ce­sco Scrima, segre­ta­rio gene­rale della Cisl scuola — . Quando si mette mano a que­stioni senza averne cono­scenza e com­pe­tenza si fini­sce come l’apprendista stre­gone e si rischia di fare danni incal­co­la­bili: que­sto sta facendo Renzi sulla scuola». «Serve un piano di assun­zioni e serve che sia fatto per decreto — ha aggiunto Mas­simo Di Menna, segre­ta­rio della Uil Scuola — no inol­tre all’articolo 12 del ddl, che per dare retta alla corte euro­pea sta­bi­li­sce che dopo 3 anni di lavoro pre­ca­rio un docente sia licenziato».



Related Articles

Il paracadute di Mosca e l’alleanza con Putin che irrita i partner europei

Secondo indiscrezioni circolate ieri, anche la Cina starebbe considerando di dare una mano. In sostanza, Mosca e Pechino potrebbero anticipare ad Atene denari per progetti futuri

«Sciopero generale ora»

CGIL Inattesa conclusione del Direttivo della confederazione
Stravolte le divisioni congressuali, «discussione vera»

Qui­ri­nale, per chi gioca l’arbitro?

La partita del Colle. Fassina con Bersani: «Si vada oltre il Nazareno, ma se Renzi dà per perse le prime votazioni non gli interessa una convergenza ampia». Berlusconi vuole prima di tutto l’agibilità politica, ma teme il trappolone del premier

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment