Sui premi dei banchieri Usa non tramonta mai il sole Al ceo di Morgan Stanley 22,5 milioni di dollari

Sui premi dei banchieri Usa non tramonta mai il sole Al ceo di Morgan Stanley 22,5 milioni di dollari

NEW YORK I dipendenti di McDonald’s hanno manifestato per diversi giorni prima di ottenere un aumento di stipendio. Risultato ottenuto: incremento di un dollaro l’ora per il salario legale minimo. Si parte dai 9 dollari di oggi per arrivare a 10. Ma con calma, l’operazione si conclude entro la fine del 2016. Bene, ha osservato la maggior parte degli economisti: più risorse ai lavoratori significa più sostegno alla domanda interna. Nessuno, invece, ha ancora commentato le cifre di tutt’altro segno contenute nei bilanci appena pubblicati dalle grandi società finanziarie. Colpiscono i compensi riconosciuti agli amministratori delegati, ai leader aziendali. Qualche esempio, ricavato dall’edizione di ieri del «Wall Street Journal». Nel 2014 James Gorman, 56 anni, chief executive officer (ceo) della Morgan Stanley, ha incassato 22,5 milioni di dollari, il 25% in più rispetto al 2013. Il suo stipendio base è pari a 1,5 milioni, ai quali però si sono aggiunti 14,5 milioni di bonus in contanti o in azioni, più altri 6,5 milioni di incentivi a vario titolo. Totale: 22,5 milioni appunto. Qual è stato il merito di Gorman? Anche la risposta è contenuta nel rendiconto di Morgan Stanley: nel 2014 il fatturato della società è salito del 5,7% a quota 34,3 miliardi di dollari. Gorman è il vertice di un pinnacolo che svetta sulla massa degli stipendi americani. Il suo rivale Llyod Blanfein, presidente e ceo di Goldman Sachs ritira 24 milioni di dollari. James Dimon, leader di J.P.Morgan, 20 milioni. John Stumpf, di Wells Fargo, 19,3 milioni. Michael Corbat, Citigroup, e Brian Moynihan, Bank of America, 13 milioni ciascuno. Queste somme e, soprattutto, la logica con cui sono state corrisposte sembrano dimostrare che la grande crisi seguita al fallimento di una di queste finanziarie, la Lehman Brothers, non ha cambiato nulla. Pareva di aver capito che la logica dei bonus legata ai risultati di breve termine era stata una delle cause delle rovinose bolle speculative. Evidentemente non è più cosi. Nello stesso tempo economia reale e finanza continuano far parte di due mondi paralleli. Il 2014 è stato l’anno del grande dibattito internazionale sulla riduzione delle disuguaglianze, anche negli Stati Uniti. Ma la distanza tra la grande massa dei lavoratori dipendenti e i top manager della finanza rimane incommensurabile. Guardando i numeri si vede che il lavoro del ceo Goldman vale 775 volte in più rispetto a quello di un dipendente medio di McDonald’s.
Giuseppe Sarcina


Related Articles

Inps. Stretta sulle visite fiscali, i dipendenti pubblici come quelli privati

Polo unico Inps. I controlli da settembre faranno tutti capo all’istituto di previdenza. Ispezioni concentrate vicino alle festività e ai weekend. Il presidente Boeri chiede che vengano uniformate anche le fasce di reperibilità

SEA, EDISON, SERRAVALLE PASTICCIO A MILANO

Le giunte cambiano, ma nella gestione del patrimonio comunale l’incompetenza è sempre la stessa 

Manovra e riforme, Monti accelera “Fare in fretta o l’Italia rischia”

Ma sulle pensioni sindacati in trincea  Cgil Cisl Uil: basta fare cassa. Marcegaglia: niente veti  La crisi    Il governo intende introdurre già  nei provvedimenti di lunedì misure strutturali Il premier scherza sui sondaggi: “Li seguirò il meno possibile, per non farmi illusioni” Abbiamo fatto un record di velocità , altro che lentezza. Di solito una manovra richiede 5-6 settimane. Di certo non si sono allungati i tempi perché io sono andato dal barbiere… Avremo consultazioni, ma siamo in una situazione in cui certe ritualità  gradite a tutti forse non sarebbero a vantaggio dei cittadini. Farò appello al senso collettivo dell’urgenza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment