A Bollate gli Stati gene­rali del carcere

A Bollate gli Stati gene­rali del carcere

I pro­blemi e i limiti del sistema peni­ten­zia­rio ita­liano sono noti. Soprat­tutto agli addetti ai lavori, che spesso però si ritro­vano soli ogni­qual­volta cer­cano di dare voce a coloro che vivono il car­cere da den­tro. Si fanno con­ve­gni, si redi­gono rap­porti. Non basta più. Non è facile resti­tuire ai cit­ta­dini l’immagine di una situa­zione che è sem­pre più dram­ma­tica, nono­stante un lieve calo della popo­la­zione car­ce­ra­ria (i dete­nuti in Ita­lia sono circa 53.982 men­tre i posti letto sono 49.943, quindi ci sono 108 per­sone ogni 100 posti letto).

Ma i numeri non dicono tutto.

Ancora più dif­fi­cile, infatti, stu­diare solu­zioni e sti­mo­lare con­fronti cer­cando di coin­vol­gere la col­let­ti­vità per invi­tarla a ragio­nare su un pro­getto di riforma del sistema penale che con­senta se non altro la sem­plice appli­ca­zione dei prin­cipi costi­tu­zio­nali (e magari per­metta all’Italia di evi­tare altre con­danne dalla Corte euro­pea dei diritti dell’uomo).

25pol1f01 andrea orlando EIDON_1032834

Un ten­ta­tivo, forse il più serio e col­le­giale mai ten­tato prima, pren­derà il via que­sta mat­tina all’interno del car­cere di Bol­late (Milano) con gli “ Stati gene­rali dell’esecuzione penale”, un appun­ta­mento pre­pa­rato dal mini­stro della Giu­sti­zia Andrea Orlando che ha già coin­volto diverse per­so­na­lità del mondo della cul­tura, della magi­stra­tura, del volon­ta­riato, della poli­tica e dell’amministrazione penitenziaria.

Non si tratta di un con­ve­gno, è la pre­sen­ta­zione di un lungo per­corso di rifles­sione e appro­fon­di­mento che durerà sei mesi con l’obiettivo di arri­vare al pros­simo autunno all’elaborazione di un pro­getto di riforma dell’ordinamento penitenziario.

Le fina­lità di uno sforzo così pro­lun­gato sono mol­te­plici. Rac­co­gliere mate­riali, ela­bo­rare pro­po­ste, porre la que­stione delle pene e della loro ese­cu­zione al cen­tro dell’attenzione dell’opinione pub­blica, vin­cere le paure vei­co­late dal discorso “sicu­ri­ta­rio”, pun­tare sull’effettiva pos­si­bi­lità di recu­pero sociale del con­dan­nato, pen­sare a pene alter­na­tive pra­ti­ca­bili. E ancora: por­tare all’interno del car­cere il con­tri­buto di chi vive “fuori” e può dare tan­tis­simo in ter­mini di cul­tura, di for­ma­zione pro­fes­sio­nale e di accom­pa­gna­mento al gra­duale rein­se­ri­mento del detenuto.

Si tratta di una con­sul­ta­zione ampia e com­plessa che si svi­lup­perà intorno a 18 tavoli di lavoro aperti a tutti, per una volta anche ai dete­nuti. Ogni tavolo trat­terà un aspetto tema­tico e verrà coor­di­nato da un “faci­li­ta­tore” della discussione.

L’idea è di met­tere a con­fronto punti di vista anche diversi tra loro. I temi sono que­sti: archi­tet­tura e car­cere, la vita e la respon­sa­bi­liz­za­zione del dete­nuto, donne e car­cere, vul­ne­ra­bi­lità e dipen­denze, mino­renni autori di reato, il mondo degli affetti e la ter­ri­to­ria­liz­za­zione della pena, stra­nieri, lavoro e for­ma­zione, istru­zione e sport, salute e disa­gio psi­chico, misure di sicu­rezza, san­zioni all’interno della comu­nità, media­zione e tutela delle vit­time dei reati, regole inter­na­zio­nali, for­ma­zione degli ope­ra­tori peni­ten­ziari, osta­coli nor­ma­tivi al trat­ta­mento rie­du­ca­tivo, pro­cesso di rein­se­ri­mento, orga­niz­za­zione e ammi­ni­stra­zione dell’esecuzione penale.

Que­sta mat­tina, nel car­cere di Bol­late, la gior­nata di pre­sen­ta­zione degli Stati gene­rali comin­cerà con l’esposizione di alcuni teli rea­liz­zati dai dete­nuti in col­la­bo­ra­zione con l’Accademia di Brera (e con Dario Fo).

A seguire pro­ie­zione di una parte del docu­men­ta­rio “Ombre della sera” di Valen­tina Espo­sito. Insieme al mini­stro Orlando, par­te­ci­pano il pre­si­dente eme­rito della Corte costi­tu­zio­nale Vale­rio Onida, il giu­ri­sta e filo­sofo del diritto Luigi Fer­ra­joli, la gior­na­li­sta e scrit­trice Mar­celle Pado­vani, l’attrice Valen­tina Lodo­vini, il sin­daco di Milano Giu­liano Pisa­pia, il capo dell’amministrazione peni­ten­zia­ria Santi Con­solo e il pre­si­dente del Comi­tato scien­ti­fico degli Stati gene­rali Glauco Giostra.

L’ex pre­si­dente Gior­gio Napo­li­tano, invece, invierà un messaggio.



Related Articles

2015, il rapporto Roubini “Sarà un anno da incubo l’America cresce da sola ferme Ue, Cina e Giappone”

Il report di Rge sulle tendenze dell’anno: Europa bloccata dalle scadenze elettorali, il petrolio penalizzerà Russia e emergenti, Borse appese alle scelte delle banche centrali

Gaza sull’orlo del baratro

Stamani scade la tregua umanitaria di 72 ore. Ieri dal tavolo delle trattative indirette in corso al Cairo sono arrivati segnali negativi per il raggiungimento di un accordo di cessate il fuoco permanente. Israele ed Egitto continuano a respingere le richieste presentate dalla delegazione palestinese. Tel Aviv e Hamas flettono i muscoli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment