Fca l’operaio che aspetta Renzi sulla gru

Fca l’operaio che aspetta Renzi sulla gru

Pre­cari, stu­denti, comi­tati di quar­tiere, docenti con­tro «La buona scuola» si sono riu­niti ieri a piazza Muni­ci­pio per spie­gare le ragioni del cor­teo Renzi statt a casa! pre­vi­sto per domani (par­tenza da piazza Dante alle 9). Il pre­mier aveva annun­ciato la sua pre­senza all’inaugurazione della nuova sta­zione della metro­po­li­tana, ma ancora non si sa con cer­tezza se verrà.

Non è la prima volta che Renzi si tira indie­tro, non essendo sicuro di rice­vere solo applausi. Per­sino la Cgil ieri ha detto: «Una nuova visita “mordi e fuggi”, qual­che annun­cio e poi il nulla. Se que­sto dovrà essere, sarebbe bene che il pre­si­dente del Con­si­glio ci risparmi un’ulteriore pas­se­rella». L’unico che attende il pre­mier è Mimmo Mignano, ope­raio licen­ziato due volte dalla Fiat. Da dome­nica notte è su una gru del can­tiere della metro di piazza Muni­ci­pio, a 50 metri d’altezza. Con lui c’era un col­lega del Comi­tato di lotta cas­sin­te­grati e licen­ziati, dopo 14 ore è sceso per le vertigini.

Il Lin­gotto buttò fuori Mimmo la prima volta nel 2007 dopo un’azione di infor­ma­zione con mega­fono e stri­scioni in una con­ces­sio­na­ria Fiat. Il giu­dice del lavoro, dopo sette anni, lo ha rein­te­grato per­ché ha giu­di­cato il licen­zia­mento «spro­por­zio­nato e per­tanto ille­git­timo». Così l’azienda lo ha but­tato fuori di nuovo a giu­gno 2014, insieme a quat­tro ope­rai del Wcl (il reparto logi­stico di Nola), per aver messo in scena davanti ai can­celli l’impiccagione di un mani­chino con la foto di Mar­chionne sul viso.

In base alle legge For­nero, la causa si sarebbe dovuta discu­tere entro 40 giorni, invece la prima udienza è stata fis­sata dopo un anno (il pros­simo 21 mag­gio) e potrebbe slit­tare ancora, ma da que­sto mese sono senza alcun soste­gno al red­dito. «Sono distrutto — rac­conta Mignano — Mai più vorrò pas­sare una cosa simile, ma ho inten­zione di spen­dere tutte le mie ultime forze per aspet­tare Renzi. Sotto la gru sono arri­vati ope­rai a darmi la soli­da­rietà. Sta­mat­tina si è fer­mata una fami­glia con i figli, mi hanno chia­mato e salu­tato con il pugno chiuso, sono cose che ti danno forza». Mimmo rac­conta men­tre fa avanti e indie­tro sul brac­cio oriz­zon­tale della gru: dal lato verso il Maschio Angioino non c’è para­petto, la scorsa notte si è addor­men­tato, non rispon­deva al cel­lu­lare, i com­pa­gni hanno avuto paura che potesse precipitare.

La poli­zia sta­ziona sotto, men­tre il can­tiere va avanti. Ogni volta che si cerca di far­gli avere una bot­ti­glia d’acqua, la bat­te­ria per il cel­lu­lare, medi­ci­nali con­tro il mal di testa e la crema solare (ha i piedi spac­cati e la pelle ulce­rata) biso­gna inta­vo­lare una trat­ta­tiva. La scorsa notte è stato neces­sa­rio bloc­care il traf­fico per otte­nere il via libera. La busta la por­tano su i pom­pieri. «Ero un Rsu Cobas, sono abi­tuato alle lotte in fab­brica, ai pic­chetti ai can­celli. Cri­ti­cavo chi saliva sulle gru. Ma siamo in cin­que, ci negano un diritto e lasciano che il tempo passi, così ci è sca­duto anche il sus­si­dio di disoc­cu­pa­zione. Abbiamo per­sino scritto al pre­si­dente Ser­gio Mat­ta­rella, niente. Allora abbiamo per­lu­strato la città, indi­vi­duato la gru e alle due di notte siamo saliti. Col Jobs Act quando mai potremo rien­trare in fab­brica, ora che c’è per­sino una legge che dà a Mar­chionne un’arma per non rein­te­grare chi ha lot­tato una vita per i diritti?».

Secondo l’azienda, i cin­que dipen­denti hanno com­piuto «atti maca­bri, gra­vis­simi e inau­diti»: «Se gli metti un mani­chino con la fac­cia di car­tone davanti a un reparto, Mar­chionne si spa­venta e ti licen­zia? Vogliamo solo che si discuta la causa. Se è così con­vinto di avere ragione nel volersi togliere dalle sca­tole que­sti cin­que ope­rai, per­ché non sale pure lui con me sulla gru per chie­dere un pro­cesso rapido? Lo aspetto».



Related Articles

Sarkozy: “Ultima chance per l’Ue” Bozza di Bruxelles, sì agli eurobond

L’Europa  Crollano tutte le Borse, schizza lo spread.In alto mare anche il potenziamento del fondo salva Stati chiesto dalla Bce: la Merkel si oppone all’aumento. La Germania vuole una modifica dei Trattati, ma i paesi fuori dalla moneta unica sono contrari. L’Italia media 

Equitalia, ultimo assalto due mesi per pagare poi ti pignorano la casa

Nuove regole al via. Lo Stato vuole incassare 13 miliardi. Si deve saldare ancora prima di un processo che definisca chi ha ragione

GLI STATALI Taglio del 10% al salario dallo stop ai nuovi contratti

ROMA – Il blocco della contrattazione, confermato per il 2014, che arriva così al quinto anno consecutivo, in parallelo con la crisi, tagliando complessivamente del 10% il salario medio di un impiegato.

1 comment

Write a comment
  1. Camillo COPPOLA
    Camillo COPPOLA 15 Maggio, 2015, 13:04

    Se lo S.L.A.I. COBAS avesse avuto altrettanta ferocia nei confronti di MARCHIONNE e della FIAT ,avrebbero già vinto.
    Per contro hanno espulso un validissimo compagno,è la storia che si ripete all’interno della sinistra,i migliori vengono divorati da loro stessi.
    Antropofagi !
    Il mio auspicio,in barba alla storia,e che stavolta il boccone gli vada di traverso.
    Ad maiora !

    Reply this comment

Write a Comment