Gioventù senza arte né parte

Gioventù senza arte né parte

Un Paese che negli anni della crisi non ha inve­stito sui gio­vani, né sulla loro for­ma­zione né sulla loro “occu­pa­bi­lità”, e che così adesso che la ripresa sarebbe arri­vata (con­di­zio­nale d’obbligo) si ritrova con un eser­cito ingo­ver­na­bile di disoc­cu­pati e Neet, fana­lino di coda di tutte le grandi demo­cra­zie indu­striali. Il qua­dro, tutto nega­tivo per l’Italia, lo trac­cia l’Ocse, nel suo stu­dio Skills Outlook (Rap­porto sulle com­pe­tenze, rife­rito a dati del 2012/2013): una cifra parla per tutti, il crollo a par­tire dal 2007 dell’occupazione gio­va­nile, pre­ci­pi­tata di quasi 12 punti, dal 64,3% al 52,7%, con il risul­tato che in que­sta poco lusin­ghiera clas­si­fica siamo secondi solo alla Gre­cia (48,4%, e un calo che è il dop­pio del nostro: –23,9%).

Siamo tra i più somari

Ora è cer­ta­mente dif­fi­cile tro­vare un nesso diretto tra la man­canza di for­ma­zione dei ragazzi e la loro dif­fi­coltà a tro­vare un’occupazione, molto dipende tanto anche dal mer­cato del lavoro, dalle poli­ti­che di svi­luppo messe in atto da uno Stato, ma un qual­che tipo di legame è inne­ga­bile, e l’Ocse lo espli­cita, sia con i dati che con una suc­ces­siva analisi.

L’Italia, spiega l’organizzazione che ha sede a Parigi, è il Paese Ocse con la mag­gior per­cen­tuale di gio­vani in età lavo­ra­tiva (16–29 anni) e adulti (30–54) con scarse com­pe­tenze di let­tura, rispet­ti­va­mente il 19,7% e il 26,36%. Inol­tre, abbiamo la per­cen­tuale più ele­vata di per­sone con scarse abi­lità in mate­ma­tica tra gli adulti, il 29,76%, e la seconda tra i gio­vani in età lavo­ra­tiva, il 25,91%, die­tro agli Usa (29,01%). Meda­glie d’oro e d’argento dav­vero poco invidiabili.

In gene­rale, rife­ri­sce la tabella Ocse per la misu­ra­zione dell’«occupabilità» degli under 30, il nostro Paese è al di sotto della media per le com­pe­tenze dei gio­vani, i metodi di svi­luppo di que­sti skills negli stu­denti e la pro­mo­zione del loro uti­lizzo sul posto di lavoro.

Ma mica è finita qua: l’Italia è seconda tra i paesi Ocse per per­cen­tuale di gio­vani under 25 che hanno abban­do­nato la scuola prima di aver ter­mi­nato le supe­riori, e non stanno seguendo un altro tipo di edu­ca­zione, il 17,75%, die­tro la Spa­gna con il 23,21%. L’abbandono sco­la­stico, rileva sem­pre l’Ocse, ha un impatto signi­fi­ca­tivo sulle com­pe­tenze: se si con­si­dera per esem­pio la mate­ma­tica, la per­cen­tuale di per­sone con com­pe­tenze insuf­fi­cienti è del 58,5% tra chi non ha ter­mi­nato le supe­riori, e scende al 27,7% per chi ha otte­nuto un diploma.

Quelli che né, né

Facile pen­sare che in un pano­rama tanto deso­lante di abban­doni sco­la­stici in aumento, scarsa acqui­si­zione delle com­pe­tenze e un mer­cato del lavoro che spesso non assorbe nean­che i più bravi, molti si per­dano per strada, sce­gliendo (o forse sen­ten­dosi quasi costretti dalle avver­sità) di andare a ingros­sare il già vasto eser­cito dei Neet. I ragazzi, cioè, not in edu­ca­tion, employ­ment or trai­ning: non in for­ma­zione, né occu­pati o impe­gnati in un apprendistato.

I Neet rap­pre­sen­tano in Ita­lia sono il 26,09% degli under 30, quarto dato più ele­vato tra i Paesi Ocse. All’inizio della crisi, nel 2008, erano il 19,15%, quasi 7 punti in meno. Nell’insieme dei Paesi Ocse, i Neet erano oltre 39 milioni a fine 2013, più del dop­pio rispetto al 2007.

La crisi ha quindi ali­men­tato il senso di rinun­cia e sco­rag­gia­mento, e oggi quindi rac­co­gliamo pes­simi frutti. Tra i gio­vani Neet ita­liani, il 40% ha abban­do­nato la scuola prima del diploma secon­da­rio supe­riore, il 49,87% si è fer­mato dopo il diploma e il 10,13% ha un titolo di studi uni­ver­si­ta­rio. La per­cen­tuale di Neet è più ele­vata tra le ragazze (27,99%) rispetto ai ragazzi (24,26%).

I dati «con­fer­mano una cosa tri­ste­mente nota — com­menta la lea­der della Cgil, Susanna Camusso — Il nostro Paese ha perso circa un quarto della sua atti­vità pro­dut­tiva. A que­sto con­se­gue uno stock di disoc­cu­pa­zione di lungo periodo, con quella gio­va­nile molto alta, cui nes­suna legge sul mer­cato del lavoro rie­sce a rispon­dere se non si mette mano agli inve­sti­menti, alla crea­zione di lavoro e al sistema pensionistico».

«I dati Ocse smen­ti­scono i falsi slo­gan di Renzi sull’aumento dell’occupazione gio­va­nile — dicono i sena­tori M5S — Ci pre­oc­cupa molto l’aumento dei gio­vani inat­tivi che non sono occu­pati, né rice­vono alcuna for­ma­zione: pro­blema che potrebbe essere con­tra­stato anche con l’introduzione di misure come il Red­dito di cit­ta­di­nanza diretto a pro­muo­vere la for­ma­zione, la riqua­li­fi­ca­zione ed il rein­se­ri­mento nel mondo del lavoro».
Mau­ri­zio Sac­coni (Ncd) trova le cause della disoc­cu­pa­zione gio­va­nile nel «disa­stro edu­ca­tivo». Ma per Sel sba­glia: «Frutto delle vostre poli­ti­che recessive».



Related Articles

Madri bambine: ogni giorno sono 20.000

Foto: Flickr.com/unicefitalia

Ogni giorno 20.000 ragazze sotto i 18 anni partoriscono nei Paesi in via di sviluppo. In totale sono 7,3 milioni all’anno e di queste circa 2 milioni hanno meno di 15 anni. Se si includono tutte le gravidanze, anche quelle che non arrivano al parto, il numero è molto più alto. La fotografia è quella del Rapporto sullo stato della popolazione nel mondo 2013 del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) presentato in contemporanea mondiale il 30 ottobre 2013 e dal titolo Madri bambine: affrontare il dramma delle gravidanze tra adolescenti (.pdf).

Ambiente, l’allarme degli scienziati Onu. Un miliardo di persone ad alto rischio

Ambiente, l'allarme degli scienziati Onu. Un miliardo di persone ad alto rischio (afp)

Presentati oggi a Stoccolma i numeri del rapporto sul clima (stilato ogni sei anni) del panel di esperti dell’Ipcc che concludono: bisogna dimezzare le emissioni di gas serra in pochi anni. Altrimenti le temperature saliranno di 3,7 gradi e i mari di 61 centimetri con scenari apocalittici

La classe operaia si fa in tre, divisa dalla fabbrica digitale Tanti stranieri nei servizi

Ormai gli studiosi cominciano a sostenere che di classe operaia ne esiste più d’una e la tendenza alla differenziazione è sempre più veloce. Non basta essere sotto lo stesso capannone per avere una condizione di lavoro omogenea

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment