La Gre­cia verso un «compromesso onorevole»

La Gre­cia verso un «compromesso onorevole»

Qual­cosa deve essere suc­cesso negli ultimi giorni se per­fino molti media euro­pei a que­sto adusi, hanno smesso di insul­tare i greci e il governo che si sono scelti. Se le cor­ri­spon­denze tv da Bru­xel­les e da Ber­lino hanno abban­do­nato i toni minac­ciosi e lugu­bri per spriz­zare otti­mi­smo e buoni sen­ti­menti. Qual­cosa è suc­cesso, ma nes­suno si è preso la briga di spie­garci cosa. Eppure non è per l’attesa dei risul­tati del voto bri­tan­nico e ino0ltre non c’è nulla di segreto. Una decina di giorni fa Ale­xis Tsi­pras è apparso in tv e per la prima volta ha fatto diret­ta­mente cenno all’eventualità di un refe­ren­dum. Delu­dendo le aspet­ta­tive della stampa ita­liana ed euro­pea, sul piatto non ci sarà l’uscita o no dall’eurozona. Ci sarà invece la pro­po­sta di auste­rità sulla quale Gre­cia e cre­di­tori si stanno scon­trando negli ultimi tre mesi: volete voi appro­vare que­ste misure di auste­rità che a noi del governo ci fanno ribrezzo? Rispon­dere sì o no.

Sem­brerà strano, ma il governo greco è con­vinto di poter vin­cere que­sto refe­ren­dum, pur avendo con­tro la tota­lità dei media. Le tv oli­gar­chi­che gre­che fanno pena e l’opposizione filo­te­de­sca pure. Dall’altra, la gente sente la parola «riforme» e perde subito la pazienza. Ci sono quindi per Tsi­pras fon­date spe­ranze che si armi alla fine di un sonoro no, in modo da poter andare a sbat­terlo in fac­cia a Schau­ble, chie­den­do­gli se intende igno­rare anche que­sto responso delle urne greche.

Poi abbiamo avuto un inso­lito flusso di voci uffi­ciose pro­ve­nienti tanto dal governo quanto da Syriza. Que­ste voci insi­stenti dice­vano che i 200 milioni del 6 mag­gio sareb­bero stati senz’altro pagati al Fmi (come è avve­nuto). Ma i 750 milioni del 12 mag­gio non erano per niente sicuri, per il sem­plice fatto che i soldi sono sem­pre di meno. Alcuni mini­stri greci, com­preso il «mode­rato» Dra­ga­sa­kis, hanno ripe­tuto ancora una volta che se dove­vano sce­gliere tra pen­sioni e debiti avreb­bero scelto le prime. Fin­chè lo stesso Tsi­pras si è attac­cato alla cor­netta e ha infor­mato tutti, da Junc­ker alla Mer­kel e da Putin a Dijs­sel­bloem, che o si rag­giun­geva un accordo rea­li­stico all’eurogruppo di lunedì oppure mar­tedì la Gre­cia smet­teva di pagare. In Ita­lia non se ne è par­lato molto per non spar­gere il panico nella fila della mag­gio­ranza e per rispetto per il lutto di Schau­ble, ma tutto que­sto atti­vi­smo ha avuto effetto. Sem­bre­rebbe che gli euro­pei abbiano final­mente capito alcune cose sem­plici: che Tsi­pras non vuole uscire all’eurozona, ma non è per niente dispo­sto a pie­gare la schiena per rima­nerci. Se messo alle strette, come si è tro­vato alla fine di aprile, è pronto a get­tare il cerino acceso nel cuore dell’eurozona.

In tutta Europa girano auto­re­voli eco­no­mi­sti, ban­chieri, finan­zieri, gior­na­li­sti o sem­plici milio­nari, pronti a giu­rare che “l’eurozona è coraz­zata” e che “non ci sarà nes­sun effetto domino”. Poi, di fronte alla pos­si­bi­lità con­creta, Junc­ker si è visto improv­vi­sa­mente nel ruolo di pen­sio­nato brillo, Schulz costretto a volan­ti­nare nella peri­fe­ria di Dus­sel­dorf e la Mer­kel a dover dare spie­ga­zioni alla Bdi (la Con­fin­du­stria tede­sca) per aver man­dato in fumo l’eurozona e forse anche l’Ue. Lo ha capito per­fino Schau­ble: il gre­xit è un’invenzione da dare in pasto alla plebe, ma per carità, non si può fare.

Ecco quindi che è giunto alle nostre orec­chie l’eco di una rissa furi­bonda tra il Fmi e gli euro­pei, sem­bra già scop­piata a Riga, quando Varou­fa­kis stava per essere fuci­lato sul posto. Il Fmi con­cor­de­rebbe con Tsi­pras che il debito greco è inso­ste­ni­bile e vor­rebbe un gene­roso taglio, esi­gendo in cam­bio la dere­gu­la­tion del lavoro dipen­dente. Gli euro­pei non vogliono sen­tire par­lare di hair­cut e insi­stono sull’aumento delle tasse. Tra i due liti­ganti, l’isolato, fru­strato, dispe­rato e «scon­fitto» Tsi­pras per ora è tutto meno che iso­lato, fru­strato e sconfitto.

Sono que­ste le pre­messe che fanno pre­sa­gire che si vada verso quel «com­pro­messo ono­re­vole» evo­cato fin dall’inizio da Atene. Forse lunedì non ci sarà un accordo ma solo una dichia­ra­zione pub­blica, men­tre i con­te­nuti non sono ancora noti. Abbiamo solo le ras­si­cu­ra­zioni corali di tutti gli espo­nenti del governo che le «linee rosse» anti-austerità saranno pie­na­mente rispettate.

Mer­co­ledì era il giorno della rias­sun­zione di tutti gli sta­tali licen­ziati ille­gal­mente, com­prese le eroi­che donne delle puli­zie del mini­stero delle Finanze. Ma era anche il giorno in cui sono stati rin­viati a giu­di­zio 40 impren­di­tori e ban­chieri (tra cui alcuni oli­gar­chi) che hanno let­te­ral­mente sac­cheg­giato il Ban­co­Po­sta elle­nico prima di sven­derlo. Alcuni sono già in galera, altri segui­ranno. Sì, Tsi­pras gioca duro e gioca per vincere.



Related Articles

Ferrante: presidente per spirito di servizio

Caro direttore, le parole di Sergio Rizzo mi hanno indotto a riflettere ancora sulla decisione presa a luglio di presiedere Ilva. Anche in quei giorni, quando il quadro giudiziario si delineava, mi sono interrogato sull’opportunità  di quella scelta.

Fincantieri, monta la protesta gli operai delusi dal governo

Burlando da Napolitano: possibili soluzioni alternative. A Genova aeroporto bloccato per due ore. Il sindaco: non si può prendere in giro la città  

Afgha­ni­stan, altro che ritiro: 10mila marine restano nel 2015

Ieri l’annuncio del presidente degli USA nella conferenza stampa con Ashraf Ghani, da alcuni giorni in visita negli Stati Uniti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment