Record di arrivi dal mare Il Viminale cerca 7 mila posti

Record di arrivi dal mare Il Viminale cerca 7 mila posti

ROMA Oltre quattromila migranti soccorsi in meno di dodici ore e il sistema di accoglienza è di nuovo al collasso. Alla vigilia delle elezioni amministrative la scelta è quella di non alimentare le polemiche politiche, ma già domani dal Viminale dovrebbe partire la circolare indirizzata alle prefetture per il reperimento dei posti dove sistemare chi è appena arrivato. Il numero dipenderà dagli sbarchi delle prossime ore: al momento bisogna trovare strutture per l’assistenza di almeno 7.000 persone, non escludendo di arrivare addirittura a 10.000.
Le condizioni del mare sono favorevoli, gli scafisti continuano a organizzare viaggi della speranza che sempre più spesso si interrompono a poche decine di miglia dalle coste libiche. Nelle ultime 48 ore la Guardia costiera ha effettuato 22 operazioni di soccorso caricando sulle navi della Marina militare, della Guardia di finanza, delle Marine inglese, irlandese e tedesca impegnate nella missione «Triton» 4.243 profughi che tentavano di raggiungere l’Italia a bordo di 9 barconi e 13 gommoni. Su una delle imbarcazioni sono stati trovati 17 cadaveri e non è chiaro se si tratti di persone morte di stenti o se, in un macabro messaggio, siano stati gli stessi trafficanti a recuperarli dopo un naufragio e abbiano mandato il mezzo alla deriva.
Quanto accaduto dimostra comunque che il flusso è ripreso costante, il timore è che nei prossimi giorni possa esserci una nuova massa di arrivi. I numeri non sono confortanti. Secondo i dati aggiornati a ieri mattina — quindi senza contare le oltre 4.000 persone approdate in serata — nel 2015 sono giunti sulle coste italiane 43.091 migranti, a differenza dei 39.929 del 2014 che viene ritenuto anno record. Trovare posti non è stato semplice: la maggior parte dei nuovi arrivati è stata trasportata nelle regioni del Sud, circa 1.000 sono stati trasferiti in Sardegna, altre centinaia in Piemonte.
Adesso si torna ad allertare le prefetture, anche tenendo conto che gli aiuti dell’Unione Europea non sono scontati e comunque non potranno arrivare entro breve. Ieri il primo ministro francese Manuel Valls, ha parlato al festival dell’Economia di Trento accanto al presidente del Consiglio Matteo Renzi e rispetto alla posizione di chiusura di due settimane fa sull’accordo per la distribuzione dei profughi si è mostrato più disponibile: «Troveremo le giuste soluzioni a livello europeo. Il diritto d’asilo è un diritto indiscutibile sancito dalle convenzioni internazionali, che i Paesi dell’Ue applicano già e deve esserlo sempre. Ciascuno deve poter accogliere i richiedenti asilo. Ci sono 5 Paesi su 28 che accolgono il 75 per cento dei richiedenti asilo in Europa: la Gran Bretagna, la Francia, l’Italia, la Germania e la Svezia. Si tratta di un problema umanitario gravissimo. I nostri due Paesi lavoreranno di sicuro assieme e non ci saranno differenze tra di noi perché solo così possiamo concepire l’idea stessa di Europa».
Domani una delegazione italiana guidata dal viceministro dell’Interno Filippo Bubbico sarà al G6 di Dresda proprio per continuare la trattativa sull’Agenda approvata dalla Commissione europea.
Renzi continua a mostrarsi fiducioso: «Quelli che dicono “teneteli a casa loro”, ricordino che l’Italia ha avuto in questi anni il taglio maggiore di risorse. Le modalità tecniche con cui avverrà la distribuzione sono ancora in discussione, ma sono ottimista che si trovi un buon accordo. In ogni caso il problema non sarà risolto perché si deve risolvere la questione Libia. Non c’è ombra di dubbio che tutti possiamo fare di più, ma per la prima volta il Consiglio europeo se n’è occupato».
Poi ribadisce l’intenzione di «recuperare il barcone affondato con 700 persone a bordo, perché abbiamo preso un impegno, quelle donne e quegli uomini in fondo al mare hanno diritto a una sepoltura. Se ci fosse qualcuno che pensa che può inabissare la coscienza a 387 metri, dico che bisogna mettere il tema del Mediterraneo al centro della discussione».
Fiorenza Sarzanini


Related Articles

Kine, badante espulsa dall’Italia E il paese si ribella

Il maresciallo della stazione del paesino di Sesta Godano non era affatto contento quando ha dovuto bussare alla casa e portarsi via Ngom Kine, «la senegalese», in caserma. Nell’atto che aveva in mano, trasmessogli dalla Prefettura di La Spezia c’era l’ordine di prelevare la donna come «pericoloso criminale». Ma tutte e 600 le anime del borgo abbarbicato sulle montagne della Lunigiana conoscono «la Kine» come una tra le persone più gentili e di cuore della vallata. Un giudizio evidentemente arrivato anche alle orecchie dei carabinieri.

La protesta arriva a Damasco scontri con le forze di sicurezza

Per la prima volta in strada anche nella capitale. Cortei in tutte le città

«Tasse sui ricchi per il welfare»

La ricetta Obama contro i tagli al bilancio dei repubblicani. Incalzato dai repubblicani che da settimane occupano il palcoscenico della lotta al deficit (battaglia sul bilancio 2011, «no» all’aumento del tetto del debito federale e piano Ryan per il risanamento di lungo periodo), il presidente ha presentato il suo atteso contropiano di rientro dal debito e, al tempo stesso, ha posto la «prima pietra» della sua campagna elettorale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment