Regno Unito: domani al voto, con il fattore Sco­zia

Regno Unito: domani al voto, con il fattore Sco­zia

Men­tre l’immaginario da romanzo rosa dei media si sdi­lin­qui­sce nell’accogliere la nuova nata in casa Wind­sor, affac­cia­tasi alla vita pro­prio men­tre il regno di cui la sua fami­glia è tito­lare rischia di sfa­sciarsi, la nuova map­pa­tura di West­min­ster sarà decisa fra poche ore, con i lea­der delle forze poli­ti­che che con­cor­re­ranno nelle più incerte ele­zioni poli­ti­che dal secondo dopo­guerra a scor­raz­zare su e giù per il Paese (o sarebbe più cor­retto dire i Paesi) dell’Unione.
I son­daggi con­ti­nuano a dare i Tories al 34, il Labour al 33, lo Ukip al 14, i liberal-democratici all’8, i Verdi al 6 e gli altri, tra cui i nazio­na­li­sti gal­lesi del Plaid Cymru e gli unio­ni­sti nord-irlandesi del Dup al 5. Gli schie­ra­menti sono ormai defi­niti. Quo­ti­diani libe­ral come il Guar­dian e l’Independent hanno indi­cato le pro­prie pre­fe­renze, il primo nuo­va­mente per il Labour, dopo aver soste­nuto i Lib-dem alla tor­nata pre­ce­dente, il secondo per una rin­no­vata coa­li­zione Tory– Lib-dem che porti avanti lo stra­ziante pro­gramma di tagli di quella uscente.

Mur­doch ha dato un colpo al cer­chio e uno alla botte: il Sun appog­gia natu­ral­mente i Tories, men­tre lo Scot­tish Sun i nazio­na­li­sti di Nicola Stur­geon. Un endor­se­ment, quest’ultimo, uti­li­ta­ri­sta anzi­ché ideo­lo­gico giac­ché al magnate austra­liano fa buon gioco un dra­stico ridi­men­sio­na­mento della Bbc. Per tutto il periodo ante­ce­dente all’apertura delle urne, fis­sato il pros­simo 7 mag­gio, i son­daggi hanno indi­cato — e ancora indi­cano — l’impossibilità che con­ser­va­tori o labu­ri­sti pos­sano vin­cere tutti i 326 (su 650) seggi che ser­vono per gover­nare senza appoggi esterni. Ciò signi­fica che un altro governo di coa­li­zione è pro­ba­bile. Meno pro­ba­bili, ma non del tutto da esclu­dersi, l’ipotesi di un effi­mero governo di mino­ranza e le ele­zioni anti­ci­pate, evi­tate già nel 2010 gra­zie al matri­mo­nio ripa­ra­tore della coa­li­zione uscente.

Di fronte all’impossibilità dei due mag­giori par­titi di recu­pe­rare il ter­reno neces­sa­rio a gover­nare da soli, il dato è sem­pre più quello dell’obsolescenza del sistema elet­to­rale uni­no­mi­nale secco, con­fer­mato in un refe­ren­dum del 2011 e con­ce­pito per assi­cu­rare «solide mag­gio­ranze», rispetto al clima di un paese che seb­bene paia costan­te­mente sul punto di allon­ta­narsi dall’Europa fini­sce per somi­gliarle sem­pre più quanto a fram­men­ta­zione poli­tica. Lo sce­na­rio è dun­que quello del voto tat­tico: non per qual­cuno ma con­tro qualcuno.

Ad esem­pio, per argi­nare la quasi certa allu­vione nazio­na­li­sta che stando ai son­daggi spaz­zerà via quasi del tutto la sto­rica roc­ca­forte labu­ri­sta in Sco­zia, Ed Mili­band ha ammo­nito che chi voterà l’Snp di Stur­geon si ritro­verà di nuovo i Tories sul grop­pone, men­tre David Came­ron ha più volte riba­dito che chi voterà Ukip dello xeno­scet­tico Farage rischia di vedere «l’incompetente» Mili­band inse­diarsi a Dow­ning Street. Al di là di simili eser­cizi pro­pa­gan­di­stici, è evi­dente che le ambe­due le pos­si­bi­lità che il Snp appoggi una coa­li­zione Labour e l’Ukip una coa­li­zione Tories sono concrete.

I Lib-dem di Nick Clegg, dal canto loro, cer­cano di evi­tare la temuta nemesi elet­to­rale offren­dosi di gover­nare con entrambi i due par­titi di mag­gio­ranza, dando un con­tri­buto «di cuore» (leggi: dal volto umano) a una rin­no­vata coa­li­zione coi Tories e «di testa» (leggi: eco­no­mi­ca­mente com­pe­tente) in un’inedita coa­li­zione con il Labour.

Tut­ta­via, il risul­tato indi­retto di que­ste ele­zioni è quello di una pos­si­bile, duplice uscita: quella della Sco­zia dalla Gran Bre­ta­gna e quella di quest’ultima dall’Unione Euro­pea. La fine dello splen­dido iso­la­mento isti­tu­zio­nale del paese — dotato di un sistema uni­no­mi­nale per il quale se per esem­pio i Verdi otte­nes­sero il 10% dei voti otter­reb­bero comun­que solo un seg­gio — e che lo dif­fe­ren­zia radi­cal­mente dal resto d’Europa, dove i governi di coa­li­zione e il pro­por­zio­nale sono la norma, rischia pro­ba­bil­mente di coin­ci­dere con l’inizio di un nuovo — opaco — iso­la­mento del Paese dall’Europa stessa.

«Bre­xit», enne­simo sgra­ziato acro­nimo che defi­ni­sce l’uscita del Paese dall’Ue, resa pos­si­bile dal peri­co­loso refe­ren­dum che Came­ron, per cal­mare gli scal­ma­nati euro­scet­tici alla sua destra, ha già pro­messo terrà se sarà lui il vin­ci­tore, è infatti il pos­si­bile sbocco di que­ste ele­zioni. Por­te­rebbe con buone pro­ba­bi­lità a «Sco­xit», simi­lare appel­la­tivo per l’uscita della Sco­zia dall’Unione in un secondo refe­ren­dum che l’Snp è certo richiederebbe.

Le stesse seco­lari fon­da­menta dell’Unione tor­nano dun­que a tre­mare per la feno­me­nale cre­scita degli indi­pen­den­ti­sti scoz­zesi, che con la bril­lante lea­der­ship di Nicola Stur­geon — che, va ricor­dato, nem­meno è can­di­data; l’ex-leader Alex Sal­mond lo è — hanno non solo evi­tato un’emorragia di con­sensi dopo la scon­fitta di misura del refe­ren­dum, ma get­tato nuove basi per l’epocale seces­sione. Inter­con­nessi come sono, le fisio­no­mie di entrambi que­sti due sto­rici eventi si sta­glia minac­ciosa sulle altre que­stio­ni­della cam­pa­gna elet­to­rale: wel­fare, salute, immi­gra­zione. Nel frat­tempo, anche le cele­brità fanno le pro­prie dichia­ra­zioni di voto.

Oltre alla casa­linga nazio­nale Delia Smith, che ha esor­tato a votare per il par­tito di Mili­band, va segna­lata la non del tutto impre­ve­di­bile «inver­sione a U» del bad boy Rus­sell Brand, anche lui assa­lito in extre­mis da una toc­cante fidu­cia nell’istituto della demo­cra­zia rappresentativa.

Reduce da una serie di appa­ri­zioni a fianco di inqui­lini sfrat­tati e in lotta per la casa, Rus­sell, come­dian e attore fol­go­rato di recente sulla via dell’anti-establishment dopo essersi reso conto di farne parte, ha appena esor­tato i mol­tis­simi gio­vani let­tori del suo recente libro, inti­to­lato elo­quen­te­mente Revo­lu­tion, a votare Labour, gua­da­gnan­dosi così a pieno titolo l’appellativo di «Mili­brand». Tanto rumore per nulla.



Related Articles

Eterologa, il ministro bloccherà gli interventi

Pronti controlli a tappeto fino alla nuova legge sulla Fecondazione eterologa

Svizzera, svelò a WikiLeaks i vip evasori

Manette per Elmer, il banchiere pentito. Lunedì aveva consegnato a Julian Assange cd con circa duemila nomi. Era stato riconosciuto colpevole di aver violato il segreto bancario

Iran, retata di giornalisti scomodi “Collaboravano con l’Occidente”

A cinque mesi dalle presidenziali arrestati numerosi reporter e perquisite le sedi di alcuni quotidiani Iran, retata di giornalisti scomodi “Collaboravano con l’Occidente”.  Il regime teme una nuova ondata di proteste alla vigilia del voto, com’è accaduto nel 2009

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment