Voragine da 16 miliardi, ma niente patri­mo­niale

Voragine da 16 miliardi, ma niente patri­mo­niale

Il nodo aperto dalla (sacro­santa) sen­tenza della Corte costi­tu­zio­nale sulle pen­sioni sem­bra solo al debutto. Ieri al già com­pli­cato qua­dro si è aggiunta la Ue, che ha lan­ciato un monito all’Italia: qual­siasi aggra­vio nel bilan­cio dovrà essere atten­ta­mente «coperto». Pare ria­prirsi quindi un con­ten­zioso con Bru­xel­les che il mini­stro Pier Carlo Padoan e il governo davano già per chiuso. Ma non basta: il Nens ha cal­co­lato che il risar­ci­mento potrebbe costare fino a 16 miliardi, men­tre la Cgil ha chie­sto una patri­mo­niale per repe­rire le risorse, e il mini­stro Giu­liano Poletti ha già rispo­sto con un net­tis­simo rifiuto.

Innan­zi­tutto vediamo cosa dicono alla Com­mis­sione euro­pea, che ieri non si è espo­sta con le figure isti­tu­zio­nali ma ha pre­fe­rito far pro­nun­ciare una fonte interna: il mes­sag­gio, comun­que, c’è tutto. «Aspet­tiamo di vedere come il governo appli­cherà la sen­tenza» della Con­sulta sulle pen­sioni, ma «qual­siasi cosa cambi gli obiet­tivi di bilan­cio del docu­mento di pro­gram­ma­zione finan­zia­ria» dell’Italia «deve essere com­pen­sato», hanno spie­gato a Bruxelles.

Ma il pro­blema non si pre­senta a breve, hanno pun­tua­liz­zato alla Ue: la sen­tenza della Corte costi­tu­zio­nale e le sue con­se­guenze sul bilan­cio ita­liano, non essendo ancora state for­mal­mente quan­ti­fi­cate e defi­nite in prov­ve­di­menti, non saranno infatti prese in con­si­de­ra­zione nelle pre­vi­sioni eco­no­mi­che di pri­ma­vera della Com­mis­sione che ver­ranno pre­sen­tate oggi.

La sen­tenza, lo ricor­diamo, impone allo Stato di risar­cire circa 6 milioni di pen­sio­nati per il blocco dell’adeguamento dei loro asse­gni deciso dal governo Monti nel 2011 (decreto «Salva-Italia», pre­sen­tato come prov­ve­di­mento di emer­genza), e valido per il bien­nio 2012–2013. Ma quello che oggi tanti defi­ni­scono il «mal­tolto» (da Car­melo Bar­ba­gallo della Uil fino a Federconsumatori-Adusbef) non si limita solo a quei anni, ma sconta un “effetto tra­sci­na­mento” che si riper­cuote fino a oggi e fa lie­vi­tare a dismi­sura il già salato conto.

Un cal­colo ieri è venuto fuori dal Nens, pre­sti­giosa asso­cia­zione di eco­no­mi­sti che vede tra i suoi fon­da­tori Vin­cenzo Visco: secondo uno stu­dio che porta la firma di Anto­nio Misiani, il pre­gresso 2012–2015 da rim­bor­sare «potrebbe rag­giun­gere la cifra di 16,6 miliardi». «A que­ste cifre — aggiunge l’esperto del Nens — andreb­bero aggiunti gli inte­ressi matu­rati». Dal 2016, inol­tre, «per com­pen­sare i futuri risparmi di spesa annul­lati dalla sen­tenza, dovrebbe essere repe­rita una cifra annua pari a 4,7 miliardi».

Debiti su debiti, quindi. E la Cgil avanza una pro­po­sta: quella di attin­gere quanto neces­sa­rio da una «patri­mo­niale sui più ric­chi», idea che non è affatto nuova per il sin­da­cato gui­dato da Susanna Camusso. Da tempo, infatti, i cigiel­lini chie­dono di far pagare un Piano straor­di­na­rio del lavoro a chi vive nel lusso, con una sorta di pere­qua­zione soli­dale. Più in gene­rale, anzi, Camusso chiede che si metta mano ai por­ta­fo­gli dei ric­chi (e non della classe media) per «cam­biare tutta la legge For­nero, senza che ciò escluda una più ampia riforma del fisco».

Ipo­tesi boc­ciata da Giu­liano Poletti, mini­stro del Wel­fare: «È ancora pre­sto per fare valu­ta­zioni» sugli effetti della sen­tenza della Con­sulta, ha spie­gato, anche se «sicu­ra­mente non faremo una patri­mo­niale» per­ché «il nostro governo vuole ridurre le tasse e non aumentarle».

Sulla sen­tenza ieri si è espresso anche il Pd, con il respon­sa­bile eco­no­mico Filippo Tad­dei: «La Con­sulta dice che la pen­sione è retri­bu­zione dif­fe­rita, allora deve essere pro­por­zio­nale ai con­tri­buti ver­sati. Se è così, vanno rial­li­neati i bene­fici pen­sio­ni­stici ai con­tri­buti effet­ti­va­mente ver­sati, man­te­nendo l’equità, quindi inter­ve­nendo solo su quelle più alte», ha spie­gato. «Le pen­sioni più basse vanno tute­late, così come dob­biamo tenere le risorse che abbiamo per la lotta alla povertà», ha aggiunto, facendo pre­ve­dere che forse le resti­tu­zioni ver­ranno fatte sol­tanto a chi aveva le pen­sioni più basse, esclu­dendo quindi quelli con asse­gni più alti.



Related Articles

Ogni anno infortuni e malattie professionali costano 42 miliardi

Uno studio dell’INAIL di Diego Alhaique Come una manovra finanziaria sui conti dello Stato. Anzi di più, se si considera

Il Piano tedesco per l’Africa rende felici privati e finanza

Da Berlino la solita ricetta: finanziarizzazione e «riforme per attrarre investimenti». Banche e fondi d’investimento hanno l’occasione di continuare a depredare

Le tasse? Sono sempre eredità  dei governi precedenti

«Il nostro era uno strumento completamente diverso da quello adottato dal governo Monti che spaventa i cittadini». Anche Silvio Berlusconi sconfessa la paternità  del redditometro e con l’avvio della campagna elettorale l’elenco delle tasse «orfane», inesorabilmente, si allunga.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment