A Expo il Grande Fratello c’è già: Man­po­wer «spia» i lavoratori

A Expo il Grande Fratello c’è già: Man­po­wer «spia» i lavoratori

Il Grande Fra­tello c’era già. Anche prima del decreto attua­tivo del Jobs act e delle pole­mi­che sui con­trolli a distanza ora lega­liz­zati, la Man­po­wer all’Expo di Milano con­trol­lava (e con­trolla) pre­senze e spo­sta­menti dei lavo­ra­tori da lei assunti.

A cen­ti­naia di per­sone che ope­rano in vari padi­glioni dell’Esposisione uni­ver­sale è stato richie­sto di sca­ri­carsi sui pro­pri tele­foni una App (di nome Peo­ple­Link o Peo­ple Time map a seconda del gestore tele­fo­nico) che Man­po­wer ha com­mis­sio­nato mesi fa in grado, tra­mite l’indirizzo di posta elet­tro­nica for­nito in fase di assun­zione — e quindi la pro­pria mail per­so­nale — non solo di essere uti­liz­zata come Badge per con­trol­lare ingresso e uscita dal lavoro, ma — tra­mite la con­nes­sione al Gps — di sapere costan­te­mente dove siano i lavo­ra­tori. In più l’applicazione con­sen­ti­rebbe di entrare nelle memo­rie file dei tele­foni met­tendo a rischio l’intera pri­vacy dei lavo­ra­tori stessi.

Nelle Guide con­se­gnate da Man­po­wer ai lavo­ra­tori assunti si spe­ci­fica che «per atti­vare i sistemi di tim­bra­tura è neces­sa­rio uti­liz­zare la pro­pria email per­so­nale, ovvero quella comu­ni­cata a Man­po­wer in fase di assun­zione». E ancora: «Per poter far fun­zio­nare l’App in maniera cor­retta è neces­sa­rio atti­vare il Wi-Fi o il Gps».

La denun­cia arriva dal Nidil Cgil di Milano su segna­la­zione di decine di lavo­ra­tori con varie man­sioni che ope­rano sui vari padi­glioni. Ma la pra­tica riguar­de­rebbe tutti gli assunti all’Expo da Man­po­wer. NidiL Cgil, Felsa Cisl e Uil­temp hanno con­te­stato alla Man­po­wer la pra­tica, la vio­la­zione della pri­vacy e l’omessa comu­ni­ca­zione ai sin­da­cati e ai lavo­ra­tori facendo rife­ri­mento all’articolo 4 dello Sta­tuto dei diritti dei lavo­ra­tori — appena stra­volto dal Jobs act — che vie­tata la pra­tica dei con­trolli a distanza. La rispo­sta di Man­po­wer — che comun­que si è detta dispo­ni­bile ad un incon­tro — è di qual­che giorno fa e sostiene il totale rispetto della legge facendo poi espli­cito rife­ri­mento alla nuova nor­ma­tiva del governo. Una rispo­sta che, seb­bene scritta dopo la pub­bli­ca­zione dei testi del decreto sui nuovi con­trolli a distanza, lascia un legit­timo sospetto: Man­po­wer cono­sceva già il testo del governo o addi­rit­tura lo ha suggerito?

Intanto non si pla­cano le pole­mi­che su altre parti del decreto attua­tivo riguar­dante le cosid­dette “Sem­pli­fi­ca­zioni”. Le asso­cia­zioni dei disa­bili hanno denun­ciato la pos­si­bi­lità per le aziende di assu­mere per­sone con disa­bi­lità ricor­rendo alla chia­mata nomi­na­tiva, lasciando dun­que mano libera alle imprese, non rispet­tando i cri­teri ogget­tivi di legge, con le aziende che ne potreb­bero appro­fit­tare per assu­mere le per­sone con disa­bi­lità meno grave a sca­pito di quelle con disa­bi­lità più gravi.

A tal pro­po­sito ieri il mini­stero del Lavoro in una nota ha pre­ci­sato: «Nes­suna discri­mi­na­zione verso i disa­bili, al con­tra­rio il decreto Sem­pli­fi­ca­zioni incen­tiva le assun­zioni dei disa­bili più gravi». Il decreto, spiega la nota, «pre­vede la pos­si­bi­lità, per i datori di lavoro, di ricor­rere alla chia­mata nomi­na­tiva all’interno delle liste spe­ciali sti­late dai cen­tri per l’impiego». «L’intervento nor­ma­tivo, che è stato pre­ce­duto da un con­fronto appro­fon­dito con le prin­ci­pali asso­cia­zioni dei disa­bili, si è reso neces­sa­rio — pre­cisa il mini­stero del Lavoro — per­ché il sistema della chia­mata nume­rica, come tutti sanno, non ha fun­zio­nato». «La disci­plina vigente — la legge 68/1999 — pre­vede solo in forma par­ziale, per i datori di lavoro, l’obbligo di chia­mata dei disa­bili secondo l’ordine di gra­dua­to­ria delle liste spe­ciali: il 50% per i datori di lavoro che occu­pano da 36 a 50 dipen­denti, il 40% per i datori che ne occu­pano più di 50». «Già oggi, quindi, può essere effet­tuata la scelta nomi­na­tiva nell’ambito delle con­ven­zioni di inse­ri­mento lavo­ra­tivo», con­clude la nota.

«Si arram­pi­cano sugli spec­chi per giu­sti­fi­care l’ingiustificabile — attacca Vir­gi­nio Mas­simo, pre­si­dente dell’associazione “Nes­suno escluso” per l’inclusione sociale dei disa­bili psi­chici — . Il punto messo in discus­sione è che la chia­mata nomi­na­tiva diventa l’unico modo per assu­mere per­ché in linea di prin­ci­pio l’impresa può sce­gliere il disa­bile. La cri­tica alla legge attuale che non è appli­cata l’abbiamo fatta noi per primi ma la solu­zione del governo è invece soste­nere che non è appli­ca­bile e dare mano libera all’impresa», conclude.



Related Articles

Dalla Grecia alla Cina

L’invincibile tigre asia­tica, capace di rega­lare all’economia glo­bale tassi di cre­scita a dop­pia cifra, a quanto pare sta vivendo il suo 1929

Spread Italia-Germania a quota 300 e la Merkel si congratula con Monti

Vertice Ue, caso-Grecia verso la soluzione, oggi il patto fiscale L’Europa

Profughi, «la linea di Berlino non cambia»

Germania. Angela Merkel incassa una batosta alle elezioni in tre Land ma non fa retromarcia: «L’obiettivo resta una soluzione europea»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment