Aumentano le morti bianche in Italia

Aumentano le morti bianche in Italia

I numeri sono agghiaccianti e lo sono ancor più quando si rilevano le percentuali d’incremento della mortalità rispetto allo scorso anno. Perché se a marzo l’aumento delle vittime sul lavoro era pari al 4,4 per cento, nel mese di aprile si è arrivati a sfiorare il 14 per cento. Percentuali drammatiche dietro alle quali c’è il tragico racconto delle vittime così come del dolore delle loro famiglie; e sono 223 i lavoratori che hanno perso la vita da gennaio ad aprile di quest’anno contro i 196 nello stesso periodo del 2014; 305 contando anche i lavoratori deceduti in itinere (erano 269 lo scorso anno).

Nitida e precisa la proiezione elaborata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre – sulla base di dati Inail –in cui risulta evidente l’emergenza morti bianche in occasione di lavoro soprattutto nel Nord del Paese con la Lombardia che fa registrare 37 vittime e il Veneto 24. Sul podio purtroppo, però, trovano spazio anche il Centro e il Sud con la Toscana e la Campania, dove si sono verificati 19 infortuni mortali.

Seguono la Sicilia con 17 morti sul lavoro, Piemonte e Lazio (16), Emilia Romagna (15), Puglia (12).
Sono invece 8 le vittime rilevate in Umbria e in Abruzzo, 7 nelle Marche, 5 in Liguria, 4 in Basilicata, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Calabria e Sardegna.
Per quanto riguarda invece il rischio di mortalità più elevato rispetto alla popolazione lavorativa, il dato più sconfortante giunge dall’Umbria con un’incidenza di 22,3 ed è più che doppia rispetto alla media nazionale di 9,9. Seguono quindi: Basilicata (22,2) e Abruzzo (16,3).
Sopra la media nazionale stanno anche il Veneto, la Toscana, la Campania, la Sicilia, la Puglia, le Marche.

L’11,2 per cento degli incidenti mortali si è verificato nel settore dei trasporti e magazzinaggi, il 10,8 per cento nelle attività manifatturiere, il 10,3 per cento in quello delle costruzioni; il 7,6 per cento nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione autoveicoli e motocicli.
La fascia d’età più colpita è quella compresa tra i 45 e i 54 anni con 80 vittime su 223. Le donne che hanno perso la vita nei primi quattro mesi dell’anno in occasione di lavoro sono state 13 (6 in più rispetto a marzo). Gli stranieri deceduti sul lavoro sono 33 pari al 14,8 per cento del totale.

A livello provinciale la capitale a guidare la triste classifica con 12 morti bianche, seguita da Milano (11), Treviso (8), Bari (7), Perugia (6) Benevento, Varese, Cuneo, Palermo, Salerno, Brescia e Ravenna (5).

Statistiche morti sul lavoro – Osservatorio sicurezza lavoro Vega Engineering 30/04/15

Incidenze morti sul lavoro popolazione occupata Province italiane – Osservatorio sicurezza lavoro Vega Engineering 30/04/15

I dati sopra citati sono disponibili attraverso la pubblicazione mensile sul sito www.vegaengineering.com.

N.B: le nostre elaborazioni  rilevano gli incidenti mortali verificatisi in luogo di lavoro ordinario e quindi sono esclusi quelli in itinere e quelli dovuti alla circolazione stradale.

Annamaria Bacchin



Related Articles

Non sparate sulla web generation

Web Un viaggio nella vita digitale degli adolescenti Migliaia di interviste raccolte in un libro americano diventato un fenomeno editoriale, che sfata i luoghi comuni Un “Vangelo” per i genitori che vogliono capire qualcosa dei propri figli

Scuola, ricomincia il disastro

 

 Edifici che crollano. Ore tagliate. Docenti che ballano da un istituto all’altro. Disabili sempre meno seguiti. Letta annuncia soldi ma la realtà è sotto gli occhi di tutti: il diritto allo studio se ne sta andando

Italia: stasera la Notte della Rete per dire no alla censura sul web

  Il simbolo de La notte della Rete

Passa dalla rete alla piazza la protesta contro l’annunciata delibera dell’Agcom (testo integrale in .pdf) che domani, 6 luglio, dovrebbe approvare il provvedimento con cui l’Autorità  per le Garanzie nelle Comunicazioni potrà  oscurare siti internet stranieri e rimuovere da quelli italiani contenuti sospettati di violare il diritto d’autore in modo automatico e prescindendo da qualsiasi accertamento dell’Autorità  giudiziaria.

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment