Barack Obama vince a sinistra e a destra

Barack Obama vince a sinistra e a destra

In una delle deci­sioni più attese dell’anno la corte suprema degli Stati uniti ha dichia­rato legale le sov­ven­zioni fede­rali alla sanità pub­blica e sal­vato la riforma sani­ta­ria imple­men­tata cin­que anni fa da Barack Obama.

Con un voto di 6–3 i giu­dici hanno rite­nuto legali i fondi fede­rali elar­giti ai sin­goli stati per sov­ven­zio­nare l’acquisto di assi­cu­ra­zioni medi­che da parte di fami­glie disa­giate. Il pro­gramma era stato denun­ciato come un’ingerenza inde­bita di Washing­ton nelle ammi­ni­stra­zioni dei sin­goli stati e pur di boi­cot­tarlo molti gover­na­tori repub­bli­cani di stati con­ser­va­tori hanno rifiu­tato i fondi offerti dal governo. Il caso spe­ci­fico era stato aperto a nome di quat­tro «sin­goli cit­ta­dini» ma in realtà era orche­strato dai repub­bli­cani attra­verso un think tank libe­ri­sta, il Com­pe­ti­tive Enter­prise Insti­tute. I legali del Cei ave­vano tenuto nasco­ste le iden­tità delle pre­sunte parti lese che si erano infine rive­late con­ser­va­tori con­trari alla «tassa sulla salute» (la legge pre­vede una penale impo­sta dall’erario a chi non acqui­sta un piano sanitario).

Già tre anni fa la mas­sima corte aveva affer­mato la costi­tu­zio­na­lità della riforma Obama gra­zie al “tra­di­mento” del suo pre­si­dente, John Roberts. Anche ieri Roberts ha fir­mato con i col­le­ghi libe­ral la sen­tenza che riaf­ferma in via defi­ni­tiva il pro­gramma di governo del primo man­dato Obama e una riforma per la quale, più che per ogni altra ini­zia­tiva il pre­si­dente verrà molto pro­ba­bil­mente ricordato.

«Oggi è un grande giorno per l’America» ha dichia­rato Obama poco dopo la sen­tenza affian­cato da Joe Biden nel rose gar­den della Casa bianca. Si è trat­tato invece di un’amara scon­fitta per i repub­bli­cani che hanno fatto dell’opposizione alla sanità «socia­li­sta» di Obama la chiave di volta di un ostru­zio­ni­smo poli­tico che rav­visa nello sta­ta­li­smo di Obama l’anatema ideo­lo­gico più inviso a una destra sem­pre più ama­reg­giata e iso­lata mal­grado la mag­gio­ranza par­la­men­tare con­qui­stata nelle ultime elezioni.

Oba­ma­care è così diven­tata sin­gola osses­sione e al con­tempo sim­bolo di inef­fi­ca­cia per il Par­tito repub­bli­cano che dalla sua imple­men­ta­zione ne ha votato per ben 56 volte l’abrogazione in par­la­mento (pur senza disporre dei voti neces­sari a evi­tare il veto pre­si­den­ziale). Que­sta ultima sen­tenza relega ancora più inso­ste­ni­bil­mente nella parte “per­dente” il loro par­tito. Com­presi i nume­rosi pre­ten­denti alla pros­sima nomi­na­tion pre­si­den­ziale, tutti pro­nun­cia­tisi pub­bli­ca­mente e ripe­tu­ta­mente con­tro. A favore cioè di un’abrogazione ancor meno plau­si­bile ora che, come ha affer­mato Obama, «la legge è defi­ni­ti­va­mente parte del tes­suto legi­sla­tive del nostro paese».

Visi­bil­mente sod­di­sfatto, il pre­si­dente ha inse­rito la sua mag­giore vit­to­ria poli­tica nella tra­di­zione del new deal roo­se­vel­tiano. «Tre gene­ra­zioni fa gli ame­ri­cani hanno isti­tuito social secu­rity (le pen­sioni pub­bli­che, ndr). Due gene­ra­zioni fa medi­care (la pre­vi­denza per gli anziani, ndr). La nostra gene­ra­zione ha scelto di com­ple­tare l’opera». Ma die­tro la reto­rica si cela la realtà: lungi dall’istituire una sanità sociale, la riforma è un mode­rato rior­di­na­mento nor­ma­tivo del colos­sale com­plesso sani­ta­rio pri­vato che, pur limi­tando i soprusi più scan­da­losi dell’industria pre­vi­den­ziale (come le polizze annul­late per malat­tia «ecces­siva»), si limita a san­cire l’obbligo dell’assicurazione pri­vata, mode­rando i costi con una più ampia base di iscritti, ma rega­lando anche agli assi­cu­ra­tori milioni di nuovi clienti.

Solo lunedì lo stesso Obama aveva ammesso di aver scelto il minore dei mali per rime­diare alla ver­go­gna di una potenza indu­striale con 30 milioni di non assi­cu­rati. «Siamo uno dei pochi paesi al mondo che opera con que­sto strano regime misto pub­blico e di set­tore pri­vato che è som­ma­mente inef­fi­ciente, ha costi ele­va­tis­simi e ser­vizi non neces­sa­ria­mente all’altezza. Ma l’idea di poter di colpo sba­raz­zarci di un sistema che assorbe un sesto della nostra eco­no­mia e impiega milioni di per­sone sem­pli­ce­mente non era rea­li­stica». Per quanto ieri abbia elo­giato la riforma che rende la salute non più un pri­vi­le­gio per pochi, la realtà è che una fami­glia media ame­ri­cana quel diritto lo deve pur sem­pre pagare 800 dol­lari al mese.

Rimane agli atti una pesante vit­to­ria poli­tica, per Obama la seconda nella stessa set­ti­mana dato che giunge due giorni dopo il voto che ha ribal­tato nel Con­gresso l’opposizione al libero com­mer­cio. Ini­zial­mente una fronda dei demo­cra­tici aveva boc­ciato la sua richie­sta di spe­ciale auto­rità per nego­ziare i ter­mini del trat­tato TPP con 12 paesi del ver­sante Paci­fico (la con­tro­parte al trat­tato TTIP per la libe­ra­liz­za­zione del com­mer­cio con l’Europa). Diventa così pro­ba­bile l’adozione defi­ni­tiva dei trat­tati libe­ri­sti su cui Obama è alleato con i repub­bli­cani di indu­stria e finanza.

Demo­cra­tici, pro­gres­si­sti e sin­da­cati sono invece com­pat­ta­mente con­trari agli accordi che pro­met­tono di aumen­tare i poteri con­trat­tuali delle cor­po­ra­tion rispetto a stati sovrani e nor­ma­tive ambien­tali e di favo­rire l’ulteriore delo­ca­liz­za­zione glo­bale del lavoro. Per Obama in sostanza una vit­to­ria “demo­cra­tica” e una “repub­bli­cana”, che messe insieme pre­miano la sua dot­trina del prag­ma­ti­smo moderato.



Related Articles

Gli USA lasciano Bagram simbolo della war on terror, la Guantanamo afghana

Afghanistan. Nella base si sono avvicendati gli ultimi presidenti degli Stati Uniti, tranne Joe Biden. Bagram verrà ricordata per la sua prigione, temuta da tutti gli afghani e conosciuta come la Guantanamo afghana. Anche qui sono avvenute torture, abusi, secondo un rapporto del Senato Usa e tanti altri rapporti

“Monti deve concordare le proposte non è tempo di flessibilità  sui licenziamenti”

 Intervenire sulle detrazioni fiscali significa toccare le famiglie e la crescita. Bersani non voleva dire che vogliamo andare a votare, ma che lavoriamo al nostro progetto politico

Il Congresso Cgil torna unito, Maurizio Landini eletto segretario

Il congresso di Bari. All’ex leader della Fiom il 92,7% dei voti: «Sento una grande responsabilità». Primo problema da affrontare, quello della «rappresentanza dei giovani»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment