Check Point San Luigi, dove si scambiano i pro­fu­ghi

Check Point San Luigi, dove si scambiano i pro­fu­ghi

Ventimiglia. La Francia continua a braccare i migranti per riportarli nella cittadina ligure. La situazione di stallo si fa sempre più drammatica, sono ancora più di cento i profughi che hanno scelto gli scogli come riparo in attesa che l’Europa prenda una decisione che non vuole prendere. Nel frattempo, a Milano, David Cameron e Matteo Renzi fingono di aver trovato qualche accordo per contrastare gli sbarchi dalla Libia

Chi non ha mai dor­mito su uno sco­glio, per ren­di­con­tare la situa­zione alla sco­gliera di Ponte San Ludo­vico, al con­fine tra Ita­lia e Fran­cia, potrebbe anche soste­nere che la quinta notte è stata tran­quilla. Nes­suna ten­sione. Signi­fica che la poli­zia almeno ieri non ha mal­trat­tato le cento per­sone che ormai da quasi una set­ti­mana con la loro stessa pre­senza si osti­nano a dare pugni in fac­cia a un’Europa, come direbbe il mini­stro Alfano, che non rie­sce a pro­vare nem­meno un bri­ciolo di dolore. I migranti ormai fareb­bero bene a lasciare la sco­gliera, il sole pic­chia, la notte spacca le ossa, e nes­sun ita­liano o fran­cese merita di assi­stere a que­sta prova di forza e di corag­gio. E dopo cin­que giorni, anche se i migranti non lo pos­sono sapere, lo spet­ta­colo della sco­gliera piena di uomini e donne che sof­frono non scan­da­lizza più nes­suno. Il sipa­rio sta per calare, e nono­stante il Papa non dovrebbe esserci perdono.

Ieri mat­tina si voci­fe­rava di un fatto, non con­fer­mato, che avrebbe ripor­tato Ven­ti­mi­glia alla ribalta: due pro­fu­ghi sareb­bero stati tro­vati morti a Men­tone (Fran­cia) lungo i binari della fer­ro­via. Noti­zia poi smen­tita dalle due poli­zie che fra­ter­niz­zano lungo la linea di con­fine (sareb­bero morti ma due mesi fa). Gli agenti con­fa­bu­lano a Ponte San Luigi, il pas­sag­gio più alto per entrare in terra fran­cese, dove per tutto il giorno c’è stato un penoso scam­bio di uomini e donne: almeno cento per­sone sono state brac­cate dalla gen­dar­me­rie e poi sono state cari­cate sul pull­man della Croce Rossa che le ha ripor­tate indie­tro a Ven­ti­mi­glia. Ma sem­bra che il governo ita­liano abbia smesso di far finta di aprire un con­ten­zioso con la Francia.

Ecco per­ché nella cit­ta­dina ligure ieri c’erano circa sei­cento migranti, più dell’altro giorno. Sono cre­sciuti anche quelli che cer­cano riparo sugli sco­gli, per la Croce Rossa sareb­bero cen­to­cin­quanta. Chi si avvi­cina lo fa per aiu­tare, porta cibo, bevande, ombrelli, tende, qual­che auto­mo­bi­li­sta regala un frutto. Ita­liani e fran­cesi. I volon­tari stanno ragio­nando sul Rama­dan che ini­zia oggi (ieri sera è arri­vato l’imam di Nizza). Il timore è che il digiuno sotto il sole possa cau­sare qual­che malore. Tutto lascia pen­sare che la situa­zione non sia sul punto di sbloc­carsi e per que­sto nella sta­zione oggi ver­ranno uti­liz­zati nuovi locali attrez­zati con brande per l’accoglienza.

La situa­zione di stallo, forse tran­quilla e per que­sto ancora più incre­di­bile, non turba la poli­tica ita­liana. L’eco di Ven­ti­mi­glia è arri­vata a Palazzo con una inter­ro­ga­zione di Sel che ha chie­sto conto al mini­stro degli Interni dello sgom­bero vio­lento di mar­tedì. “Vogliamo sapere — chie­dono cin­que depu­tati — per­ché il Vimi­nale abbia deciso di met­tere in atto un’operazione chia­ra­mente inu­tile, se non dan­nosa, sotto il pro­filo dell’ordine pub­blico, e comun­que lesiva della dignità di per­sone che mani­fe­stano sem­pli­ce­mente il diritto di ogni essere umano a sta­bi­lire la pro­pria resi­denza lad­dove siano garan­tite con­di­zioni minime di esi­stenza”. A domanda, per quanto utile possa essere il parere di Alfano, ovvia­mente non c’è risposta.

Piut­to­sto signi­fi­ca­tiva, invece, la sce­netta penosa che ieri ha visto pro­ta­go­ni­sta Mat­teo Renzi nei panni del padrone di casa che omag­gia l’ennesimo ospite di riguardo all’Expo di Milano, que­sta volta il pre­mier inglese David Came­ron. I due, bontà loro, dopo il risotto e l’arrosto di vitello, hanno anche tro­vato il tempo per fare due chiac­chiere sull’immigrazione. Came­ron, oltre ad aver riba­dito che sco­gli o non sco­gli l’Inghilterra non è dispo­sta ad acco­gliere i pro­fu­ghi che sbar­cano in Ita­lia, ha liqui­dato il pre­si­dente del Con­si­glio avan­zando pro­po­ste di un’inconcludenza disar­mante. Dice Came­ron che i due paesi lavo­re­ranno insieme e che “c’è biso­gno di un approc­cio glo­bale” e che sarebbe auspi­ca­bile “un nuovo governo in Libia che dia la cac­cia alle bande cri­mi­nali”. Poi la pro­messa: il Regno Unito sarebbe pronto a lavo­rare con i nostri ser­vizi di intel­li­gence in Sici­lia, “dove noi met­te­remo gente e risorse per pro­vare a inter­rom­pere i col­le­ga­menti tra chi cerca di par­tire e gli sca­fi­sti”. Renzi è rima­sto sod­di­sfatto, per­ché “c’è la con­di­vi­sione che que­sto pro­blema non è un pro­blema solo ita­liano”. Lo spac­cone, solo nel salotto di Bruno Vespa.



Related Articles

Violenza contro le donne, forte incremento durante la pandemia e il lockdown

Ieri è stato diffuso il rapporto Istat relativo alle richieste di aiuto durante il 2020. Le chiamate al 1522 sono cresciute esponenzialmente nei mesi del lockdown. Oltre 20mila le utenti che si sono rivolte ai Centri antiviolenza. I maltrattanti sono famigliari e partner

Damasco, Homs, Deir Az Zoor, Hama, Latakia: nuovo venerdì di proteste. E di arresti

SIRIA Gli oppositori denunciano: la repressione continua, l’esercito resta nelle città 
Mentre aumenta la pressione internazionale sul presidente Assad. Ma il Consiglio di sicurezza dell’Onu resta diviso

Un marocchino in Italia guadagna quanto 5,5 lavoratori in patria

Ricerca della Fondazione Moressa: la differenza con lavoratori italiani è di circa 300 euro mensili. Le donne immigrate prendono meno di 800 euro. “La necessità  del permesso di soggiorno può portare all’accettazione di condizioni marginali”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment