Gre­cia, rimandata anche «l’ultima speranza»

Gre­cia, rimandata anche «l’ultima speranza»

Riunioni a Bruxelles .  Il vertice dei capi di stato e di governo ieri è stato solo “consultivo”. Pressioni Usa. I 5 presidenti per un rafforzamento delle fondamenta dell’euro

Erano tutti pre­senti sulla scena di Bru­xel­les ieri: le “isti­tu­zioni” (Bce, Ue, Fmi) e i loro pre­si­denti, i 19 mini­stri delle finanze della zona euro, in serata i 19 capi di stato e di governo. Tutti al capez­zale del caso greco, come un coro dell’Aida, “par­tiam, par­tiam”. Ma ancora un nulla di con­clu­sivo. Il Con­si­glio straor­di­na­rio, l’ennesimo dell’ “ultima spe­ranza”, era stato degra­dato nel pome­rig­gio a un incon­tro “con­sul­tivo” (Mer­kel). In set­ti­mana si riu­nirà un nuovo Euro­gruppo, mer­co­ledi’ o addi­rit­tura gio­vedi’ mat­tina, poche ore prima del Con­si­glio euro­peo del 25–26. Sono arri­vate nuove pro­po­ste da Atene. “Le prime vere pro­po­ste” di Atene da mesi, per Donald Tusk (Con­si­glio). “Visti i tempi troppo brevi”, per Dijs­sel­bloem (Euro­gruppo) non è stato pos­si­bile “esa­mi­narle e valu­tarle in modo com­pleto e appro­fon­dito”. Il ver­tice straor­di­na­rio dei capi di stato e di governo si limita a “uno scam­bio di vedute”, in vista di “un accordo in settimana”.

Il tempo è sem­pre più stretto, il 30 ci sono due sca­denze per Atene: il rim­borso di 1,6 miliardi all’Fmi e la fine del secondo piano di aiuti, già riman­dato due volte, che se scade vedrà eva­po­rarsi i 7,2 miliardi che devono ancora essere ver­sati alla Grecia.

Ale­xis Tsi­pras, in azione fin dal mat­tino, ha incon­trato Junc­ker (Com­mis­sione), Lagarde (Fmi), Dra­ghi (Bce), Dijs­sel­bloem (Euro­gruppo). Ha pre­sen­tato le ultime pro­po­ste gre­che, le “chiavi per l’accordo”: delle con­ces­sioni e qual­che paletto. No a un ecce­dente pri­ma­rio ecces­sivo (l’intesa, rag­giunta già nei giorni scorsi è per un avanzo pri­ma­rio dell’1% quest’anno), no a un nuovo calo delle pen­sioni né tagli all’Ekas, no a un aumento delle tariffe dell’elettricità, come chiede l’Fmi. Tsi­pras vuole tor­nare a una “nor­ma­lità” del diritto del lavoro in Gre­cia. Pro­pone invece una riforma dei con­tri­buti, la lotta all’evasione e alla cor­ru­zione. Sulle pen­sioni pro­mette di arri­vare già nel 2016 a una ridu­zione dra­stica dei pre-pensionamenti, per recu­pe­rare intorno ai 2 miliardi e qual­che taglio alle pen­sioni più alte. Con­ces­sioni anche sull’Iva, che potrebbe aumen­tare dal 6,5% al 13% sul set­tore alber­ghiero e, forse, anche dal 13 al 23% per i risto­ranti. Non è chiaro se ci sarà un aumento anche per le atti­vità turi­sti­che nelle isole più ric­che. Atene chiede in cam­bio un impe­gno pre­ciso per rine­go­ziare il debito (320 miliardi, 177% del pil), come era stato pro­messo dai cre­di­tori – e mai man­te­nuto – già nel novem­bre 2012.

La Gre­cia è con le spalle al muro. Quest’anno deve rim­bor­sare 15 miliardi ai cre­di­tori. Ieri, la Bce ha di nuovo – è la terza volta da mer­co­ledi’ scorso – alzato l’Ela (liqui­dità di emer­genza) per evi­tare l’asfissia del sistema ban­ca­rio. Nella guerra in corso, i cre­di­tori gio­cano con il rischio di un bank run, che potrebbe por­tare a un Gre­xi­dent: ci sono stati ritiri tra i 4 e i 6 miliardi dai conti cor­renti in Gre­cia negli ultimi giorni, per il momento la Bce com­pensa (ma al ribasso) con l’Ela (che ha supe­rato gli 85 miliardi). Ma le Borse ieri hanno rea­gito al rialzo, cre­dendo nella pos­si­bi­lità di un accordo. Pres­sioni ieri sulla Ue da Jacob Lew, segre­ta­rio al Tesoro Usa, per un accordo.

Per tutta la gior­nata è andata in scena sem­pre la stessa par­ti­zione, tra fal­chi e mezze colombe. Hol­lande spinge per un accordo “dure­vole e glo­bale” e ha affer­mato che le pro­po­ste di Tsi­pras sono una “buona base”. Mer­kel, forse anche Hol­lande, hanno potuto con­sul­tare il testo delle pro­po­ste gre­che prima degli altri. Cat­tivo umore del fronte dei fal­chi, pesci pilota di Wol­fgang Schäu­ble, per il quale la Gre­cia “non ha pre­sen­tato pro­po­ste sostan­ziali”. Alla Gre­cia è stato rim­pro­ve­rata una prima ver­sione di pro­po­ste “senza cifre”, a cui ha poi fatto seguito un testo più pre­ciso. Il com­mis­sa­rio Pierre Mosco­vici ha dram­ma­tiz­zato: “il Gre­xit si gioca in gran parte oggi” e anche Junc­ker ha espresso pes­si­mi­smo per una solu­zione rapida. Il mini­stro dell’economia greco, Gior­gos Sta­tha­kis, ha spie­gato invece che c’è ormai “una base per un accordo for­male” e che man­cano sol­tanto degli “aggiu­sta­menti tec­nici”, che saranno rea­liz­zati nei pros­simi giorni, per arri­vare a una “for­ma­liz­za­zione dell’accordo” pro­ba­bil­mente al Con­si­glio di fine set­ti­mana. Un accordo dure­vole dovrebbe con­te­nere non solo un cata­logo di misure imme­diate per “risa­nare” il bilan­cio greco, ma anche pre­ci­sa­zioni sulla ristrut­tu­ra­zione del debito. E, infine, un chia­ri­mento sulla futuro della pre­senza – incon­grua, voluta nel 2010 dalla Ger­ma­nia – dell’Fmi, una “banca” che non ha nulla a che vedere con la Ue: l’intervento dell’Fmi sulla Gre­cia scade nella pri­ma­vera del 2016 e l’Eurozona dovrebbe chia­rire se sarà messo allora un punto finale a que­sta pre­senza (la zona euro, tra Fondo salva stati e pre­stiti bila­te­rali, ha pre­stato circa 300 miliardi alla Gre­cia, men­tre l’Fmi, che pure detta legge, solo 32).

Un’altra strada per rispon­dere a quello che ha messo in luce la crisi greca è il “con­so­li­da­mento delle fon­da­menta dell’euro”, che ha rischiato – e rischia ancora – di mostrarsi come una moneta effi­mera, in caso di Gre­xit. Pro­po­ste in que­sto senso sono venute dal docu­mento, dif­fuso ieri, dei “Cin­que pre­si­denti”: Junc­ker (Com­mis­sione), Dra­ghi (Bce), Tusk (Con­si­glio), Schultz (Par­la­mento) e Dijs­sel­bleom (Euro­gruppo). Pro­pon­gono di raf­for­zare sor­ve­glianza dei bud­get e coor­di­na­zione delle poli­ti­che eco­no­mi­che nella zona euro.



Related Articles

Afghanistan. Giovane kamikaze fa strage a un matrimonio

L’attacco a pochi giorni dall’impegno di Talebani e Usa a Doha per «zero vittime civili». Principale sospettato: l’Isis di al-Baghdadi. Oltre 30mila uccisi in 10 anni

La battaglia di Gaza morti due soldati israeliani Hamas “festeggia” ma ora pensa alla tregua

Arrivano gli sms di allerta dell’esercito e la gente spara per diffondere l’allarme Le bombe cadono sullo zoo, i leoni in libertà È l’ultima conseguenza surreale della guerra nella Striscia che ha già mietuto le vite di 340 palestinesi, tra cui 59 bambini

Industria, dai distretti primi segnali di ripresa ma solo per chi esporta e investe in ricerca

Passera: “La crescita non è sufficiente, bisogna creare più occupazione”

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment