Il muro del Nord

Il muro del Nord

Il capi­tolo «seces­sione», che le Regioni leghi­ste (la “Pada­nia” senza più il Pie­monte, ma con in più la Ligu­ria) non erano riu­scite ad aprire e legit­ti­mare in campo fiscale, viene oggi ripro­po­sto sulla que­stione delle «quote» di pro­fu­ghi e migranti da tra­sfe­rire al Nord dai porti di sbarco; nono­stante che a gui­dare la rivolta sia pro­prio Maroni, l’ex-ministro che quelle quote le aveva intro­dotte. Ma que­sta volta la fronda leghi­sta avrà un impatto mag­giore, per­ché è in per­fetta sin­to­nia con le posi­zioni che i paesi dell’Unione Euro­pea stanno adot­tando nell’affrontare lo stesso pro­blema: «Teneteveli».

Cioè: anche se, con­tro gli intenti ori­gi­nari, la mis­sione Tri­ton è costretta a sal­varli, i pro­fu­ghi restino là dove sbar­cano. E con loro se la vedano i paesi e le regioni a cui li lasciano in carico. Il default greco non è dun­que più l’unica minac­cia per la coe­sione dell’Unione Europea.

Una gover­nance che si com­porta così verso i suoi mem­bri non è più la legit­tima guida dell’Ue, come non sarebbe più uno Stato uni­ta­rio quello che accet­tasse una divi­sione simile tra le sue Regioni.

Le destre ita­liane ed euro­pee lo sanno, anche se ancora pos­sono — e torna loro comodo — nascon­dere a se stesse e agli altri le con­se­guenze di que­sta linea di con­dotta: che è desti­nare allo ster­mi­nio milioni di esseri umani. Cioè, pro­prio la ripro­po­si­zione di ciò che la Comu­nità, poi Unione Euro­pea, ha come sua ragion d’essere ori­gi­na­ria: che le tra­ge­die pro­dotte da due guerre mon­diali e dai campi di ster­mi­nio «non abbiano a ripe­tersi mai più». Invece sono di nuovo davanti a noi, e tra noi. Non lo si può igno­rare. Le deboli forze che in Ita­lia e in Europa si bat­tono per un mondo diverso ne devono pren­dere atto; anche se que­sta è in asso­luto la più dif­fi­cile delle bat­ta­glie che finora non siamo stati capaci di com­bat­tere, e soprat­tutto di vincere.

Che cosa signi­fica infatti quel «tene­te­veli», rivolto non solo a Ita­lia e Gre­cia, Sici­lia e Puglia, ma anche a Libano, Gior­da­nia, Tur­chia, Egitto, che di pro­fu­ghi ne «ospi­tano» già non decine di migliaia, ma milioni? O rivolto a Libia, Tuni­sia, Sudan, Mali, Niger, ecc.? Paesi, que­sti, dove non si rie­sce nep­pure a fare una conta som­ma­ria degli sban­dati (displa­ced per­sons) e dove è ormai impos­si­bile distin­guere tra pro­fu­ghi di guerra, di per­se­cu­zioni poli­ti­che, reli­giose o etni­che, di crisi ambien­tali o di fame e mise­ria (i cosid­detti migranti eco­no­mici); anche se l’esito di que­ste tante con­cause è quasi sem­pre una guerra ali­men­tata dal com­mer­cio di armi a bene­fi­cio di nazioni che le producono.

L’Italia affronta il pro­blema affi­dan­dolo a mala­vita, mafia e mal­go­verno, gli stru­menti tra­di­zio­nali di gestione di tutte le emer­genze vere o inven­tate: Expò, Mose, rifiuti, ter­re­moti, allu­vioni, ele­zioni, sanità, lavoro nero. Con i pro­fu­ghi, gli affari di mafia e mal­go­verno si asso­ciano a sfrut­ta­mento, umi­lia­zione e degrado di coloro che ven­gono affi­dati alle loro «cure». Ma anche a cre­scenti motivi di timore, mal­con­tento, rivolta aperta; a invo­ca­zione di poteri forti e solu­zioni defi­ni­tive (o «finali»?); a pro­fes­sioni di raz­zi­smo osten­tate delle popo­la­zioni locali.

Ma in che modo pen­siamo che ven­gano gestiti in Medio Oriente i campi pro­fu­ghi di milioni di esseri umani senza alcuna pro­spet­tiva di ritorno alle loro terre per molti anni? E in Libia, in Sudan, o in tutti gli altri paesi verso cui li vor­remmo riso­spin­gere? E che cosa ci aspet­tiamo che fac­ciano i Buzzi o gli Alfano di quei paesi? Il loro lavoro sarà «farli spa­rire», dopo averli tor­tu­rati, rapi­nati e vio­lati in tutti i modi: unica alter­na­tiva alla man­cata pos­si­bi­lità tra­ghet­tarli in Europa.

Ma lo Stato ita­liano, lasciato solo a veder­sela con flussi cre­scenti e incon­trol­la­bili, diven­terà anch’esso desti­na­ta­rio dei respingi-menti: ridotto a tra­sfor­mare la poli­zia, come già sta facendo, in «sca­fi­sti di Stato», per cer­care di far pas­sare la fron­tiera, in vio­la­zione della con­ven­zione di Dublino, al mag­gior numero pos­si­bile di migranti; o a «ester­na­liz­zarne» la gestione a orga­niz­za­zioni alla Buzzi (ma in campo c’è già anche di peg­gio); o ad abban­do­narli per strada, insce­nando fughe di massa dai luo­ghi di deten­zione, e creando così situa­zioni di degrado e di effet­tivo peri­colo con cui ali­men­tare rivolte sem­pre più dif­fuse di comu­nità locali.

Che l’Italia possa rima­nere «aggan­ciata» all’Europa in una situa­zione del genere è dif­fi­cile. Ma che l’Europa possa con­ti­nuare a occu­parsi di sfo­ra­menti dei defi­cit dello «0 vir­gola», senza darsi uno strac­cio di poli­tica per affron­tare, in una pro­spet­tiva di paci­fi­ca­zione, la bel­li­ge­ranza ende­mica ai suoi con­fini, o le derive auto­ri­ta­rie, nazio­na­li­sti­che e raz­zi­ste al suo interno, è altret­tanto surreale.

D’ora in poi tutti i pro­getti per cam­biare la società, o la distri­bu­zione del red­dito, o per difen­dere lavoro, ter­ri­to­rio, scuola, sanità, cul­tura, diritti, dovranno con­fron­tarsi con il pro­blema dei pro­fu­ghi e dei migranti: per cer­care una via di uscita paci­fica e nego­ziata alla crisi geo­po­li­tica del Medi­ter­ra­neo; e per tro­vare un posto e un ruolo alle cen­ti­naia di migliaia che cer­cano sal­vezza in Europa.

Una via di uscita soste­ni­bile, accet­ta­bile per tutti, che riduca anzi­ché esa­cer­bare le molte ragioni di con­tra­sto tra locali e migranti; che per­metta di vivere l’arrivo di tanti pro­fu­ghi non come una minac­cia e un peso inso­ste­ni­bili, bensì – lo hanno dimo­strato vicende locali esem­plari, come quella di Lam­pe­dusa — come un’opportunità di nuove forme di con­vi­venza, di cre­scita cul­tu­rale, di aper­tura poli­tica, di un approc­cio di respiro euro-mediterraneo ai pro­blemi quo­ti­diani: un approc­cio, cioè, che riguardi al tempo stesso il nostro con­ti­nente e i paesi dell’Africa, del Magh­reb e del Medio Oriente.

Con un piano che deve, sì, essere euro­peo, ma che va messo a punto qui, comin­ciando a dimo­strarne la fat­ti­bi­lità per pic­coli epi­sodi: a par­tire da una vigi­lanza e una con­te­sta­zione dif­fuse e di massa su tutti gli affidi in mate­ria di acco­glienza e gestione dei profughi.

Innan­zi­tutto i cit­ta­dini ita­liani non devono essere messi nella con­di­zione di temere che a loro siano riser­vate meno risorse e meno oppor­tu­nità di quelle desti­nate a pro­fu­ghi e migranti: dun­que, red­dito garan­tito e piani gene­rali per creare lavoro e dare occu­pa­zioni e solu­zioni abi­ta­tive decenti a tutti (e fine, quindi, dei patti di stabilità).

Poi, auto­ge­stione: è cri­mi­nale costrin­gere i pro­fu­ghi «accolti» a un ozio for­zato di anni e affi­dare a imprese cosid­dette sociali la gestione di ogni aspetto della loro vita quo­ti­diana. Assi­stiti e con­trol­lati, pro­fu­ghi e migranti pos­sono gestire da soli risorse ed edi­fici riser­vati alla loro permanenza.

Poi devono essere distri­buiti sul ter­ri­to­rio, con misure per faci­li­tare con­tatti e scambi con i locali: accesso a scuole, sanità, atti­vità ricrea­tive, media­zione cul­tu­rale. Infine devono potersi orga­niz­zare anche sul piano poli­tico, valo­riz­zando i con­tatti tra comu­nità nazio­nali già inse­diate in Europa, e con chi è restato nei paesi da cui sono fuggiti.

La costru­zione di una iden­tità regio­nale – di una comu­nità euro-mediterranea, da fon­dare sulle mace­rie dell’Unione attuale, che ha dimen­ti­cato le ragioni che l’hanno fatta nascere — ha biso­gno di que­ste cit­ta­dine e cit­ta­dini, che qui pos­sono met­tere a punto un pro­getto, un embrione di governo in esi­lio, e una road map per il riscatto poli­tico e sociale dei loro paesi di origine.

È una strada lunga e tor­tuosa (come lo è stata quella che ha por­tato alla fon­da­zione dell’Unione Euro­pea), ma ine­lu­di­bile per non venir sopraf­fatti da una guerra per­ma­nente ai con­fini dell’Unione e dal trionfo del raz­zi­smo al suo interno.

P.S. Que­sto è un tema ine­lu­di­bile per la coa­li­zione sociale, un pro­getto che poteva nascere un anno fa con L’Altra Europa con Tsi­pras, ma che è stato disat­teso a favore di un enne­simo assem­blag­gio di inu­tili par­ti­tini; ma che per for­tuna è stato ripreso dalla Fiom e da tutti coloro che vi si stanno impegnando.



Related Articles

Se l’immigrato resta un estraneo

 La Merkel proclama il fallimento del multiculturalismo, o di quel modello di integrazione che si regge sul riconoscimento di un certo grado di diversità  culturale nello spazio pubblico, soprattutto in relazione alla presenza dell’islam in Europa. Ma tutti gli Stati europei sono alle prese con la crisi del proprio modello di integrazione. A riprova che il radicale mutamento indotto dalla globalizzazione ha sottoposto a dura prova un bagaglio di soluzioni che si riteneva ormai consolidato. L’irruzione di culture altre nello spazio sociale solleva, infatti, questioni enormi, tra le quali il concetto di cittadinanza, la laicità  dello stato, il pluralismo religioso. Tutti si interrogano sul che fare ma nessuno dispone di ricette miracolose.

La nuova classe media ora si scopre fragile

Secondo l’Asian Development Bank, nelle economie in via di sviluppo la soglia d’accesso alla «nuova classe media» è un reddito superiore a due dollari al giorno

Il caso Murdoch fa saltare il capo di Scotland Yard

Travolto dallo scandalo, si dimette Sir Paul Stephenson

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment