Jobs Act, la svolta di Renzi: poco lavoro fisso e bassi salari

Jobs Act, la svolta di Renzi: poco lavoro fisso e bassi salari

L’Inps ha pub­bli­cato ieri il bol­let­tino dell’Osservatorio sul pre­ca­riato in cui ven­gono regi­strate le atti­va­zioni e ces­sa­zioni di rap­porti di lavoro subor­di­nati, ad esclu­sione del pub­blico impiego, dell’agricoltura e dei para­su­bor­di­nati. Que­sta è la dif­fe­renza rispetto alle Comu­ni­ca­zioni obbli­ga­to­rie del Mini­stero del Lavoro di lunedì scorso.

Il saldo netto dei posti a tempo inde­ter­mi­nato e deter­mi­nato tra gen­naio e aprile 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, è pari a 268.667 unità. Ad aprile la quota di nuovi rap­porti sta­bili ha rag­giunto la misura del 45%. Nei quat­tro mesi del 2015, al netto delle ces­sa­zioni, il numero dei rap­porti a tempo inde­ter­mi­nato è di 137.471 unità. A que­sti vanno affian­cate le tra­sfor­ma­zioni dei con­tratti da tempo deter­mi­nato e appren­di­stato in tempo inde­ter­mi­nato, pari a 221.251.

Que­sto con­ferma che l’aumento del tempo inde­ter­mi­nato è trai­nato dalle con­ver­sioni e non da nuove assun­zioni nette: il 62% del totale tra gen­naio ed aprile men­tre, se guar­diamo anche solo marzo e aprile, la quota di tra­sfor­ma­zioni supera comun­que la metà dei con­tratti ed è pari al 57%. Dati che stri­dono con quanto dichiara il respon­sa­bile eco­no­mico del Pd Filippo Tad­dei il quale, oltre a gon­fiare i numeri, ritiene che «que­ste nuove assun­zioni non sono solo il risul­tato degli incen­tivi fiscali» ma anche del Jobs Act.

Tad­dei ha pro­vato ad anco­rare le pro­prie ester­na­zioni guar­dando alla quota di con­tratti che hanno bene­fi­ciato degli sgravi, cioè il 61,3% ad aprile, con­tro il 33,7% di gen­naio con­si­de­rando sia le nuove assun­zioni che le tra­sfor­ma­zioni. Quindi, pro­prio per i mesi in cui il con­tratto a tutele cre­scenti doveva trai­nare l’aumento dei rap­porti di lavoro, sco­priamo che gli sgravi aumen­tano in ter­mini per­cen­tuali rispetto ai primi due mesi del 2015. In ter­mini asso­luti, ad aprile e marzo con le tutele cre­scenti in vigore ed escluse le tra­sfor­ma­zioni, il numero di con­tratti che hanno bene­fi­ciato degli sgravi è pari a 184.787, a fronte di 86.602 con­tratti netti.

Delle due l’una: o le imprese hanno già licen­ziato qual­che neoas­sunto a tutele cre­scenti dopo aver richie­sto gli sgravi, oppure hanno licen­ziato lavo­ra­tori sta­bili per sosti­tuirli con nuovi lavo­ra­tori a tutele cre­scenti usu­fruendo degli sgravi. Meno pro­ba­bile è che le imprese abbiano prima licen­ziato e poi rias­sunto gli stessi lavo­ra­tori. In sin­tesi, sem­bra che gli effetti degli sgravi del governo stiano pre­miando le imprese lascian­dole libere di sosti­tuire il lavoro sta­bile con quello meno sta­bile (le tutele cre­scenti). E i bene­fici per i lavo­ra­tori? Dif­fi­cile dare un giu­di­zio com­ples­sivo oggi, ma quel che però è certo, come emerge dai dati Inps, è che le retri­bu­zioni men­sili dei neoas­sunti (1849 euro) con e senza tutele cre­scenti dimi­nui­scono media­mente dello 0.3% rispetto ai col­le­ghi assunti un anno fa.

I lavo­ra­tori inte­res­sati da tra­sfor­ma­zione di un con­tratto a ter­mine in uno a tempo inde­ter­mi­nato gua­da­gnano il 2.9% in meno, 1779 euro. La volta buona di Renzi pare mani­fe­starsi attra­verso l’effettiva sva­lu­ta­zione del mer­cato del lavoro, ope­rata attra­verso l’abbattimento delle tutele e la com­pres­sione dei salari, senza però dimen­ti­care un po’ di regali alle imprese. Non pago della pro­pa­ganda del pro­prio entou­rage, Renzi ha scritto su twit­ter che quando «I dati Inps dicono che cre­sce il lavoro come non suc­ce­deva da anni. Le riforme ser­vono, avanti tutta».

I dati resti­tui­scono invece un’economia in piena sta­gna­zione con una pro­du­zione indu­striale che stenta a ripar­tire come gli inve­sti­menti pri­vati (+0.3% entrambi), i con­sumi delle fami­glie che dimi­nui­scono rispetto allo stesso periodo del 2014.



Related Articles

Rapporto Bankitalia, 100mila casi sospetti di riciclaggio nel 2016

In crescita l’emersione di capitali detenuti illegalmente all’estero, e le segnalazioni di operazioni potenzialmente legate al finanziamento del terrorismo

IOR, i misteri della cassaforte vaticana

Da Marcinkus all’operazione trasparenza fino alle accuse di oggi. Viaggio nello Ior, il cuore della finanza (e dei misteri) del Vaticano
Nel bunker dei conti cifrati si sono consumati gli scandali Sindona, Ambrosiano e Enimont fino al G8. Movimenti oscuri di miliardi che in passato hanno provocato un disastro etico e di immagine. Era partita l’operazione trasparenza ma è scattata l’inchiesta shock sul riciclaggio. Su quei 200 milioni transitati dall’ex Banca di Roma all’Istituto l’ispezione si arenò Il moralizzatore iperliberista Gotti Tedeschi: per il Papa sarebbe degno del Nobel

Crescono i minori a rischio povertà : in Europa sono 27 milioni

Rapporto di Save the children su ” Povertà ed esclusione sociale minorile in Europa “. La crescita è di quasi 1 milione in 4 anni (2008-2012), mezzo milione solo tra il 2011 e il 2012. In Italia dove il 12 maggio parte la campagna ”Illuminiamo il futuro” sono il 33,8%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment