La svolta di Atene

La svolta di Atene

I rap­porti tra Gre­cia ed Europa sono arri­vati a una stretta deci­siva. Tra ora e lunedì pome­rig­gio, quando si riu­ni­sce a sor­presa il Con­si­glio euro­peo, pos­sono suc­ce­dere quat­tro cose.

La prima – quella auspi­ca­bile — è un accordo sulla base della pro­po­sta del lea­der greco Ale­xis Tsi­pras: fine dell’austerità, sblocco degli aiuti euro­pei pre­vi­sti, ristrut­tu­ra­zione radi­cale del debito. Ma per­fino il più mor­bido, Jean-Claude Junc­ker, ha detto ieri «non capi­sco Tsi­pras. Non mi è pos­si­bile evi­tare ad ogni costo il fal­li­mento dei col­lo­qui». Non si pre­para un accordo dicendo che c’è un dia­logo tra sordi.

La seconda pos­si­bi­lità è che i col­lo­qui di que­sto fine set­ti­mana por­tino a un com­pro­messo inter­me­dio: fondi ponte euro­pei per il rim­borso degli 1,6 miliardi di euro da resti­tuire al Fondo mone­ta­rio a fine giu­gno. E nel frat­tempo, ieri sono arri­vati 2 miliardi del fondo di liqui­dità di emer­genza for­nito da Mario Dra­ghi alle ban­che di Atene. Dopo che molti miliardi di capi­tali sono fug­giti dal paese.

La terza pos­si­bi­lità è la più pro­ba­bile. Una rot­tura radi­cale tra Atene e Bru­xel­les. Il primo mes­sag­gio l’ha dato Mario Dra­ghi lunedi scorso (ma l’aveva già detto il 18 aprile) «se la crisi dovesse pre­ci­pi­tare, entre­remmo in acque sco­no­sciute». Pierre Mosco­vici, com­mis­sa­rio euro­peo all’economia, l’ha con­fer­mato venerdi: «Siamo alla fine dei gio­chi. È ora di agire e deci­dersi. Non c’è molto tempo per evi­tare il peg­gio». Ancora più espli­cito Donald Tusk, pre­si­dente del Con­si­glio euro­peo: la Gre­cia deve accet­tare la nostra offerta, «o avviarsi verso il default». Ma la pro­po­sta euro­pea è quella di una ritorno al pas­sato che Syriza non potrà mai accet­tare. Così Ale­xis Tsi­pras, ieri a San Pie­tro­burgo con Putin, ha repli­cato tran­quillo: «Siamo al cen­tro di una tem­pe­sta, ma non ci spa­venta il mare aperto, siamo pronti a sol­care nuovi mari».

Quale forma potrà pren­dere la rot­tura? E con quali tempi? Ci sono tre «strappi» pos­si­bili. Il più mor­bido è una dichia­ra­zione d’insolvenza senza uscire dall’euro. Atene annun­cia che non ripa­gherà il debito pub­blico dete­nuto per l’80% da fondi euro­pei d’emergenza, paesi mem­bri, Fmi, Bce, né pagherà gli inte­ressi dovuti. Si toglie in que­sto modo la pie­tra che ha al collo, la spesa pub­blica greca non viene inta­scata dalla finanza, l’economia riparte.

Se la Bce fosse d’accordo, con­ti­nue­rebbe ad ali­men­tare la liqui­dità delle ban­che gre­che, e tro­ve­rebbe il modo di gestire senza troppi danni i 322 miliardi di euro non ripa­gati. Il grande van­tag­gio sarebbe evi­tare il con­ta­gio: nes­suna spe­cu­la­zione sulla fine dell’euro. Ma sarebbe un pre­ce­dente peri­co­loso di vit­to­ria di un paese inde­bi­tato e un trionfo poli­tico per Syriza che Ber­lino dif­fi­cil­mente potrebbe per­met­tere. L’alternativa oppo­sta – un’uscita dall’euro senza insol­venza – darebbe ad Atene solo svan­taggi: sva­lu­ta­zione e un debito sem­pre più impos­si­bile da restituire.

Resta l’uscita dall’euro accom­pa­gnata dal default sul debito pub­blico. L’Eurozona e Ber­lino si libe­rano del paese mem­bro indi­sci­pli­nato, Atene riprende la sua auto­no­mia di poli­tica eco­no­mica con una dracma che si sva­luta imme­dia­ta­mente (magari del 40%), il debito che non si paga, i mer­cati finan­ziari che dichia­rano guerra alla Gre­cia, l’economia che crolla per poi ripren­dersi. Ber­lino tira un sospiro di sol­lievo, ma a Roma, Madrid e Lisbona e nei pic­coli paesi dell’est euro­peo ini­zia l’incubo: spread alle stelle, scom­messe su chi sarà il pros­simo a uscire, assalto della speculazione.

A meno che l’Eurozona garan­ti­sca a tutti i soci «buoni» dell’euro le garan­zie che avreb­bero potuto sal­vare la Gre­cia e l’Europa fin dall’inizio: mutua­liz­za­zione del debito, azze­ra­mento dello spread con gli inter­venti della Bce, blocco della spe­cu­la­zione della finanza.

Come si rea­lizza que­sta rot­tura? Prima un periodo di attesa e le ras­si­cu­ra­zioni sulla sta­bi­lità dell’euro e dell’Europa, poi si aspetta la chiu­sura di borse e ban­che il venerdi sera, il sabato e dome­nica si bloc­cano i movi­menti di capi­tale e – se torna la dracma – si for­ni­scono le ban­che delle nuove ban­co­note fre­sche di stampa in arrivo da Mosca o Pechino.

Nel week end si annun­cia la rot­tura, a mer­cati chiusi, e il lunedi il Con­si­glio euro­peo san­ci­sce il cam­bia­mento, sper­giu­rando sull’unità dell’Europa e dell’euro. È quello che è suc­cesso nei giorni scorsi e che potrebbe suc­ce­dere pro­prio in que­ste ore. Oppure tutto que­sto si pre­para per il pros­simo fine set­ti­mana, alla sca­denza del rim­borso per il Fondo mone­ta­rio. O magari nel mezzo dell’estate, come la fine di Bret­ton Woods il 15 ago­sto 1971.

Un inter­ro­ga­tivo deci­sivo è se l’eventuale rot­tura avviene in forma con­cor­data — una sepa­ra­zione con­sen­suale — o al cul­mine di uno scon­tro poli­tico. Nel primo caso l’Europa potrebbe soprav­vi­vere e lo choc in una Gre­cia impo­ve­rita, ma non più oppressa, potrebbe essere supe­rato in qual­che mese. Nel secondo caso potrebbe suc­ce­dere qua­lun­que cosa, un avvi­ta­mento cao­tico che farebbe a pezzi l’Europa insieme alla Grecia.

Lo sce­na­rio più dram­ma­tico sarebbe pro­prio que­sto: nes­suna pro­po­sta al Con­si­glio euro­peo di lunedì, nes­sun «piano B», nes­sun accordo nem­meno su come sepa­rarsi, l’Europa che si acca­ni­sce con­tro la culla in cui è nata, una crisi ver­ti­cale dell’economia greca, una stra­te­gia della ten­sione con­tro il governo di Syriza, un con­ta­gio che da debito si estende al col­lasso poli­tico dell’Europa. C’è qual­che mar­gine per evi­tare que­sto peg­gio. E per soste­nere fino in fondo le ragioni di Ale­xis Tsi­pras e della Gre­cia, con l’euro o con la dracma. Che sono le ragioni della demo­cra­zia, ad Atene come in Europa.



Related Articles

Il principe saudita da Trump, vuole comprare tecnologia nucleare

L’erede al trono chiede tecnologia ma anche uranio. Il rischio di una nuova potenza atomica

Alta velocità , piano Ue: il treno scalzi auto e aereo sui binari la metà  di tutti i viaggi

Molti progetti frenati dagli alti costi e dai deficit di bilancio, ma l’obiettivo è togliere passeggeri e merci dalle strade L’Europa ha speso 150 miliardi di euro e altri 110 sono previsti per creare una rete continentale da 21mila km 

Lo stupro e il divorzio dalla ragione

«È un frutto della volontà  di Dio, quindi va protetto». Così il candidato repubblicano al Senato per lo stato dell’Indiana Richard Mourdock ha definito martedì la gravidanza derivata da uno stupro, collocandosi – nel quadro della politica anti-aborto promossa dal suo partito – al fianco di quell’altro potenziale senatore del Missouri, Todd Akin, che crede ci siano aborti legittimi e non (di fronte alla violenza sessuale «vera» il corpo della donna erigerebbe misteriose barriere naturali).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment