Ma la piazza rossa di Syriza avverte il premier “Non è più tempo di concessioni”

Ma la piazza rossa di Syriza avverte il premier “Non è più tempo di concessioni”

ATENE. Otto di sera ad Atene. Il sole scende dietro il Partenone, mentre Giove e Venere — in un triangolo cosmico che qui vedono di buon auspicio — fanno corona alla luna. Alexis Tsipras sta partendo in questi minuti per Bruxelles dove si giocherà al summit dei capi di stato Ue il suo futuro politico e quello della Grecia. I sindacati e l’ala dei duri e puri di Syriza, visto il momento storico, hanno deciso di dargli man forte e di far sentire la loro voce alla Troika. Appuntamento (presenti circa 10mila persone) qui di fronte al Parlamento. Obiettivo: dire all’Europa — come recita lo striscione teso nel mezzo di Syntagma — che “la democrazia non si ricatta”. E ricordare al governo che “l’ora delle concessioni è finita e che non si può più fare passi indietro rispetto alle promesse elettorali”, come ribadisce sotto il suo cartello “Unfuck Greece”, la bionda insegnante d’inglese Alexandra Kassidis.
La parola d’ordine è chiara: “No al memorandum”, come è scritto su centinaia di cartelli rossi e bianchi appesi ai pali di Syntagma. Anche a costo di dare l’addio all’euro. «Tornare alla dracma? Staremmo meglio! — è convinto Costas Giannopoulos, studente di legge — La Merkel ha tirato troppo la corda. Negli ultimi cinque anni ho sperimentato cosa significa voler stare a tutti i costi nella moneta unica. E, vista l’esperienza, non ho paura di uscirne. Faremmo qualche mese da incubo, lo sappiamo. Ma poi ripartiremmo senza nessun burocrate a darci ordini da Bruxelles».
Gli Euzioni — i marziali soldati armati di zoccoli con pon pon — si danno il cambio della guardia davanti alla tomba del milite ignoto. «Ecco, guardi. Loro sono gli unici militari che terrei — dice Andreas Kollias, insegnante in pensione (“a 634 euro al mese”) — . Invece sa cos’è successo? Che il Fondo Monetario ha detto no a 400 milioni di tagli alla difesa, insistendo con Tsipras perché sforbiciasse di nuo- vo gli assegni di previdenza, il mio compreso. La guerra oggi è questa: grande finanza contro povera gente».
L’Fmi, va detto, ha smentito questa circostanza. Ma le ferite di cinque anni d’austerity hanno lasciato segni profondi e l’Europa, più che madre, è matrigna. «Noi abbiamo le nostre colpe — ammette sotto un cartello anti Troika Elena Petrakis — Ma quello che non sopporto sono gli ultimatum, le lezioncine di economia e le minacce che ci arrivano da quei soloni che hanno salvato le loro banche rifilando il cerino del debito greco a Ue, Bce e Fmi». Yanis Varoufakis ha appena snocciolato i numeri della via crucis: in un lustro gli stipendi sono calati del 37%, i consumi del 33%. La disoccupazione è al 27% e il debito pubblico, invece di scendere, è volato al 189% del Pil. «Dica lei se possiamo andare avanti così — si lamenta Ioanna, arrivata dal Pireo, — Lei è italiano? Dovrebbe manifestare anche lei. Se falliamo vi trasciniamo nel baratro».
Meglio fare gli scongiuri e augurarsi di cuore che non fallisca nemmeno la Grecia. Yannis, giovane militante di Antarsya, l’ala più radicale del partito, è tranchant: «Ieri abbiamo avuto una riunione in sede e abbiamo mandato un messaggio chiaro a Tsipras — racconta — Lui ha tutta la nostra fiducia e il nostro appoggio. Ma non deve farci scherzi adesso cedendo a compromessi». Piuttosto «meglio andare a cercare capitali altrove, li troviamo» dice sibillino.
Facile a dirsi, difficile a farsi. Anche perché in piazza a manifestare contro il memorandum ci sono tante teste con opinioni differenti. «Non ho votato Tsipras per farmi uscire dall’euro — racconta Petros Nikolaides, professore di liceo al Neo Psychiko — e non può farlo. Basta solo che combatta fino all’ultimo con onore». Uno zero a zero va bene. «Comunque vada a finire, tanto, ci faremo male — aggiunge sconsolato — Se facciamo l’accordo dovremo mandare giù altra austerità. Se usciamo dalla Ue staremo peggio di prima». Bella prospettiva. Domani, dopo il summit a Bruxelles, si vedrà quale dei due mali gli toccherà. Qui a Syntagma tra l’altro, alla stessa ora, è in calendario una manifestazione pro-euro. Sperando la Grecia faccia ancora parte della moneta unica.



Related Articles

Italease, sette anni di carcere a Faenza “Associazione peggio dei rapinatori”

Sentenza più pesante delle richieste del pm. Il 29 il tribunale decide su un altro patteggiamento

 

Bot sotto pressione la Germania guida la fuga degli stranieri

La Deutsche Bank “scarica” 7 miliardi.    Le grandi banche si concentrano sulle obbligazioni dei propri paesi, invece le italiane vendono 

Muro a Gerusalemme per fermare gli attacchi “Ma sarà temporaneo”

Isolata a est la zona da dove partono i lupi solitari Ucciso un altro israeliano. L’Is: “Colpite gli ebrei”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment