Mafia Capitale. Le «faccette nere» sedute alla grande nel secondo banchetto

Mafia Capitale. Le «faccette nere» sedute alla grande nel secondo banchetto

Torna anche Gianni Ale­manno, l’ex sin­daco, nelle carte della seconda tran­che di Mafia Capi­tale. Avrebbe chie­sto a Sal­va­tore Buzzi di pro­di­garsi con la ‘ndrina Man­cuso per por­tar­gli i voti neces­sari a essere eletto nel Col­le­gio Sud alle ele­zioni euro­pee. Buzzi, già con­si­de­rato dalla destra l’arcinemico, poi dimo­stra­tosi un com­pa­gnone, non si sarebbe rispar­miato. Un con­tatto forte aveva, con Gio­vanni Cam­pennì, amba­scia­tore dei Man­cuso a Roma, e non aveva esi­stato a con­tat­tarlo. Una mano lava l’altra e i Man­cuso ave­vano pro­messo. Però nei Paesi in cui gli stessi fanno il bello e il cat­tivo tempo, di voti l’ex sin­daco capi­to­lino ne ramazzò pochini assai: sei in uno, poco più di una decina in un altro. La pro­messa sarà pure stata fatta, ma di certo non mantenuta.

Ciò non toglie che di ex neri coin­volti nella sto­riac­cia ce ne siano di pesanti anche in que­sta nuova ordi­nanza d’arresto: Gra­ma­zio da solo vale per un mezzo bat­ta­glione. Però la sen­sa­zione che aver par­lato, alla fine del novem­bre scorso, di «mafia nera» sia stata un abba­glio resta tutta. I neri ci sono e gozz­zo­vi­gliano. I rap­porti stretti ai vec­chi tempi con i came­rati da Mas­simo Car­mi­nati hanno spia­nato la strada alla coo­pe­ra­tiva rossa di Buzzi in un momento dif­fi­cile, con la sosti­tu­zione della Giunta amica Vel­troni con quella ini­zial­mente molto ostile Alemanno.

Ma non ci sono solo loro, e soprat­tutto non ci sono in veste di «neri» ma sem­pli­ce­mente di autoin­vi­ta­tisi al grande ban­chetto. Mafia o cor­ru­zione che sia, quella romana è tri­co­lore: rossa, bianca e nera. Se qual­cosa que­sta vicenda dice sulla poli­tica, non è che si è abbas­sata la guar­dia sull’ideologia e si sono aperte troppe porte. Incluse quelle delle mai dimen­ti­cate fogne. È caso­mai che dell’ideologia, dell’identità e dell’appartenenza poli­tica ci si è sba­raz­zati troppo in fretta e a cuor leg­gero, con­vin­cen­dosi che la poli­tica signi­fi­chi solo ammi­ni­stra­zione e spesso carriera.

Se il capo di una coo­pe­ra­tiva rossa di prima gran­dezza come Sal­va­tore Buzzi dichiara in nume­rose inter­cet­ta­zioni di spe­rare arden­te­mente nella scon­fitta del can­di­dato di cen­tro­si­ni­stra, per­ché con que­gli altri gli accordi sono già di ferro, è segno che qual­cosa nella con­ce­zione della poli­tica è fra­nato. Se un mili­tante e poi ammi­ni­stra­tore e alto fun­zio­na­rio di lun­ghis­simo corso pro­ve­niente dal Pci come Luca Ode­vaine non esita a trat­tare con le coo­pe­ra­tive di Cl con i migranti come merce umana e pre­oc­cu­pato solo dal ritardo ciel­lino nei paga­menti, il segnale è identico.

Casi spo­ra­dici, si potrebbe argo­men­tare. Mele marce. Mariuoli, come provò a dire Craxi in una cele­bre occa­sione. Ma que­sta inchie­sta e quelle troppo simili che si mol­ti­pli­cano da mesi dicono il con­tra­rio. Non sono casi iso­lati. E’ un sistema. E a crearlo prima, ren­derlo onni­per­va­sivo poi, ha con­tri­buito parec­chio la pre­tesa di spo­gliare la poli­tica da ogni ideo­lo­gia e da ogni pro­fonda appartenenza.



Related Articles

Autunno caldo in fabbrica, oltre mille le vertenze aperte

Autunno caldo? Sì, per la crisi delle aziende. «Chi si immagina una stagione fatta di guerre ideologiche su questo o quel punto di una delle riforme annunciate dal governo, si sbaglia di grosso», dicono in Cgil

Giornata al cardiopalma alla Camera poi Berlusconi si salva con 316 sì

Il voto  Fallito il blitz dell’opposizione, ma il Pdl perde pezzi    Il premier: agguato sventato. Ma ha solo un voto in più della maggioranza assoluta. I radicali entrano in aula e non provano a far mancare il numero legale. Pd e Udc li attaccano 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment