Neonazisti a Kiev contro il gay pride

Neonazisti a Kiev contro il gay pride

Men­tre in Ucraina è ripresa la guerra e il pre­si­dente ucraino Poro­shenko ha nuo­va­mente accu­sato la Rus­sia di «inva­sione», Vla­di­mir Putin, pros­simo a visi­tare l’Expo a Milano, si è difeso da que­ste accuse in una lunga inter­vi­sta al Cor­riere della Sera.

«Non è stata colpa della Rus­sia se i rap­porti con l’Ue si sono dete­rio­rati. Non siamo stati noi a intro­durre limi­ta­zioni nel com­mer­cio e nell’attività eco­no­mica, siamo stati costretti ad adot­tare con­tro­mi­sure», ha spe­ci­fi­cato Putin con rife­ri­mento alla «lista nera» di per­so­na­lità stra­niere cui sarà proi­bito di entrare in Russia.

E dopo aver ricor­dato la posi­zione russa e le com­pli­cità occi­den­tali nel regime change di Kiev, Putin ha ricor­dato che «solo una per­sona non sana di mente o in sogno può imma­gi­nare che la Rus­sia possa un giorno attac­care la Nato».

E pro­prio nei giorni scorsi Poro­shenko aveva annun­ciato una vit­to­ria per l’esercito ucraino nei pressi di Marynka (si è par­lato dell’arresto di 12 «sabo­ta­tori» tra cui un russo), ma nes­sun media e orga­niz­za­zione inter­na­zio­nale, né tanto meno i ribelli, ha con­fer­mato l’operazione.

Sul campo, quindi, i pro­blemi dell’esercito ucraino sem­bre­reb­bero rima­nere inva­riati, per ora, in attesa che gli inse­gna­menti dei trai­ner ame­ri­cani comin­cino a dare gli effetti spe­rati alle mili­zie di Poroshoneko.

Una pre­pa­ra­zione mili­tare che lascia intra­ve­dere il futuro dell’accordo di Minsk, desti­nato a essere supe­rato dalla realtà. Per Kiev del resto i pro­blemi non arri­vano solo dal fronte. Ieri nella capi­tale ucraina un cen­ti­naio di atti­vi­sti per i diritti degli omo­ses­suali ha ten­tato di sfi­lare in un «gay pride» locale.

Ma come annun­ciato nei giorni pre­ce­denti, i neo­na­zi­sti di Pravy Sek­tor hanno attac­cato la manifestazione.

Secondo quanto hanno ripor­tato i media, negli scon­tri sono rima­sti feriti cin­que poli­ziotti e un aggres­sore (dati con­fer­mati in serata dal mini­stero degli interni di Kiev). Gli agenti, come hanno ripor­tato i media locali, hanno effet­tuato 25 arre­sti e sareb­bero inter­ve­nuti quando gli appar­te­nenti a Set­tore Destro (tra i pro­ta­go­ni­sti della Maj­dan e dei bat­ta­glioni pro Kiev nel Don­bass, con­si­de­rati autori di cri­mini con­tro l’umanità da parte di Amne­sty) hanno lan­ciato fumo­geni con­tro i mani­fe­stanti del gay pride.

Uno dei cin­que agenti col­piti ha ripor­tato una grave ferita al collo. Secondo le testi­mo­nianze sareb­bero stati circa 200 gli atti­vi­sti che hanno par­te­ci­pato al gay pride, mal­grado le minacce degli estre­mi­sti di destra. Il sin­daco di Kiev aveva chie­sto agli orga­niz­za­tori di can­cel­lare la mar­cia, nel timore di disor­dini. Ma il pre­si­dente ucraino Petro Poro­shenko è inter­ve­nuto per difen­dere «il diritto costi­tu­zio­nale» si manifestare.

Secondo un son­dag­gio rea­liz­zato nel 2013 da Gfk Ukraine, quasi l’80% degli inter­vi­stati si oppo­neva a rela­zioni ses­suali fra per­sone dello stesso sesso.

L’agguato al gay pride con­ferma que­sta ten­denza e la totale agi­bi­lità poli­tica di cui dispon­gono mem­bri dei gruppi di estrema destra in Ucraina, nono­stante la reto­rica occi­den­tale abbia ten­tato di negarlo, dalla Maj­dan in avanti.



Related Articles

LA CACCIA AL TESORETTO

  UNA buona e una cattiva notizia. La prima, attesa, riguarda la chiusura della procedura d’infrazione per deficit eccessivo formalizzata dalla Commissione Ue. La seconda, meno scontata, viene dalle più aggiornate previsioni dell’Ocse che danno in peggioramento le stime della crescita e della disoccupazione.

Migranti, nessuna invasione, ma l’Austria schiera i panzer al Brennero

Governo di Vienna nel caos, la campagna elettorale è già iniziata. Inviati quattro corazzati per bloccare la strada verso il Tirolo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment