Sessanta milioni di pro­fu­ghi

Sessanta milioni di pro­fu­ghi

Forse, è il caso di dare i numeri. Alla fine del 2014 in Ita­lia sono stati cen­siti 93.715 rifu­giati con 45.749 casi di richie­sta di asilo «pen­denti». In Fran­cia, le stesse cifre sono 252.264 e 55.862. In Ger­ma­nia i pro­fu­ghi ammon­ta­vano a 216.973 con però 226.191 richie­ste di asilo. E nel Regno Unito il con­fronto segnala 117.161 rifu­giati con 36.383 domande d’asilo. Fa ecce­zione, a parità di dimen­sione, sol­tanto la Spa­gna: 5.789 stra­nieri ospi­tati e 7.525 richie­denti un per­messo d’emergenza.

È la sta­ti­stica cer­ti­fi­cata da Unhcr, l’Alto comis­sa­riato delle Nazioni unite per i rifu­giati, che ha pub­bli­cato il suo rap­porto annuale. Sono 56 pagine di numeri, gra­fici, tabelle che rac­con­tano fin nei det­ta­gli non solo i flussi, ma soprat­tutto l’esodo glo­bale inne­scato da guerre e con­flitti, ter­rore e povertà, per­se­cu­zioni e care­stie. Sono 60 milioni in fuga, come se l’intera Ita­lia si met­tesse in movi­mento verso altri Paesi.

Antó­nio Guter­res, alto com­mis­sa­rio Unhcr, spiega: «Siamo testi­moni di un vero e pro­prio cam­bio di para­digma. A livello glo­bale, un incon­trol­lato piano incli­nato in un’epoca in cui la scala delle migra­zioni for­zate, così come le neces­sa­rie rispo­ste, fanno chia­ra­mente sem­brare insi­gni­fi­cante qual­siasi cosa vista prima. È ter­ri­fi­cante che da un lato coloro che fanno scop­piare i con­flitti risul­tano sem­pre i più impu­niti, men­tre dall’altro sem­bra esserci una totale inca­pa­cità da parte della comu­nità inter­na­zio­nale a lavo­rare insieme per costruire e man­te­nere la pace».

Uno sce­na­rio più che pre­oc­cu­pante, con l’Europa alle prese con 6,7 milioni di migranti for­zati ovvero 2,3 in più rispetto al 2013. Ma in prima linea, secondo il rap­porto Unhcr, ci sono Tur­chia e Paki­stan con oltre 1,5 milioni di rifu­giati a testa. Esat­ta­mente come il Libano, dove però il rap­porto diventa di 232 rifu­giati ogni mille abi­tanti. Subito dopo ven­gono Iran, Etio­pia e Gior­da­nia a testi­mo­nianza di quali restano le «zone calde» del mondo.

Del resto, sul fronte dei rifu­giati è dal 2011 (guerra civile in Siria) che la migra­zione dal Medio Oriente si è impen­nata, aggiun­gen­dosi a quella del Nord Africa. L’ultimo lustro ha visto esplo­dere o riat­ti­varsi 15 con­flitti, di cui 8 nel Con­ti­nente Nero: Costa d’Avorio, Repub­blica Cen­tra­fri­cana, Libia, Mali, nor­dest della Nige­ria, Repub­blica Demo­cra­tica del Congo, Sud Sudan e quest’anno Burundi. Più la guerra in Siria, Iraq e Yemen e la crisi in Ucraina. Risul­tato: nella popo­la­zione pla­ne­ta­ria oggi una per­sona ogni 122 è un rifu­giato, uno sfol­lato interno o un richie­dente asilo. Per di più il 51% di que­sti pro­fu­ghi sono bam­bini o comun­que minori, spesso non accom­pa­gnati. È di fatto que­sta la mas­sima emer­genza nell’emergenza rifu­giati che cre­sce a livello globale.

Il rap­porto dell’Alto com­mis­sa­riato Onu resti­tui­sce un’altra imma­gine più che elo­quente. Ogni giorno guerre e per­se­cu­zioni pro­du­cono 42.500 indi­vi­dui costretti alla fuga dai loro Paesi. Nel 2013 erano 32.200, men­tre nel 2010 la cifra si limi­tava a 10.900.

E c’è un altro rap­porto che per­mette anche di con­ta­bi­liz­zare il costo dell’«Europa For­tezza». Si tratta dell’inchiesta Migrants files, il data­base del col­let­tivo inter­na­zio­nale di una ven­tina di cro­ni­sti, sta­ti­stici ed esperti. A par­tire dal Due­mila, i Paesi dell’Europa hanno speso 11,3 miliardi di euro per le espul­sioni dei migranti più altri 1,6 miliardi nel con­trollo delle fron­tiere. Cifre che riguar­dano i 28 mem­bri dell’Unione euro­pea più Nor­ve­gia, Sviz­zera e Islanda.

Una sin­gola espul­sione, media­mente, com­porta una spesa di 4.000 euro di cui la metà solo in spese di tra­sporto dei migranti. L’Agenzia Ue Fron­tex ha uti­liz­zato circa un miliardo e i paesi del Medi­ter­ra­neo almeno 70 milioni per l’acquisto di imbar­ca­zioni, visori not­turni, droni e altri mezzi tec­no­lo­gici. C’è un altro aspetto che riguarda i costi: a par­tire dal 2011 l’Italia ha pagato 17 milioni al governo della Libia per l’addestramento di chi doveva pat­tu­gliare le coste anche a bordo di nuove navi attrez­zate. La Spa­gna, invece, ha pagato 10 milioni la manu­ten­zione delle «can­cel­late» nei con­fini di Ceuta e Melilla.

L’altra fac­cia della meda­glia è rap­pre­sen­tata dai 15,7 miliardi incas­sati dai traf­fi­canti gra­zie ai migranti che vole­vano sbar­care in Europa. L’inchiesta Migrants files non lascia così troppi mar­gini di equi­voco sul flusso di denaro col­le­gato all’esodo del Duemila.



Related Articles

No alla scuola-impresa, venerdì studenti in piazza in 80 città

La protesta. Il 10 ottobre in decine di migliaia in corteo contro il “patto educativo” del governo Renzi. Al centro delle polemiche: il sistema dalla valutazione e della punizione, la tentazione a mettere tutti in concorrenza, l’ingresso della finanza e dei privati nelle aule. Una generazione denuncia i rischi di un progetto sul quale continua la consultazione online

La resistenza dolce delle Marie del Sulcis “Così occupiamo la nostra miniera”

La rivolta delle donne. Da tre giorni si sono auto-seppellite e rivendicano il lavoro Una sola riemerge per allattare il figlio neonato. “Siamo dure, resisteremo, stavolta non vogliamo solo promesse”

Generali alza i profitti e raddoppia il dividendo

Utile a 1,9 miliardi, il migliore dal 2007. Greco: “ Anno fondamentale per il rilancio”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment