Sindacato tedesco: « Sono ragionevoli le proposte di Atene »

Sindacato tedesco: « Sono ragionevoli le proposte di Atene »

«I cre­di­tori non pos­sono più con­ti­nuare a stare al gioco del governo greco senza rovi­nare com­ple­ta­mente la pro­pria cre­di­bi­lità e quella delle Isti­tu­zioni. La demo­cra­zia in fin dei conti non c’è sol­tanto in Gre­cia».
Così si espri­meva sulla Frank­fur­ter All­ge­meine (Faz) di ieri una delle firme di punta, Klaus-Dieter Frank­en­ber­ger: un’efficace sin­tesi della «nar­ra­zione» che l’establishment tede­sco fa della crisi greca. In altri ter­mini: i governi euro­pei, quello di Angela Mer­kel in testa, hanno rice­vuto un man­dato dai pro­pri elet­tori in base al quale devono dire no alle richie­ste di Atene. Ma è dav­vero così? Limi­tia­moci al caso tede­sco, quello più importante.

Ebbene: è pro­ba­bil­mente così, se si parla degli elet­tori del par­tito della can­cel­liera, l’Unione demo­cri­stiana (Cdu). Ma è assai più dub­bio, se ci si rife­ri­sce a chi ha votato l’altra forza della grosse Koa­li­tion, la social­de­mo­cra­tica Spd. Che nelle cam­pa­gne elet­to­rali per le poli­ti­che del 2013 e per le euro­pee del 2014 ha soste­nuto che l’Europa dovesse «cam­biare verso», ponendo fine all’austerità e dando avvio a poli­ti­che espan­sive sia den­tro i con­fini della Repub­blica fede­rale, sia negli stati della «peri­fe­ria meridionale».

Non cor­ri­sponde al vero, quindi, che tutto l’esecutivo tede­sco sia vin­co­lato a una sorta di man­dato demo­cra­tico che impone di per­se­ve­rare nella strada che porta al sui­ci­dio dell’Europa: almeno la Spd del vice­can­cel­liere Sig­mar Gabriel ne sarebbe sciolta.

Pur­troppo, però, in que­sti giorni sem­bra che a Ber­lino sia in corso una gara fra i part­ner della «grande coa­li­zione» a chi appare «il più anti-greco del reame». E quindi, tra­dendo la parola data ai pro­pri elet­tori, il lea­der social­de­mo­cra­tico sta bac­chet­tando Ale­xis Tsi­pras e Yanis Varou­fa­kis più di quanto abbia mai fatto la can­cel­liera stessa. Uti­liz­zando anche toni che puz­zano di nazio­na­li­smo: «Non saranno i lavo­ra­tori tede­schi a pagare per gli errori di un governo come quello greco, for­mato in parte da comu­ni­sti», ha scritto in un arti­colo sulla Bild (e ripe­tuto in tele­vi­sione). Parole sulle quali ha iro­niz­zato pro­prio l’autorevole testata liberal-conservatrice Faz: «Gabriel ha cam­biato posi­zione, e quella attuale non ha nulla a che vedere con idee social­de­mo­cra­ti­che». Se lo dicono loro.

In que­sto scon­for­tante qua­dro assume grande impor­tanza la voce in senso con­tra­rio di Rei­ner Hof­f­mann, segre­ta­rio gene­rale della potente con­fe­de­ra­zione sin­da­cale uni­ta­ria Dgb (oltre 6 milioni di iscritti), tes­sera social­de­mo­ra­tica in tasca: «Le pro­po­ste di Atene sono ragio­ne­voli, e un’intesa non dovrebbe essere dif­fi­cile», è il succo di un arti­colo che ha pub­bli­cato sul quo­ti­diano Tagesspiegel.

Un inter­vento che Hof­f­mann ha fir­mato insieme al capo-economista della pre­sti­giosa fon­da­zione di studi Hans Böc­kler e, quel che più conta, alla poli­to­loga Gesine Sch­wan, punto di rife­ri­mento intel­let­tuale della Spd al punto da essere stata per due volte (nel 2004 e 2009) can­di­data uffi­ciale del par­tito alla pre­si­denza della Repub­blica. Ma Gabriel pensa invece a mostrare i muscoli, scon­ten­tando molto anche l’ala sini­stra della pro­pria orga­niz­za­zione, che è fra le pro­mo­trici della mani­fe­sta­zione di soli­da­rietà alla Gre­cia (e i migranti) in pro­gramma sabato a Ber­lino – e, in con­tem­po­ra­nea, in molte altre città euro­pee. Cri­ti­che duris­sime al vice­can­cel­liere ven­gono dalla Linke, che da ieri ha due nuovi capi­gruppo par­la­men­tari in pec­tore, il «mode­rato» Diet­mar Bar­tsch e la «radi­cale» Sahra Wagen­k­ne­cht: il voto per sosti­tuire Gre­gor Gysi avverrà a otto­bre, ma è scon­tato che i nomi pro­po­sti saranno approvati.



Related Articles

Grecia: Nelle ridotte di Alba dorata

Manifestazione di Alba dorata contro le banche. Il Pireo, aprile 2013  Manifestazione di Alba dorata contro le banche. Il Pireo, aprile 2013

Il movimento neofascista si è infiltrato nelle vecchie roccaforti operaie come il porto del Pireo, sfruttando la disoccupazione e l’odio per i sindacati e i partiti di governo. Estratti.

Renzi chiude il caso De Gennaro Sì della Camera al reato di tortura

«Fiducia al vertice di Finmeccanica». La difesa di Cantone. Ma Orfini conferma l’attacco

Sbarco cinese a Wall Street Alibaba sceglie l’America ipo record da 20 miliardi

Il gigante del commercio on line Alibaba snobba Shanghai gli analisti americani denunciano molte zone d’ombra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment