Tor­tura, Renzi dica se sta con il Sap e Salvini

Tor­tura, Renzi dica se sta con il Sap e Salvini

Era il 1997 quando le Nazioni Unite deci­sero che il 26 giu­gno fosse il giorno in cui ricor­dare su scala uni­ver­sale le vit­time della tor­tura. Dieci anni prima, ovvero il 26 giu­gno del 1987, entrò in vigore la Con­ven­zione Onu con­tro la tor­tura e ogni altra forma di puni­zione o trat­ta­mento inu­mano, cru­dele o degra­dante. Sono 158 gli Stati che in giro per il mondo hanno fir­mato e rati­fi­cato il Trat­tato. Pos­siamo però dire che la tor­tura, con­si­de­rata dal diritto inter­na­zio­nale cri­mine con­tro l’umanità, sia oggi ban­dita dalla comu­nità degli Stati?

Qui seguono due ordini di rifles­sioni. Il primo ordine di rifles­sioni riguarda quei Paesi che si sono ade­guati, sep­pur par­zial­mente, ai con­te­nuti del Trat­tato Onu che impo­neva, tra l’altro, la pre­vi­sione di un reato ad hoc nella legi­sla­zione interna a cia­scuno degli Stati mem­bri. Come sap­piamo la codi­fi­ca­zione del reato è con­di­zione neces­sa­ria ma non suf­fi­ciente per­ché la tor­tura sia per­se­guita e per­ché non vi sia impu­nità per i tor­tu­ra­tori. Non siamo così inge­nui da cre­dere che basti pre­ve­dere un reato per­ché la pra­tica di poli­zia si ade­gui e i giu­dici condannino.

Di pochi giorni fa sono le osser­va­zioni del Comi­tato Onu con­tro la tor­tura rispetto alla Spa­gna, Paese che dal 1995 ha intro­dotto il cri­mine nel suo codice. Il Comi­tato ha soste­nuto che la defi­ni­zione di tor­tura pre­sente nella legi­sla­zione spa­gnola fosse del tutto ina­de­guata e ha invi­tato le auto­rità ibe­ri­che ad armo­niz­zarla rispetto al testo Onu.

All’articolo 1 della Con­ven­zione si defi­ni­sce la tor­tura. Devono ricor­rere i seguenti requi­siti: l’autore deve essere un pub­blico uffi­ciale, deve esserci vio­lenza o minac­cia, deve essere pro­dotta sof­fe­renza fisica o psi­chica, deve esservi l’intenzione di estor­cere una con­fes­sione o di umi­liare. Va altresì ricor­dato che lo Sta­tuto della Corte Penale Inter­na­zio­nale abi­li­tata a giu­di­care i gravi cri­mini con­tro l’umanità – tor­tura, geno­ci­dio, cri­mini di guerra – ha una defi­ni­zione meno cogente. In ogni caso è que­sto il solco entro cui lo Stato deve muo­versi. La Spa­gna non l’ha fatto.

Il secondo ordine di rifles­sioni riguarda invece quei Paesi che non si sono ade­guati per nulla ai con­te­nuti del Trat­tato. L’Italia è in prima linea tra que­sti. La tor­tura da noi non è un reato, come ci ha ricor­dato la Corte Euro­pea sui diritti umani lo scorso 7 aprile con­dan­nando il nostro Paese nel caso Cestaro a causa delle bru­ta­lità com­messe dalla Poli­zia nella scuola Diaz nel 2001. Pochi giorni fa il mini­stro Alfano in un con­ve­gno pub­blico ha affer­mato: «Il reato non sia con­tro la Poli­zia». Il reato di tor­tura è essen­ziale per una Poli­zia moderna; aiuta a distin­guere chi svolge il pro­prio com­pito cor­ret­ta­mente da chi invece fa un uso bru­tale della forza.

La con­tra­rietà delle forze dell’ordine è ingiu­sti­fi­ca­bile se non addu­cendo tesi oltran­zi­ste. Il ddl per l’introduzione del delitto nel codice pende in com­mis­sione Giu­sti­zia al Senato. È vit­tima di un ping pong par­la­men­tare già troppe volte visto in pas­sato. Tra il 16 e il 22 set­tem­bre il Sotto-Comitato Onu con­tro la tor­tura visi­terà i luo­ghi di pri­va­zione della libertà in Ita­lia. È la prima volta che gli ispet­tori Onu entre­ranno nelle nostre caserme, nei nostri Cie, nelle nostre pri­gioni. Subito dopo si reche­ranno in Tur­chia. L’Italia è tra i 78 Paesi che si è resa dispo­ni­bile a farsi visi­tare. Per allora sarebbe essen­ziale che da un lato ci fosse il reato nel codice, dall’altro fosse nomi­nato il Garante delle per­sone pri­vate della libertà. La legge c’è, il Garante non ancora.

Per que­sto ci rivol­giamo diret­ta­mente a Mat­teo Renzi, il quale nei giorni suc­ces­sivi alla sen­tenza euro­pea nel caso Diaz aveva detto che «la nostra rispo­sta è il reato di tor­tura». La palla è nel suo campo. Vanno neu­tra­liz­zate le obie­zioni del par­tito di Gio­va­nardi e Alfano. Il mini­stro della Giu­sti­zia Orlando, in occa­sione del dibat­tito alla Camera dello scorso aprile, aveva auspi­cato invece un voto ampio e con­di­viso. Una posi­zione impor­tante che ora deve tro­vare con­ferma al Senato. Spetta al pre­mier spin­gere in que­sta dire­zione, anzi­ché in quella di retro­guar­dia del mini­stro degli Interni, del Sap e di Salvini.

*pre­si­dente Antigone



Related Articles

Sanità , Ceis: cure troppo costose per 5 milioni di italiani nel 2009

Presentati oggi i dati del rapporto Ceis che lancia l’allarme: la nostra spesa pro-capite è oggi del 17,6% inferiore a quella dell’Europa a 15 e addirittura di quasi il doppio più bassa di Paesi extraeuropei. Diminuisce l’assistenza domiciliare. Regioni in affanno: per il 2011 servono 7 miliardi in più

La follia della guerra negli occhi dei bambini siriani

Nel rapporto Unicef sui due anni di conflitto un quadro agghiacciante di violazioni dei diritti dell’infanzia Vittime di armi e bombe, abusi e privazioni. Nelle immagini di oggi il ricordo delle altre ferite della Storia 

Il governo senza portafoglio

I due impegni presi da Renzi nel suo discorso al Senato hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo. È impensabile raggiungerli subito senza aumentare il disavanzo. La spending review difficilmente potrà tagliare le spese per più di 3-4 miliardi nel 2014 e la paventata armonizzazione delle aliquote sulle rendite finanziarie vale qualche centinaio di milioni perché in gran parte è una partita di giro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment