Ucciso Bara­kat, procuratore generale del Cairo

Ucciso Bara­kat, procuratore generale del Cairo

Hisham Bara­kat, il temi­bile pro­cu­ra­tore gene­rale del Cairo, è morto ieri in un gra­vis­simo atten­tato dina­mi­tardo ad Helio­po­lis, lungo le mura che costeg­giano l’Accademia militare.

Secondo testi­moni, le scene della più effi­cace azione con­tro le auto­rità gol­pi­ste erano deva­stanti: una vora­gine enorme si è aperta dove è avve­nuta l’esplosione, sette auto­vet­ture sono andate com­ple­ta­mente car­bo­niz­zate, altre 31 sono andate in fiamme, la defla­gra­zione ha dan­neg­giato nove edi­fici. Sono almeno tre i civili morti nell’attentato e nove i giu­dici e auti­sti rima­sti feriti.

Bara­kat è stato tra­spor­tato imme­dia­ta­mente nell’ospedale al-Nozha di Helio­po­lis dove però è morto per le ferite ripor­tate durante un inter­vento di urgenza.

Il pre­si­dente Abdel Fat­tah al-Sisi, reduce da una visita in Ger­ma­nia dove ha incas­sato il disco verde anche di Angela Mer­kel nono­stante le cri­ti­che mosse dal governo tede­sco per le vio­la­zioni dei diritti umani e l’eccessivo ricorso alla pena di morte, si è imme­dia­ta­mente incon­trato con il mini­stro dell’Interno, Magdy Abdel-Ghaffar, per sta­bi­lire misure di sicu­rezza straor­di­na­rie in vista del secondo anni­ver­sa­rio dal colpo di stato il pros­simo 3 luglio.

Poche ore prima dell’attentato il gruppo jiha­di­sta del Sinai Beit al-Meqdisi — che in varie occa­sioni ha rife­rito della sua affi­lia­zione con lo Stato isla­mico (Is) — aveva pub­bli­cato un video in cui mostrava l’uccisione di cin­que giu­dici all’indomani della con­danna a morte con­tro l’ex pre­si­dente Moha­med Morsi, con­fer­mata a metà giu­gno dal gran muftì di al-Azhar.

Secondo gli inqui­renti, egi­ziani si tratta di una vera riven­di­ca­zione in rela­zione anche all’ondata di atten­tati jiha­di­sti che nelle ultime ore hanno avuto luogo in Tuni­sia e nella moschea sciita del Kuwait.
I giu­dici sono diven­tati i primi obiet­tivi di gruppi jiha­di­sti. Bara­kat, 65 anni, aveva rice­vuto nume­rose minacce prima dell’attentato di ieri; il giu­dice nel pro­cesso Morsi, Kha­led Mah­goub è scam­pato ad un atten­tato; stessa sorte è toc­cata a Fathi Bay­oumi, impe­gnato nelle inda­gini per le accuse di cor­ru­zione con­tro Mubarak.

La magi­stra­tura egi­ziana, e Bara­kat in pri­mis, ha deciso il pugno duro con­tro i Fra­telli musul­mani dopo il mas­sa­cro di Rabaa dell’agosto 2013. Sono oltre mille le con­danne a morte (alcune di que­ste già ese­guite anche senza atten­dere la deci­sione della Cas­sa­zione), inclusi tutti i lea­der della Fra­tel­lanza, la guida suprema Moha­med Badie, e del par­tito Libertà e giu­sti­zia, Moha­med el-Beltagi.

Che la giu­sti­zia sia il nervo sco­perto dell’Egitto di al-Sisi lo dimo­stra l’ascesa in fretta e furia ai ver­tici del mini­stero della Giu­sti­zia del discusso giu­dice, Ahmed al-Zind, che risale allo scorso mag­gio. Gli isla­mi­sti accu­sano i magi­strati di essere poli­ti­ciz­zati, di usare due pesi e due misure e, infine, di non avviare pro­cessi con­tro i respon­sa­bili del mas­sa­cro di Rabaa.

Nelle scorse set­ti­mane, cir­co­la­vano voci anche di un ten­ta­tivo di omi­ci­dio di al-Sisi. L’attacco avrebbe col­pito alcune vet­ture pre­si­den­ziali senza coin­vol­gere in alcun modo il pre­si­dente egi­ziano.
L’Egitto attra­versa una deriva auto­ri­ta­ria. Da ambienti della Fra­tel­lanza, si rife­ri­sce di 617 casi di desa­pa­re­ci­dos dopo gli arre­sti di massa effet­tuati negli ultimi mesi.

Ma non sol­tanto gli isla­mi­sti sono nell’occhio del ciclone: undici ultrà sono stati con­dan­nati a morte per la strage di Port Said. Negli scon­tri di piazza tra poli­zia e tifosi mori­rono 74 persone.

Eppure ci sono stati anche segnali inco­rag­gianti come il riav­vio del pro­cesso con­tro Muba­rak, con le accuse di aver ordi­nato di spa­rare con­tro i mani­fe­stanti nel 2011, diret­ta­mente di fronte alla corte di Cas­sa­zione. Insieme ai 15 anni di deten­zione decisi con­tro l’ufficiale di poli­zia che ha ucciso l’attivista comu­ni­sta Shai­maa el-Sabbagh alla vigi­lia del quarto anni­ver­sa­rio delle mani­fe­sta­zioni di piazza Tah­rir, il 24 gen­naio di quest’anno.
E poi il movi­mento pale­sti­nese che governa Gaza, Hamas, è stato can­cel­lato dalla lista dei gruppi ter­ro­ri­stici seb­bene le ruspe abbiano distrutto cen­ti­naia di abi­ta­zioni per allar­gare la zona cusci­netto con la Stri­scia nella città fron­ta­liera di Rafah.



Related Articles

Le vele gonfie dei nazionalismi in Europa

Brexit. Se davvero si vuole fare qualcosa per l’Europa sottraendo terreno alle destre bisogna fare marcia indietro sulle riforme come la loi travail in Francia che ha scatenato contro i socialisti un movimento imponente

Allarme Grecia. Varoufakis: i soldi stanno finendo

Bruxelles: insoddisfatti delle proposte di Atene. Lagarde (Fmi): no a dilazioni nei prestiti. Lo spread dei Btp sale a 129

La storia svelata di una coscienza di classe

La nota dimenticata di Walter Benjamin. La coscienza di classe pro­le­ta­ria, che è la più illu­mi­nata, tra­sforma in maniera deci­siva – dicia­molo per inciso – la strut­tura della massa pro­le­ta­ria

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment