Usa-Messico, il gulag del Rio Grande

Usa-Messico, il gulag del Rio Grande

Sul con­fine tra Usa e Mes­sico, sto­rica fron­tiera fra benes­sere indu­striale con­ti­guo al sot­to­svi­luppo, volge al ter­mine l’«alta sta­gione» dei pas­saggi clan­de­stini. I mesi fra marzo e giu­gno regi­strano tra­di­zio­nal­mente il traf­fico più intenso nei vasti tratti di deserto in Texas, Ari­zona, New Mexico e Cali­for­nia che le comi­tive di migranti impie­gano a volte molti giorni e notti di mar­cia ad attraversare.

L’anno scorso si stima che la tra­ver­sata sia costata la vita a 307 per­sone. Numero esi­guo (rispetto ad esem­pio al record del 2013 — 445 vit­time), da non meri­tare molta atten­zione da pub­blico e stampa. Negli Usa, dove risie­dono e lavo­rano circa 12 milioni di immi­grati non auto­riz­zati, sono stati fer­mati nell’ultimo anno fra i 300.000 e i 400.000 «clan­de­stini». Mal­grado la rela­tive fles­sione degli ultimi anni dovuta alla crisi eco­no­mica (nel 2005 i numeri erano quasi il tri­plo) il feno­meno per­si­ste come dato acqui­sito che il governo si «accon­tenta» di gestire.

Poco si parla delle cen­ti­naia di migliaia di dete­nuti nei cen­tri di «acco­glienza». Il numero esatto è sco­no­sciuto per­ché flut­tua costan­te­mente ma l’Ice (Immi­gra­tion and customs enfor­ce­ment) gesti­sce un cen­ti­naio di cen­tri e appalta a circa 400 altre strut­ture car­ce­ra­rie la deten­zione degli immi­grati, di solito in attesa di depor­ta­zione som­ma­ria o di asilo, un iter che può richie­dere mesi o anni. Nume­rose nelle car­ceri per immi­grati sono le fami­glie, donne e bambini.

Dallo scorso otto­bre sono state fer­mati 17.000 geni­tori con bam­bini e 3.138 mino­renni non accom­pa­gnati nel solo mese di marzo, in gran parte pro­ve­nienti dai paesi del Cen­tro Ame­rica, Gua­te­mala, Hon­du­ras e El Sal­va­dor, deva­stati dalla vio­lenza e dalla povertà. Recen­te­mente 78 madri dete­nute assieme a ai pro­pri figli nel cen­tro di Kar­nes, in Texas hanno fatto uno scio­pero della fame pro­te­stando le con­di­zioni in cui sono tenute senza imputazioni.



Related Articles

Domani Milano in marcia per l’accoglienza

20 maggio. Domani Milano sarà attraversata da migliaia di persone che chiedono (anche al governo) politiche diverse per l’immigrazione

Rimesse, in Italia ogni straniero manda a casa 1.500 euro all’anno

Dossier Caritas/Migrantes. Verso l’Asia 440 miliardi di dollari da tutto il mondo, in crescita nonostante la crisi. Dal nostro paese rimesse in calo, ma la colpa è dei costi delle transazioni: verso la Cina il costo medio è del 18%

Padre Frans e i cristiani del Sud uccisi (nel silenzio) in prima linea

Dalla Siria all’India: vittime anonime di una guerra globale. I Cristiani uccisi (e dimenticati)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment