Ankara, ora è guerra contro l’Isis

Ankara, ora è guerra contro l’Isis

Le auto­rità tur­che, forse troppo tardi, stanno usando le loro basi per bom­bar­dare lo Stato isla­mico in Siria. Gli F-16 dell’aeronautica mili­tare sono decol­lati da Diyar­ba­kir ieri per pat­tu­gliare la zona.

L’esercito ha annun­ciato nuove azioni immi­nenti. Il governo turco non aveva mai voluto con­ce­dere le sue basi per per­met­tere alla coa­li­zione inter­na­zio­nale di bom­bar­dare i jiha­di­sti nella Rojava. Tutto que­sto per fer­mare l’esperimento comu­ni­sta di auto­no­mia demo­cra­tica che è in corso nel Kur­di­stan siriano e man­te­nere Kobane sotto asse­dio. Al con­fine tra Tur­chia e Siria è ormai guerra aperta. Un uffi­ciale dell’esercito turco è stato ucciso nella pro­vin­cia di Kilis e altri quat­tro sono rima­sti feriti.

Dieci mili­ziani dello Stato isla­mico ave­vano aperto il fuoco con­tro i sol­dati tur­chi. Ha avuto ini­zio così un vero e pro­prio com­bat­ti­mento tra mili­tari e jiha­di­sti. Anche un mili­ziano di Isis sarebbe stato ucciso. L’esercito turco ha subito indetto una riu­nione di emer­genza alla pre­senza del pre­mier in pec­tore Ahmet Davu­to­glu che ha pas­sato il pome­rig­gio a stu­diare i pros­simi passi con l’Intelligence turca (Mit), accu­sata di aver favo­rito la pre­senza jiha­di­sta nel paese in fun­zione anti-kurda. Il par­tito kema­li­sta (Kilic­da­ro­glu ha ammesso che la pos­si­bi­lità che si formi un governo di coa­li­zione si allon­tana e le ele­zioni anti­ci­pate sono più vicine) ha pre­sen­tato una mozione per sta­bi­lire una com­mis­sione par­la­men­tare di inchie­sta sugli ultimi attac­chi ter­ro­ri­stici nel Kur­di­stan turco.

Simili richie­ste sono venute da Hdp che ha cri­ti­cato il pre­si­dente Recep Taiyyp Erdo­gan per non aver indetto una gior­nata di lutto nazio­nale dopo l’attentato di Suruç. Gli isla­mi­sti mode­rati hanno però dura­mente attac­cato il par­tito di Sala­het­tin Demir­tas per non aver con­dan­nato l’uso della vio­lenza da parte del Pkk con­tro la poli­zia turca. Ma l’impegno per met­tere in sicu­rezza il con­fine con la Siria è ben più ampio.

Abban­do­nata l’iniziale idea di una zona cusci­netto tra i due paesi in fun­zione anti-kurda, le auto­rità tur­che hanno annun­ciato la costru­zione di una dop­pia bar­riera e di pre­pa­rare un sistema inte­grato di sor­ve­glianza aerea per con­trol­lare il con­fine. Lo scopo è di bloc­care il tran­sito di ter­ro­ri­sti, ha assi­cu­rato il vice-premier Bulent Arinç. Da que­sti vali­chi sono pas­sati i jiha­di­sti che hanno ripe­tu­ta­mente attac­cato Kobane e Tel Abyad nelle scorse set­ti­mane men­tre sono stati fer­mati atti­vi­sti, gior­na­li­sti (noi inclusi), coo­pe­ranti e migliaia di pro­fu­ghi in fuga dai com­bat­ti­menti. E che si pro­fi­lino giorni duri per Is, lo ha con­fer­mato anche l’arresto di due foreign fighters ceceni a Kilis men­tre ten­ta­vano di unirsi ai com­bat­tenti di Is. Insomma l’aria per i jiha­di­sti sta cambiando.

Ieri Erdo­gan ha avuto una lunga con­ver­sa­zione tele­fo­nica con il pre­si­dente Usa Obama che aveva per oggetto pro­prio la neces­sità di fer­mare il flusso di foreign fighters verso la Siria in ter­ri­to­rio turco. Que­sto rin­no­vato sforzo Usa per equi­li­brare lo stra­po­tere sau­dita e i suoi finan­zia­menti ai jiha­di­sti sta final­mente avendo dei risul­tati. Dopo l’accordo sul nucleare ira­niano rag­giunto a Vienna il 13 luglio (appro­vato in sede Onu e in discus­sione al Senato Usa), i sau­diti hanno arre­stato decine di mili­ziani Is e avviato un dia­logo con il movi­mento pale­sti­nese Hamas.

Per Washing­ton, fre­nare l’avanzata di Is serve ad evi­tare che l’Iraq imploda ma avrà anche effetti di lungo ter­mine sulla crisi siriana.

Dome­nica 78 par­titi e movi­menti, non solo tur­chi, inclusa la sini­stra del par­tito demo­cra­tico del Popolo e i kema­li­sti scen­de­ranno in piazza a Istan­bul per pro­te­stare con­tro l’attacco di Suruç dello scorso lunedì. Ma la ten­sione con­ti­nua a dila­gare. Ieri notte un jiha­di­sta dello Stato isla­mico è stato ucciso nella città di Adana per mano dei Ydg-h, movi­mento gio­va­nile affi­liato al par­tito dei lavo­ra­tori kurdi (Pkk) che mer­co­ledì aveva riven­di­cato l’uccisione di due poli­ziotti nella città di con­fine di Cey­lan­pi­nar. Le spa­ra­to­rie sono andate avanti tutta la notte a Diyar­ba­kir dove un poli­ziotto è stato ucciso e un altro è rima­sto ferito.

In que­ste con­ti­nue rap­pre­sa­glie dopo il gra­vis­simo atten­tato del cen­tro Amara si ripe­tono le spa­ra­to­rie tra fazioni kurde (inclusi i gruppi radi­cali vicini agli Hez­bol­lah kurdi, Huda Par e Ihya-Der), come è avve­nuto dopo la vit­to­ria elet­to­rale del 7 giu­gno scorso di Hdp e l’attentato della vigi­lia del voto nel capo­luogo del Kur­di­stan siriano. Secondo gli inqui­renti, gli atten­ta­tori di Suruç e Diyar­ba­kir si sareb­bero lun­ga­mente adde­strati insieme e avreb­bero com­bat­tuto in Siria.



Related Articles

La felicità e la delusione di Nichi “Avevo sperato nella stepchild”

Il personaggio. Con il compagno Ed ha seguito tutto il percorso per la paternità negli Stati Uniti. Il bambino si chiama Tobia Antonio

Kos, migranti abbandonati. «Preoccupati» Msf e l’Unhcr

Profughi. Ieri altri sbarchi. Polizia nel mirino dopo le botte allo stadio

Sì alla legge sul voto di scambio tra proteste ed espulsioni

Bagarre in Aula per il voto di scambio, Grasso allontana due senatori M5S I commenti positivi al testo dei magistrati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment