Cinque milioni e mezzo di italiani sono sotto ali­men­tati

Nuovi poveri. Secondo una ricerca presentata all’Expo dal Banco Alimentare, in Italia 14 famiglie su 100 non possono permettersi un’alimentazione equilibrata

Luca Fazio, il manifesto redazione • 1/7/2015 • Copertina, Povertà & Esclusione sociale, Studi, Rapporti & Statistiche, Welfare & Politiche sociali • 986 Viste

Nuovi poveri. Secondo una ricerca presentata all’Expo dal Banco Alimentare, in Italia 14 famiglie su 100 non possono permettersi un’alimentazione equilibrata con cibo proteico ogni due giorni. A patire di più sono i minorenni, 1 milione e 300 mila soffrono di “povertà alimentare”. Il dato è più che raddoppiato nel giro di otto anni. Per contrastare la povertà in via di cronicizzazione, scrivono i curatori della ricerca, bisognerebbe pensare a una misura strutturale per il reddito delle persone più povere

In cascina Triulza si parla di povertà ali­men­tare. Di ita­liani sotto ali­men­tati. Di nuovi poveri. E’ una di quelle ini­zia­tive vir­tuose per cui biso­gne­rebbe rin­gra­ziare Expo, ma sarebbe come ral­le­grarsi per la pre­sen­ta­zione delle opere di San Fran­ce­sco in una bou­ti­que di Car­tier. I dati pre­sen­tati da Banco Ali­men­tare però meri­tano di essere esa­mi­nati con cura — sono rac­colti nel volume “Food poverty Food bank” a cura di Gian­carlo Rovati e Luca Pesenti (Uni­ver­sità Cat­to­lica di Milano). Si tratta di un’indagine rea­liz­zata dopo la crisi, dun­que con sta­ti­sti­che aggior­nate al 2014 (il primo rap­porto ana­logo è stato rea­liz­zato nel periodo ante­ce­dente il 2008). In que­sto lasso di tempo, dicono i rela­tori, la dimen­sione della povertà ali­men­tare in Ita­lia è rad­dop­piata: sono 5 milioni e mezzo le per­sone, di cui ben 1,3 sono mino­renni, che non hanno la pos­si­bi­lità di assi­cu­rarsi un’alimentazione equilibrata.

Signi­fica che 14 fami­glie su 100 non hanno soldi a suf­fi­cienza per garan­tirsi cibo pro­teico ogni due giorni (il dato è più che rad­dop­piato dal 2007, quando erano 6 su 100). Il con­fronto con altri paesi è disar­mante: in Fran­cia sono 7,3 e in Spa­gna 3,5 le fami­glie altret­tanto povere. “L’Italia – scri­vono Rovati e Pesenti — sem­bra aver pagato più di tutti i paesi il prezzo amaro della crisi”, tanto che oggi sol­tanto i paesi dell’ex blocco sovie­tico pre­sen­tano cifre più pre­oc­cu­panti rispetto alla dif­fi­coltà di pro­cu­rarsi una dieta equi­li­brata. C’è un altro dato urgente che il Banco Ali­men­tare sot­to­li­nea. Le oltre 15 mila asso­cia­zioni cari­ta­tive che ope­rano in Ita­lia, gra­zie alle quali non ci sono (troppe) per­sone che vivono sotto i ponti, dicono di non essere in grado di aiu­tare un numero mag­giore di per­sone. L’appello, con modi gar­bati, è rivolto al mondo poli­tico, e ha tutta l’aria di una sfida che il governo non sem­bra inten­zio­nato a rac­co­gliere: “Appare auspi­ca­bile ora aggiun­gere il tas­sello, pre­sente in quasi tutti i paesi euro­pei, di una misura strut­tu­rale di soste­gno al red­dito dei più poveri”, si legge nell’introduzione del volume pre­sen­tato ieri. Il mini­stro per le poli­ti­che agri­cole, Mau­ri­zio Mar­tina, in video, però ha rispo­sto pic­che al mode­ra­tore del dibat­tito che ha fatto rife­ri­mento anche alla pro­po­sta del Movi­mento 5 Stelle: “Sono per valu­tare qual­siasi stru­mento pra­ti­ca­bile, ma que­sto mi sem­bra dif­fi­cil­mente soste­ni­bile dal punto di vista finan­zia­rio. Mi sem­bra dove­roso pro­vare nuove spe­ri­men­ta­zioni, ma senza fare una bat­ta­glia ideo­lo­gica e senza appog­giare ipo­tesi velleitarie”.

Alla luce delle sta­ti­sti­che però non si tro­vano tracce di bat­ta­glia ideo­lo­gica tra que­gli adulti ita­liani — per­sone disoc­cu­pate, inde­bi­tate o sepa­rate — che chie­dono di rice­vere un pacco ali­men­tare (la prin­ci­pale causa di povertà nel 2014 è stata nell’80% dei casi la per­dita del lavoro). Inol­tre, sot­to­li­neano i ricer­ca­tori, “è pro­prio tra chi ha meno di 18 anni che si nasconde il vero dramma della povertà in Ita­lia”. Quasi 14 bam­bini su 100 tra i 6 e i 14 anni “spe­ri­men­tano pro­blemi” di man­canza di cibo. Nel sud le cifre sono ancora più “impres­sio­nanti”: 19,3 bam­bini della fascia 6–14 anni su 100 sono poveri “anche dal punto di vista ali­men­tare”; e sono aumen­tati in modo “ver­ti­gi­noso”, erano 3 ogni 100 prima della crisi.

La ricerca, come sostiene il pre­si­dente del Banco Ali­men­tare Andrea Gius­sani, rende ancora più per­si­stente (e scan­da­loso) il para­dosso dello spreco di ali­menti nella filiera ali­men­tare. L’incentivo alla ridu­zione e alla redi­stri­bu­zione degli spre­chi, pro­ba­bil­mente, sarà uno dei lasciti dell’Expo, gra­zie ad ini­zia­tive che sono già “spon­so­riz­zate” da alcune grandi catene della distri­bu­zione. La carità, in fondo, rende tutti più utili. Anche Expo, per esem­pio, com­batte lo spreco gra­zie a un accordo sti­pu­lato con la cascina Triulza: nei primi due mesi sono stati recu­pe­rati oltre 5 mila chili di ali­menti, poi distri­buiti ad alcune delle 250 strut­ture cari­ta­tive di Milano con­ven­zio­nate con il Banco Ali­men­tare (che assi­stono 54 mila per­sone). Anche il mini­stro Mar­tina vanta un dato rela­tivo al soste­gno che il governo dà agli indi­genti: “100 mila ton­nel­late di cibo distri­buito quest’anno”. Una cosa giu­sta, anche se non è così che si affronta la povertà (anche ali­men­tare). Ma oggi non si butta via niente.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This