Cuba-Usa, pronte le ambasciate

Cuba-Usa, pronte le ambasciate

Dal 20 luglio nel male­con dell’Avana sven­to­lerà la ban­diera a stelle e stri­sce degli Stati uniti, men­tre a Washing­ton sarà issato il ves­sillo con la stella cubana.

Usa e Cuba hanno rag­giunto l’accordo per aprire le amba­sciate nei rispet­tivi paesi. L’annuncio è con­te­nuto in una let­tera del pre­si­dente Obama indi­riz­zata a Raúl Castro, con­se­gnata ieri mat­tina dal capo della Sezione di inte­resse Usa all’Avana (la pros­sima amba­sciata) Jef­frey DeLau­ren­tis a Mar­ce­lino Medina Gon­zá­lez, mini­stro degli Esteri ad inte­rim di Cuba. Con­tem­po­ra­nea­mente nella capi­tale nor­da­me­ri­cana il diplo­ma­tico cubana di più alto rango con­se­gnava una mis­siva di egual tono al Dipar­ti­mento di Stato.

«Siamo vicini ed ora pos­siamo essere amici», ha affer­mato il pre­si­dente Usa annun­ciando ieri l’apertura delle sedi diplo­ma­ti­che. Obama ha riba­dito che la poli­tica aggres­siva nor­da­me­ri­cana attuata per più di mezzo secolo «è stata un fal­li­mento: invece di favo­rire uno svi­luppo demo­cra­tico a Cuba ha por­tato all’isolamento degli Usa» in Ame­rica latina.

«Oggi cam­biamo poli­tica– ha affer­mato il capo della Casa bianca– nono­stante per­si­stano pro­fonde diver­genze poli­ti­che con l’Avana, pos­siamo coo­pe­rare e affron­tarle con il metodo del dia­logo e accet­tando com­pro­messi con­ti­nue­remo a bat­terci per­ché a Cuba si raf­forzi la società civile, vi sia accesso all’informazione e libertà di stampa». Obama è stato chiaro: «Nes­suno si aspetta che Cuba cambi dall’oggi al domani», però ha riba­dito che chie­derà la fine dell’embargo per­ché impren­di­tori sta­tu­ni­tensi «pos­sano inve­stire (nell’isola) e aiu­tare i cubani a miglio­rare la qua­lità della vita…e a pro­gre­dire nel rispetto dei diritti umani».

Con­fer­mando l’apertura delle amba­sciate il pre­si­dente Raúl Castro ha affer­mato che Cuba «è ani­mata dall’intenzione di sta­bi­lire rela­zioni basate sul reci­proco rispetto e inte­resse» e «nel rispetto delle con­veen­zioni inter­na­zio­nali» riguardo al fun­zio­na­mento delle sedi diplo­ma­ti­che. Il primo, impor­tante, passo è dun­que com­piuto. I due paesi si avviano verso il pieno rista­bi­li­mento delle rela­zioni poli­ti­che e diplo­ma­ti­che. Un pro­cesso, que­sto, che si annun­cia più lungo e com­plesso di quello com­piuto dopo lo sto­rico annun­cio fatto lo scorso 17 dicem­bre da Obama e Raúl Castro di met­tere fine a più di 50 anni di guerra fredda tra i due paesi.

In que­sti sei mesi sono stati com­piuti impor­tanti passi in avanti: Washing­ton ha tolto Cuba dalla lista dei paesi che appog­giano il ter­ro­ri­smo e Obama ha chie­sto al Con­gresso di met­tere all’ordine del giorno la fine dell’embargo uni­la­te­rale decre­tato con­tro Cuba nel 1962. Lo scorso aprile i due pre­si­denti si sono incon­trati a Panama al Ver­tice delle Ame­ri­che e hanno avuto il primo col­lo­quio diretto per discu­tere i pro­blemi rela­tivi al rista­bi­li­mento di rela­zioni tra i due paesi. «In que­sto periodo – afferma l’accademico cubano Jesús Arbo­leya– è apparso un fat­tore impor­tante: la for­ma­zione negli Usa di gruppi di pres­sione, soprat­tutto eco­no­mi­che, per rista­bi­lire rela­zioni con Cuba.

Un fat­tore che prima non esi­steva» e che sta costruendo un con­trap­peso ai gruppi anti­ca­stri­sti cubano-americani rap­pre­sen­tati al ver­tice del Par­tito repubblicano.

I risul­tati si vedono: sono stati attuati vari son­daggi che dimo­strano un nuovo equi­li­brio di forze nell’opinione pub­blica negli Usa, visto che la mag­gio­ranza dei cit­ta­dini degli Usa appog­giano il cam­bio di poli­tica attuato da Obama. Ora le due diplo­ma­zie potranno affron­tare il com­plesso di pro­ble­ma­ti­che devono essere risolte per giun­gere a una com­pleta nor­ma­liz­za­zione che si annun­cia dif­fi­cile vista la quan­tità e com­ples­sità dei punti di disac­cordo accu­mu­lati in più di cinquant’anni di guerra fredda. In una serie di inter­venti, il pre­si­dente Raúl Castro ha riba­dito che «non vi pos­sono essere nor­mali rela­zioni fino a quando gli Usa man­ten­gono il blocco eco­no­mico, fino a quando sarà resti­tuita la base navale di Guan­ta­namo e venga eli­mi­nata la Ley de Aju­ste Cubano ( che con­cede la carta verde a tutti i cubani che entrino negli Usa) e che ven­gano chiuse la Radio e la Tv Martí (respon­sa­bile di ini­zia­tive aper­tamnte sov­ver­sive in Cuba,ndr)».

«Solo col com­pi­mento di que­ste richie­ste, potremo dire che gli Stati uniti hanno pas­sato il Rubi­cone e sono dispo­sti a attuare rela­zioni diplo­ma­ti­che nel rispetto della sovra­nità di Cuba», ha affer­mato il poli­to­logo cubano Este­ban Mora­les. Da parte repub­bli­cana è stato ripe­tuto il solito refrain con­tro la svolta impo­sta da Obama. Car­los Cur­belo, depu­tato repu­bli­cano per la Flo­rida ha soste­nuto che «Il pre­si­dente Obama potrà anche segnare un punto nella costru­zione di un suo «lascito sto­rico», però non pro­muove i nostri inte­ressi nazio­nali e con­fe­ri­sce legit­ti­mità a una dit­ta­tura mili­tare». Ugual­mente dura la rea­zione dei gruppi anti­ca­stri­sti. Frank Cal­zón, diret­tore ese­cu­tivo del Cen­tro per una, Cuba libera ha dichia­rato che «La nor­ma­liz­za­zione (con Cuba) avviene in cir­co­stanze senza pre­ce­denti se si esa­mina la diplo­ma­zia ame­ri­cana nella regione negli ultimi anni e non augura nulla di buono per i diritti umani nell’isola».

Diverso il parere di Eric Lan­ger, diret­tore del Cen­tro studi lati­noa­me­ri­cani dell’Università di Geor­ge­town: «Final­mente fini­sce la guerra fredda in Ame­rica latina. È un gran passo per nuove rela­zioni deglii Usa non solo con Cuba, ma anche col resto dell’America latina».



Related Articles

Unioni civili. Quanto siamo lontani dall’Europa

si sta preparando una linea interpretativa rigidissima della nozione di famiglia per bloccare ogni ulteriore sviluppo in materia

Draghi: ora un’«unione bancaria»

Il presidente Bce: «Per l’euro è un momento di svolta, come nel ’92»

Per le strade di Tunisi

Un reportage racconta le violenze e le speranze, tra la gente della capitale tunisina

 Ancora colpi d’arma da fuoco in pieno centro a Tunisi. La polizia ha sparato diversi colpi e proiettili lacrimogeni per disperdere la folla di manifestanti che da questa mattina si era assiepata di fronte al ministero dell’Interno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment