Dalla Grecia alla Cina

Dalla Grecia alla Cina

Final­mente si parla della Gre­cia. Dopo anni in cui par­lare delle sof­fe­renze del popolo greco, dell’austerità, delle dina­mi­che del debito era cer­care di sfon­dare un muro di indif­fe­renza, le sca­denze del debito e la rapida cam­pa­gna del refe­ren­dum che ha visto un’ampia vit­to­ria del No hanno por­tato il dibat­tito dappertutto.

Incre­di­bil­mente l’Italia si risve­glia con un numero incom­men­su­ra­bile di «esperti» di eco­no­mia greca: chiun­que si sente in grado di dis­ser­tare sulla poli­tica di Tsi­pras, dell’esito del nego­ziato, delle pen­sioni ecces­sive, e simili. Nei bar, in strada, sui posti di lavoro. Su inter­net i siti di infor­ma­zione più get­to­nati pre­sen­tano i loro bravi dos­sier «la crisi greca spie­gata bene».

E non biso­gna troppo stu­pir­sene per­ché siamo di fronte alla pos­si­bile dis­so­lu­zione dell’unione mone­ta­ria. «Non ho dubbi: que­sto è il momento più cri­tico della sto­ria dell’Unione Euro­pea». A D. Tusk (pre­si­dente del Con­si­glio euro­peo) ripor­tato dal Tele­graph piace drammatizzare.

Ma la stampa finan­zia­ria inter­na­zio­nale sem­bra presa da altro. «Azioni cinesi: la crisi finan­zia­ria che ha can­cel­lato tre tri­lioni dai mer­cati finan­ziari» (The Indi­pen­dent), «Il crollo del mer­cato cinese è una dop­pia minac­cia» (New York Times), «La crisi finan­zia­ria dav­vero pre­oc­cu­pante sta avve­nendo in Cina, non in Gre­cia» (Tele­graph). L’invincibile tigre asia­tica, capace di rega­lare all’economia glo­bale tassi di cre­scita a dop­pia cifra, a quanto pare sta vivendo il suo 1929.

L’evoluzione della situa­zione in Cina suscita com­pren­si­bili ner­vo­si­smi. Si tratta di un’economia ancora molto con­trol­lata dalle auto­rità, ma anche for­te­mente inte­grata nel sistema finan­zia­rio inter­na­zio­nale e a livello eco­no­mico. I con­trac­colpi pos­sono essere poderosi.

Forse qual­cuno potrebbe ricor­darsi che il sistema finan­zia­rio in sé non è molto sta­bile. Nella sua Rela­zione Annuale la Banca dei Rego­la­menti Inter­na­zio­nali (orga­niz­za­zione inter­na­zio­nale di Basi­lea, espres­sione delle ban­che cen­trali più potenti al mondo) dedica un intero capi­tolo alla que­stione. Si sostiene che “Un impor­tante difetto del sistema attuale è che tende ad aumen­tare il rischio di squi­li­bri finan­ziari», «l’integrazione dei mer­cati finan­ziari a livello inter­na­zio­nale tende a raf­for­zare que­ste dina­mi­che». Segue un acco­rato appello alla coo­pe­ra­zione internazionale.

Per capire di che natura siano i rimedi neces­sari può essere d’aiuto un’altra noti­zia com­parsa in que­sti giorni: «Il sistema finan­zia­rio Usa è solido ma le riforme devono con­ti­nuare, sostiene il Fmi». (Los Ange­les Times).

Tali riforme – la cui pero­ra­zione pro­viene dal Fondo, uno dei bastioni più temi­bili dell’ortodossia mone­ta­ria mon­diale – non sono altro che l’attuazione della legge Dodd-Frank, la stan­gata di Obama sulla finanza.

Cri­ti­cata da molto che vole­vano di più ma che ha saputo rac­co­gliere l’elogio di Luciano Gal­lino: «Biso­gna rico­no­scere che dopo un tren­ten­nio di dego­la­men­ta­zione del sistema finan­zia­rio, si tratta del primo prov­ve­di­mento su larga scala che la poli­tica e lo stato abbiano adot­tato al fine di sot­to­porre tale sistema a regole capaci di limi­tarne lo stra­po­tere e sta­bi­lirne le mol­te­plici responsabilità».

Nel sostan­zioso «Finan­cial System Sta­bi­lity Assess­ment» di ben 111 pagine una delle isti­tu­zioni mone­ta­rie più con­ser­va­trici rac­co­manda l’attuazione di quello che i repub­bli­cani hanno cer­cato di bloc­care in ogni modo.

Regole capaci di limi­tare lo stra­po­tere finan­zia­rio. In assenza delle quali il sistema con­ti­nuerà a gene­rare crisi e bolle ieri in Europa, oggi in Cina, e chissà dove domani.

* Nuova finanza pubblica



Related Articles

Sindacato. La difficile difesa del lavoratore globale

 Divise e oggetto di attacchi estremistici le organizzazioni devono fronteggiare mutamenti sociali che mettono in questione il loro ruolo tradizionale. Nuove tecnologie mestieri inediti contratti atipici. La realtà  di oggi sembra porre infiniti ostacoli. Quando le loro rappresentanze sono deboli, le condizioni di vita e le retribuzioni di operai e impiegati peggiorano ovunque 

Nelle vie di Mosca le guerre di Putin fanno rivivere i sogni dell’Impero

Valori cristiani esaltati, vecchi filosofi conservatori riesumati. Così il leader del Cremlino lancia una “nuova idea” euroasiatica

IL VERO ALLARME È SULLA CRESCITA

Una riapertura pessima dei mercati dopo la parentesi pasquale con le Borse in calo in tutta Europa e un record negativo di Milano a meno cinque per cento, mentre il fatidico “spread” è risalito di colpo oltre quota quattrocento.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment