IL FILO SPEZZATO DELL’EUROPA

IL FILO SPEZZATO DELL’EUROPA

NON mi riconosco nell’Europa nata tra il 12 e il 13 luglio. Sembra che l’Unione abbia abbandonato l’ambizione di costruire il suo popolo.
DI QUESTO dovrebbero essere consapevoli soprattutto quelli che hanno molto investito nell’Europa unita come grande progetto politico, e che oggi solo partendo da queste amare considerazioni realistiche possono ancora coltivare un’estrema speranza di riacchiappare un filo che appare ormai spezzato.
Abbandoniamo ipocrisie e luoghi comuni. Onorevole compromesso, né vincitori né vinti, ora è il momento della crescita, risolta la questione greca ora vi è la questione Bruxelles, serve più Europa politica. Come non vedere che attraverso la questione greca si è voluto risolvere proprio la questione Bruxelles, annunciando con inusitata durezza quale Europa politica ci attende per quanto riguarda leadership, forze politiche, contenuti? Sull’indubbia supremazia tedesca è inutile insistere, se non per sottolineare quanto sia debole la tesi dell’importante mediazione di Hollande. Che altro poteva essere chiesto alla Grecia dopo tutto quello che le era stato imposto? E che altro poteva avvenire dopo la riduzione della Grecia a protettorato, come ha ben scritto Lucio Caracciolo?
La verità è che questa vicenda ha certificato anche la dissoluzione della socialdemocrazia europea. Nel vuoto così lasciato, da tempo hanno cominciato ad insediarsi i populismi antieuropeisti, ai quali i partiti socialisti o socialdemocratici non sono stati capaci di contrapporre alcuna plausibile strategia. L’ultimo spettacolo offerto dal partito socialdemocratico tedesco, attraverso le prese di posizione del suo vice-cancelliere e del presidente del Parlamento europeo, è a dir poco imbarazzante. Ma l’allineamento degli altri partiti dell’Internazionale socialista, a cominciare dalla Francia e dall’Italia, è stato nella sostanza così totale da rendere ormai indistinguibili i loro programmi da quelli degli schieramenti conservatori. Con le ultime, unanimi decisioni di Bruxelles siamo entrati palesemente nell’area del partito unico europeo.
Ma questo non basta per sventare i rischi dei populismi montanti. Se l’Unione ha deciso di costruirsi come una organizzazione senza popolo, non vuol dire che il popolo sia cancellato. Con due effetti. I popoli si prendono le loro rivincite affidandosi a chi ne evoca una autonomia insidiata da Bruxelles. E si manifestano fenomeni di rinazionalizzazione, già ben analizzati da Wolfgang Streek, che hanno altrettanto potenziale distruttivo. Non si può condannare il nazionalismo della decisione di Tsypras di indire un referendum, e poi distogliere lo sguardo da una politica tedesca condizionata evidentemente dalle dinamiche interne a questo Stato. Se, poi, si voleva colpire Tsypras per educare Podemos, si tratta davvero di una strategia senza sbocco o più precisamente di una strategia che, infiacchendo la democrazia, favorirà una sostanziale disgregazione dell’Europa.
La questione della necessaria legittimazione dell’Unione europea attraverso meccanismi diversi da quelli puramente economici era stata ben colta nel giugno del 1999, quando il Consiglio dell’Unione europea decise di mettere in cantiere una Carta dei diritti fondamentali. Si giustificò questa iniziativa sottolineando esplicitamente che “ la tutela dei diritti fondamentali costituisce un principio fondatore dell’Unione europea e il presupposto indispensabile della sua legittimità”. Non è un richiamo nostalgico. Quelle parole coglievano un punto nevralgico per lo sviluppo dell’Unione, essendo divenuto evidente che, per ottenere piena legittimazione da parte dei cittadini, all’integrazione economica e monetaria doveva essere affiancata, come passaggio ineludibile, l’integrazione attraverso i diritti. La Carta dei diritti fondamentali ha oggi lo stesso valore giuridico dei trattati, ma è stata cancellata dal quadro istituzionale europeo, sopraffatta dalla logica economica. Allo storico deficit di democrazia dell’Unione europea si è affiancato così un sempre più distruttivo deficit di legittimazione, che sconfina ormai nell’illegalità.
Non è arbitrario, allora, prevedere che il “più politica”, continuamente invocato, altro non possa essere che l’istituzionalizzazione e la formalizzazione delle logiche anche violente che hanno caratterizzato l’ultima fase, con un esercizio impietoso del potere che ha prodotto esclusione delle persone e espropriazione dei diritti. Sempre più lontani dalle parole del Preambolo della Carta dei diritti dove si afferma che l’Unione “pone la persona al centro della sua azione”. E sempre più vicini ad una stretta istituzionale che, modificando i trattati, intende costruire il “fiscal compact” come essenziale punto di riferimento.
L’Europa sociale, l’Europa del vivere in dignità e diritti, è dunque irrimediabilmente perduta? La domanda è legittima, e le risposte inclinano verso il pessimismo. Ma una conclusione così sconsolata – non per i sentimenti personali, ma per le sorti della democrazia – dovrebbe essere misurata attraverso una analisi che parta da una domanda diversa. Oltre al nuovo partito unico del rigore e ai diversi populismi si scorgono forze che possano riprendere il cammino dei diritti sociali non come rivendicazione egoistica contro “l’idraulico polacco”, ma come possibilità concreta di una azione statuale e sovranazionale che metta a frutto le analisi di tanti economisti e giuristi che hanno mostrato la forza distruttiva delle politiche finora seguite? Si consoliderà questa consapevolezza culturale, si tradurrà in iniziative concrete? Non dimentichiamo che la guerra fredda venne combattuta mostrando concretamente la superiorità di una democrazia innervata dai diritti delle persone. Non dovrebbe essere questo il modello da seguire nel nuovo conflitto con il totalitarismo economico?


Related Articles

Rigore e ripresa dividono il G20 Salta la tassazione della finanza

“Sì alle misure anti-deficit senza soffocare la crescita”

“Ripresa più veloce del previsto, ma resta la sfida alla volatilità  dei mercati finanziari”

Compromesso tra le due anime del gruppo dei Venti. Trichet: euro moneta forte

La stretta di Sicilia

TERMINI IMERESE Fabbrica Fiat, Lombardo era per Rossignolo. Si decide il 16
Il governo dietro la DR molisana con i cinesi di Chery

Sisma mondiale

Gli attivisti dell’organizzazione che si batte per garantire condizioni di vita dignitose agli abitanti delle baraccopoli sudafricane sono in Italia per condividere la loro esperienza e fare rete con i movimenti locali. Una sfida radicale e non riconciliata portata al cuore delle contraddizioni di cui è preda la «nazione arcobaleno», una spina nel fianco dell’Anc. Che con la coppa del mondo di calcio vorrebbe far passare l’idea che «tutto va bene».

1 comment

Write a comment
  1. Aldo B. TN
    Aldo B. TN 17 Luglio, 2015, 13:13

    Ora tutti ( scioccamente)
    parlano di pace e più sicurezza nel Medioriente ma questo cattivo accordo
    “storico” sul nucleare all’Iran che prevede un “controllo” per il prossimo
    decennio degli Usa sulla produzione atomica e che sblocca sanzioni in milioni
    di dollari in favore dell’Iran mi preoccupa eccome! Credo che NETANYAHU, abbia
    ragione a essere preoccupato: Questo accordo, a mio parere, ha armato i
    detonatori nel Medioriente e innescato il conto alla rovescia per il pianeta.

    E’ paradossale che un
    presidente USA che ha avuto il premio Nobel per la pace stia puntando i piedi
    per una futura catastrofe planetaria e i nostri politicanti europei, ciechi e
    avidi soltanto di denaro, lo seguano a ruota.

    Invece di fare un accordo di
    pace e togliere le sanzioni con i vicini e superpotenti russi, la Russia di
    Putin, che porterebbe alla fine istantanea dell’Isis, preferiscono gli accordi
    con l’Iran, acerrimo nemico di Israele: la più piccola democrazia del mondo da
    sempre osteggiata dai paesi arabi vicini e oggi, perfino da parte dei suoi
    alleati in Occidente, a cominciare dagli USA.

    Vedete, mi preoccupa questo
    “controllo” USA decennale, già, proprio decennale ! Quando gli USA sembrano
    ormai destinati a subire un declino morale ed economico e, guarda caso, proprio
    nei prossimi dieci anni.

    L’ultimo decennio per gli USA
    è stato il peggiore per economia e disoccupazione. Nei prossimi due anni la
    Cina prevede di superare gli USA e guadagnerà titolo di superpotenza mondiale. La
    Rivista come il THE ECONOMIST prevede, con poche possibilità di errore, dei
    cattivi indicatori che portano a un inevitabile declino economico statunitense
    e, in un’analisi dal titolo ” Declino e caduta dell’impero americano” il noto
    prof. Alfred McCoy, dell’Università Wisconsin Madison, ha sostenuto, con un’accurata
    analisi, che il dominio USA terminerà il 2025 e, comunque, ha scritto: “ la
    questione non è se gli USA perdono il loro ruolo di superpotenza mondiale, ma
    quando ciò avverrà”. Come si potrà controllare efficacemente con un impero USA prossimo
    venturo in declino: sarà un controllo sfuggente!

    Non posso che essere vicino
    al popolo Israeliano:unica democrazia in mezzo alla follia integralista, oggi, lasciato solo dalla stupida
    cecità occidentale.

    Non si può nemmeno dire a
    questi ciechi politicanti: “ Padre perdona loro perché non sanno quello che han
    fatto!”

    Reply this comment

Write a Comment