Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

La situa­zione eco­no­mica dell’Ucraina è sem­pre più vicina al col­lasso. Quelle appena tra­scorse sono state gior­nate di intense trat­ta­tive tra Kiev e i rap­pre­sen­tanti dei suoi cre­di­tori inter­na­zio­nali (ame­ri­cani, bra­si­liani e russi) per una fati­cosa e forse pro­ba­bile ristrut­tu­ra­zione del debito estero, che ammonta a circa 23 miliardi di dollari.

Kiev, attra­verso i pro­pri organi mini­ste­riali ha pro­po­sto un piano nei giorni pre­ce­denti, che dovrà essere valu­tato: una prima risposa a quanto pro­po­sto dalla mini­stra delle finanza, Nata­lia Yare­sko, dovrebbe arri­vare oggi. Il Fondo mone­ta­rio spinge per una solu­zione posi­tiva e con­ti­nua a rila­sciare tran­che — l’ultima di 1,7 miliardi il 25 luglio — del mega soste­gno pro­messo (e già ero­gato in parte) subito dopo la con­qui­sta del potere da parte di Yatse­niuk e com­pa­gnia, men­tre i cre­di­tori sem­brano meno pro­pensi a con­ce­dere un taglio (che secondo fonti vicine a Kiev potrebbe essere del 40 per cento).

Secondo Foreign Policy tra una tran­che e l’altra, l’aiuto del Fondo mone­ta­rio per Kiev ammon­te­rebbe ad oltre 40 miliardi di dol­lari in totale e dovrebbe pro­prio ser­vire a sta­bi­liz­zare l’economia nazio­nale, in cam­bio di riforme non ancora specificate.

Ma il Fmi sa bene che una ristrut­tu­ra­zione del debito è neces­sa­ria, affin­ché i pro­pri soldi non fini­scano a Mosca, usati da Kiev per pagare il debito di circa 3 miliardi di dol­lari con­tratto con Putin (da Yanu­ko­vich e che scade nel dicem­bre 2015). Gli stessi cre­di­tori pur essendo con­trari a un taglio del debito, sanno bene che senza trat­tare rischiano di tro­varsi con un pugno di mosche in mano, per­ché le con­di­zioni dell’Ucraina fanno sì che sia alta­mente impro­ba­bile un paga­mento completo.

Straor­di­na­ria, in ogni caso, la situa­zione che ci tro­viamo di fronte: da un lato c’è Atene con un governo di sini­stra, messa all’angolo e costretta ad accet­tare un nuovo piano «lacrime e san­gue», senza l’ombra di un soste­gno. Dall’altro lato c’è l’Ucraina dell’oligarca Poro­shenko, gra­dito a Usa e Fmi, soste­nuto nel dia­logo pro­prio da Lagarde e dai tanti uomini d’affari ame­ri­cani, invi­tati recen­te­mente dal pro­prio governo a inve­stire nel paese.

Senza par­lare, natu­ral­mente, dell’attenzione media­tica che si è dedi­cata alla Gre­cia, insieme al ten­ta­tivo della stampa inter­na­zio­nale, spe­cie quella ita­liana, di distrug­gere media­ti­ca­mente Tsi­pras e Syriza, a fronte della rap­pre­sen­ta­zione com­ple­ta­mente diversa da Kiev, preda di oli­gar­chi, neo­na­zi­sti ormai in aperto con­flitto con il governo e con una situa­zione eco­no­mica che potrebbe tran­quil­la­mente essere con­si­de­rata peg­gio della Gre­cia, ma descritta come un esem­pio demo­cra­tico da con­trap­porre all’autoritarismo putiniano.

Una prima toppa finan­zia­ria da Kiev è arri­vata in extre­mis, la scorsa set­ti­mana, con il paga­mento di 120 milioni di dol­lari di debito che hanno scan­sato di un sof­fio la ban­ca­rotta, ma il qua­dro gene­rale resta grave. Non a caso, chi si occupa con serietà di que­ste vicende economico-finanziarie, ovvero la stampa ame­ri­cana inte­res­sata a capire la dif­fi­cile situa­zione che vede agire in un qua­dro geo­po­li­tico anche Mosca, assume toni piut­to­sto preoccupati.

La situa­zione, come spie­gato nei giorni scorsi dal Finan­cial Times, è «ben nota»: dopo la Maj­dan che ha ribal­tato la natura poli­tica del potere di Kiev, con la cac­ciata di Yanu­ko­vich e l’arrivo di un governo gra­dito a Usa, Ue e Fondo mone­ta­rio (con Washing­ton impe­gnata in prima linea durante i giorni caldi degli scon­tri di piazza) il paese ha intra­preso una rapida strada verso la ban­ca­rotta (non che prima la situa­zione fosse straor­di­na­ria, ma si può affer­mare fosse deci­sa­mente meno dra­stica almeno nell’immediato).

La con­tra­zione eco­no­mica è stata del 10 per cento e il debito del paese è sulla via di diven­tare il 95 per cento del pro­dotto interno lordo. Non solo, per­ché a que­sto si sono aggiunti pro­blemi ener­ge­tici. I pro­getti per la for­ni­tura di shale gas di Shell e Che­vron sono stati bloc­cati allo scop­pio del con­flitto con le regioni orien­tali e pro­prio la guerra con il Don­bass ha pra­ti­ca­mente stac­cato dal paese le for­ni­ture di oltre 300 miniere loca­liz­zate nelle regioni dell’est.

L’annessione russa alla Cri­mea ha con­tri­buito a spe­gnere i rifor­ni­menti di gas che arri­va­vano dalla Cher­no­mor­nef­te­gaz dal Mar nero. Que­sto ha por­tato come con­se­guenza prin­ci­pale la forte dipen­denza dell’Ucraina dal Suda­frica, dall’Australia e da altre parti dell’Europa. Que­sto tipo di for­ni­ture — inol­tre — non sono pro­pria­mente «cheap» e si tratta di clienti che prima di dare, chie­dono i soldi, subito.

Il quo­ti­diano bri­tan­nico tra l’altro aggiunge una con­si­de­ra­zione non da poco: «il rischio di default non è qual­cosa che coin­vol­ge­rebbe solo cre­di­tori e inve­sti­tori. Il rischio è che la situa­zione eco­no­mica sia tal­mente com­pli­cata da spin­gere molti ucraini a scap­pare dal paese, creando una situa­zione al limite sui con­fini porosi di Polo­nia, Roma­nia, Unghe­ria e Slo­vac­chia». Se l’Europa non rie­sce a gestire il numero limi­tato di per­sone che arriva dal Medi­ter­ra­neo, scrive ilFinan­cial Times, «figu­ra­tevi il panico e il caos di fronte a un esodo di ucraini».



Related Articles

La Bce, l’ombrello anti crisi e i mal di pancia tedeschi

BERLINO – Mario Draghi? «Il suo Ego è profondamente insicuro». L’intervista a Der Spiegel in cui il presidente della Bce ha ricordato la «paura perversa» dei tedeschi che il programma di acquisto dei titoli di Stato dei Paesi indebitati potesse provocare conseguenze negative non è piaciuta agli economisti tedeschi interpellati dal quotidiano Die Welt .

Quei viaggi in autostrada La frenata degli italiani

La Grande Crisi sta cambiando il rapporto tra gli italiani e l’autostrada. La causa prima è rintracciabile nell’abnorme aumento del prezzo della benzina (+17,7% dal settembre 2011 a quello 2012) ma più in generale il reddito disponibile cala e nelle strategie di adattamento rientra anche la mobilità . Il fenomeno riguarda sia il Nord sia il Sud con il divario che cresce ulteriormente perché la caduta nel Mezzogiorno è più larga di 2-3 punti.

L’inflazione accelera, al top dal 2008

A marzo +2,5%, boom dei carburanti. Vola anche in Europa, rialzo dei tassi vicino Impennata per i servizi stagionali, dagli aerei fino ai pacchetti per le vacanze

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment