La linea di Tsi­pras: «Accordo flessibile»

La linea di Tsi­pras: «Accordo flessibile»

La parola chiave del governo Tsi­pras per con­vin­cere i riot­tosi, fuori e soprat­tutto den­tro Syriza, è «fles­si­bi­lità» nell’applicazione dell’accordo con i cre­di­tori. Ne parla al mat­tino la nuova por­ta­voce dell’esecutivo, Olga Gero­va­sili, por­tando come esem­pio il rin­vio ad ago­sto della riforma delle pen­sioni e lo stral­cio della tas­sa­zione agli agri­col­tori dai «pre­re­qui­siti» impo­sti dalla troika per sedersi al tavolo dei nego­ziati e otte­nere il maxi-finanziamento da 82–86 miliardi in tre anni del Mec­ca­ni­smo euro­peo di sta­bi­lità (Esm), meglio cono­sciuto come Fondo salva-stati.
È que­sta la cruna dell’ago attra­verso la quale Tsi­pras e com­pa­gni devono pas­sare: mostrare all’opinione pub­blica interna che il Memo­ran­dum con­sente un’interpretazione ela­stica e per­mette misure sociali «com­pen­sa­tive», e allo stesso tempo dar mostra ai part­ner con­ti­nen­tali che l’approvazione dell’accordo pro­cede senza intoppi.
In que­sta via cru­cis che rischia di pro­trarsi fino all’autunno, quella di oggi è con­si­de­rata una data-spartiacque: arri­vano in Par­la­mento la riforma della giu­sti­zia civile e l’approvazione della diret­tiva euro­pea sulle ban­che, e si capirà se dai dis­sen­zienti arri­verà un’apertura (magari sotto forma di asten­sioni e non par­te­ci­pa­zione, invece del no come nel voto della scorsa set­ti­mana) oppure se si andrà al muro con­tro muro, con esiti poten­zial­mente nefa­sti non solo per l’esperienza di governo ma per la stessa Syriza (mai come ora al top dei con­sensi in Gre­cia, gra­zie soprat­tutto a Tsi­pras). I toni degli ultimi giorni non lasciano pre­sa­gire una ricu­ci­tura a breve ter­mine degli strappi avve­nuti a par­tire dall’accettazione dell’accordo da parte del pre­mier. L’opposizione interna, in par­ti­co­lare la Piat­ta­forma di sini­stra attra­verso il suo lea­der Pana­gio­tis Lafa­za­nis, ha denun­ciato il rischio di «tra­sfor­ma­zione» della ragione sociale del par­tito più ancora che  del governo. I gio­vani di Syriza, fer­ma­mente con­trari al Memo­ran­dum per­ché «con­tra­rio ai fon­da­menti ideo­lo­gici, agli impe­gni elet­to­rali e alle deci­sioni col­let­tive del par­tito», hanno chie­sto una riu­nione imme­diata del Comi­tato cen­trale e la con­vo­ca­zione di un con­gresso straor­di­na­rio. Nel frat­tempo non si fer­mano le fuo­riu­scite: ieri si è dimesso un mem­bro del Comi­tato cen­trale, Dimi­tris Spar­ti­nos, tra i 109 che ave­vano detto no all’accordo.
Inol­tre, non passa giorno senza che l’ex mini­stro delle Finanze Yan­nis Varou­fa­kis  asse­sti un col­petto all’esecutivo, pur stando bene attento a non col­pire il suo col­lega e sosti­tuto Euclid Tsa­ka­lo­tos: l’altro ieri ha ospi­tato sul suo blog un inter­vento molto cri­tico dell’accordo rag­giunto e dell’atteggiamento tede­sco fir­mato da un nome a sor­presa: l’ex can­di­dato socia­li­sta all’Eliseo ed ex pre­si­dente del Fmi Domi­ni­que Strauss Kahn, insieme al quale sta­rebbe lavo­rando a un partito-lobby trans­na­zio­nale, di sini­stra «ma non marxista-leninista» come ha detto  spie­gato l’economista fran­cese Jean Paul Fitoussi, anche lui della par­tita insieme a James Gal­braith e Joseph Sti­glitz (che il giorno pre­ce­dente aveva incon­trato Tsa­ka­lo­tos per offrir­gli l’aiuto di quello che per ora si con­fi­gura come non più di un think thank di intel­let­tuali).
In ogni modo, è pro­ba­bile che il rin­vio della riforma delle pen­sioni e la sostan­ziale archi­via­zione della stan­gata agli agri­col­tori (bacino elet­to­rale del par­tito di cen­tro­de­stra Nea Demo­cra­tia, che per que­sto non la vote­rebbe mai) non fac­ciano scen­dere il governo sotto la fati­dica soglia dei 120 voti pro­ve­nienti dalla sua mag­gio­ranza, che lo spin­ge­reb­bero alle dimis­sioni. Così, incas­sato il prestito-ponte, ria­perte le ban­che e ripa­gati i debiti in sca­denza, Tsi­pras pren­de­rebbe fiato in vista dell’inizio dei nego­ziati per acce­dere all’Esm, pre­vi­sto per il 20 ago­sto. Fino a quel giorno, dovrà pro­vare a ricon­qui­stare il suo par­tito dimo­strando che la «fles­si­bi­lità» nella gestione dell’accordo vuol dire anche non cedere ai peg­giori dik­tat e poter agire sul piano sociale, anche se sarà dif­fi­cile comin­ciare le trat­ta­tive senza l’approvazione della legge sulle pen­sioni.
Un buon esem­pio di «fles­si­bi­lità» è arri­vato già ieri: il neo­mi­ni­stro del Lavoro George Katrou­ga­los ha bloc­cato il licen­zia­mento col­let­tivo di 349 dipen­denti della metro­po­li­tana di Salo­nicco. Per giu­sti­fi­care l’atto di disob­be­dienza al Memo­ran­dum (che chiede una dra­stica cura dima­grante del set­tore pub­blico), Katrou­ga­los ha fatto appello al «modello sociale euro­peo». Come a dire: non chie­de­teci di fare cose che voi non fare­ste mai.



Related Articles

Industria, il peggior risultato dal 2009

L’economia italiana seguita a battere colpi a vuoto a conferma che si è di nuovo infilata nel tunnel della recessione.

LE LACRIME FINTE DELLE BANCHE

Le banche lamentano il mandato, contenuto nel decreto legge sulle liberalizzazioni, che le obbliga a garantire l’apertura di un conto corrente gratuito e senza spese di deposito e prelievo ai pensionati con una pensione inferiore a 1.500 euro.

Enti e casse previdenziali, un maxi piano per vendere le case agli inquilini

ROMA — Gli inquilini degli alloggi Inps, Inpdap e di tutte le casse previdenziali professionali (notai, avvocati, giornalisti, eccetera) potranno acquistare l’immobile pagando una somma pari a 150 volte l’affitto mensile. L’operazione riguarda parecchie decine di migliaia di immobili. Secondo la stima fatta dalla commissione parlamentare per il controllo sugli enti di gestione previdenziale, solo per le città  di Milano e Roma, si tratta di 30 mila alloggi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment