La lunga notte di Tsi­pras

La lunga notte di Tsi­pras

Loading

Atene. È notte ad Atene. Il parlamento approva le prime norme del nuovo memorandum della Troika con 228 sì e 64 il no. Il governo Tsipras resta in carica ma Syriza perde 38 voti su 149 (32 no e 6 astenuti). A favore i conservatori di Nea Demokratia, i centristi del Potami e Pasok. Contrari i comunisti del Kke e i nazisti di Alba dorata. Drammatico appello ai deputati di Tsipras: «Non saremo una parentesi, la nostra lotta continua»

Spac­cata in due la società del «no», tra rab­bia e ran­core; una parte scende in piazza per la prima volta dalla vit­to­ria elet­to­rale di Syriza e pro­te­sta con­tro l’ accordo. Ieri è toc­cato riem­pire piazza Syn­tagma ai dipen­denti pub­blici. Oggi tocca ai far­ma­ci­sti con­tro le libe­ra­liz­za­zioni e altri set­tori di liberi professionisti.

Divisa pure la sini­stra radi­cale greca — la scis­sione per il momento è stata evi­tata– dalla sua base fino ai livelli più alti di fronte a un dilemma che non è affatto facile da risol­vere: schie­rarsi e votare con­tro­vo­glia a favore di un terzo memo­ran­dum, per evi­tare — almeno così si dice– una cata­strofe totale del paese nel caso di un default incon­trol­lato, oppure di un Gre­xit, andando però con­tro le pro­prie idee. Oppure stare in pace con la pro­pria coscienza, rispet­tando le idee e le tra­di­zioni della sini­stra, schie­ran­dosi con­tro l’intesa con i cre­di­tori, pro­vo­cando però una crisi di governo e la caduta di un ese­cu­tivo delle sini­stre, come vor­reb­bero pro­prio i cre­di­tori con Wol­fgang Schau­ble primo nella lista.

Il dilemma era pesante ieri per i 149 depu­tati di Syriza, un po’ meno per i 13 dei «Greci indi­pen­denti», il par­tito di destra e part­ner di governo che nono­stante le denunce con­tro l’accordo e i «fal­chi euro­pei», fin dalla mat­tina ave­vano deciso di votare a favore dell’accordo. A Syriza, invece, hanno con­ti­nuato, o meglio si sono raf­for­zate, le voci di dis­senso con­tro il pre­mier Ale­xis Tsi­pras il quale ha sot­to­li­neato che farà di tutto per tenere unito il par­tito. Men­tre scri­viamo non è ancora comin­ciata la vota­zione finale sul pac­chetto di misure richie­ste da Bru­xel­les, ma già si sa che l’accordo sarà appro­vato con una larga mag­gio­ranza. A favore si è schie­rata quasi tutta l’opposizione: i con­ser­va­tori di Nea Dimo­kra­tia, i cen­tri­sti del Potami e i socia­li­sti del Pasok. Con­trari, invece, i comu­ni­sti del Kke e i nazi­sti di Alba dorata.

È notte ad Atene. Il parlamento approva le prime norme del nuovo memorandum della Troika con 228 sì e 64 il no. Il governo Tsipras resta in carica ma Syriza perde 38 voti su 149 (32 no tra cui Varoufakis e 6 astenuti). Drammatico appello ai deputati di  Tsipras: «Non saremo una parentesi, la nostra lotta continua»

CJ_cSZWWEAAVPmj.jpg-large

La riu­nione del gruppo par­la­men­tare, poco prima del dibat­tito, ha avuto invece toni dram­ma­tici. Men­tre due giorni fa Ale­xis Tsi­pras aveva escluso di dimet­tersi e l’eventualità di un nuovo ricorso alle urne, ieri rivol­gen­dosi ai depu­tati ha detto che «senza il vostro appog­gio, sarà dif­fi­cile essere ancora il primo mini­stro». Oltre alla «Piat­ta­forma di sini­stra», la più forte com­po­nente di oppo­si­zione all’interno di Syriza, che aveva reso noto che avrebbe votato con­tro, la pre­si­dente della camera, Zoi Kon­stan­to­pou­lou, già in scon­tro aperto con il por­ta­voce par­la­men­tare di Syriza, Nikos Filis, ha detto che non è dispo­sta a dimet­tersi dal suo posto per faci­li­tare la vota­zione. Il pro­getto di legge sull’intesa avrebbe dovuto essere appro­vato entro la mez­za­notte di ieri sera, ma Kostan­to­pou­lou non era dispo­sta a far par­tire il dibattito.

Il ter­mo­me­tro della ten­sione è salito anche gra­zie alle nuove dichia­ra­zioni di Yanis Varou­fa­kis, il quale — dopo il suo allon­ta­na­mento — pur rima­nendo popo­lare, riceve forti cri­ti­che non solo dai par­titi dell’opposizione, ma anche dai suoi com­pa­gni di par­tito per le moda­lità della sua nego­zia­zione. L’ ex mini­stro delle finanze ha defi­nito l’accordo di Bru­xel­les «un nuovo trat­tato di Ver­sail­les», rispon­dendo cosi al pre­mier –con il quale man­tiene anche rap­porti di ami­ci­zia– il quale poche ore prima aveva detto che Varou­fa­kis «è molto bravo dal punto di vista eco­no­mico, ma non è un poli­tico e ha com­messo evi­denti errori durante il negoziato».

Varou­fa­kis, inol­tre, –e que­sto ha pro­vo­cato scal­pore in tutta la Gre­cia– durante un’ inter­vi­sta al Real fm radio ha detto che la sera dei risul­tati del refe­ren­dum si è recato «al Megaro Maxi­mou» (la sede di governo) pieno di entu­sia­smo per il glo­rioso «no» della mag­gio­ranza dei greci, ma nell’aula dove era pre­sente il pre­mier c’era un clima pesante. Sem­brava quasi che «nes­suno fosse con­tento della vit­to­ria del governo». Ieri il mini­stro dell’Energia e dell’ambiente, Panayo­tis Lafa­za­nis, lea­der della «Piat­ta­forma di sini­stra» ha spe­ci­fi­cato: «Appog­giamo il governo, ma non il memo­ran­dum. Ciò non vuol dire che Syriza si spac­cherà», schie­ran­dosi ancora una volta a favore della dracma. Poche ore prima Tsi­pras aveva detto che «la prio­rità era evi­tare un disa­stro e fir­mare un accordo dif­fi­cile in cui non cre­devo ma che ora rispet­terò e che ci farà uscire dalla crisi».

Ieri invece ha annun­ciato le sue dimis­sioni la vice mini­stra delle finanze Nadia Vala­vani. In una let­tera indi­riz­zata al pre­mier Tsi­pras, Vala­vani scrive che il governo di Ber­lino intende «umi­liare com­ple­ta­mente il governo (di Atene) e il Paese». L’intenzione della Ger­ma­nia è chiara: pro­vo­care una crisi di governo aprendo cosi la strada ad un governo di tec­no­crati mano­vrati e con­trol­lati al 100% dai cre­di­tori. Secondo Vala­vani, nota per le sue lotte sociali, «que­sta solu­zione, impo­sta oltre­tutto for­zo­sa­mente, non è una solu­zione soste­ni­bile» e non garan­ti­sce alcuna cre­scita. Vala­vani esprime la spe­ranza che «la bat­ta­glia con­ti­nui», ma esi­stono molti dubbi sulla capa­cità di Tsi­pras di man­te­nere com­patta Syriza.

Poche ore dopo, tra­mite una let­tera aperta a Tsi­pras 107 sui 201 mem­bri del comi­tato cen­trale del par­tito, più della metà, hanno chie­sto una riu­nione straor­di­na­ria del dichia­ran­dosi con­tro l’intesa tra il pre­mier greco e cre­di­tori. È sem­brata una con­te­sta­zione aperta ad Ale­xis Tsi­pras, il quale non solo non sem­bra dispo­sto di cedere alle pres­sioni, ma difende le sue scelte poli­ti­che. «Il piano appro­vato a Bru­xel­les per tre anni –ha detto– è migliore di quello offerto da Junc­ker e avrà un impatto fiscale più mite rispetto a quelli offerti ai governi precedenti».

Nell’elettorato di Syriza, invece, c’è un’aria com­ple­ta­mente rispetto agli appa­rati del par­tito. Una parte della mag­gio­ranza dei greci, non neces­sa­ria­mente di sini­stra, che si è schie­rata a favore di Syriza nelle ele­zioni del 25 gen­naio e nel refe­ren­dum del 5 luglio con­si­dera Ale­xis Tsi­pras un «traditore».

Si tratta di per­sone che hanno votato Syriza per­ché si aspet­ta­vano giorni migliori, per­ché ave­vano cre­duto in Tsi­pras quando pro­met­teva l’abolizione del memo­ran­dum «con una legge che avrà sol­tanto un arti­colo». Per­sone che temono una nuova stangata.

Un’altra parte, invece, la mag­gio­ranza di que­sto mare immenso di greci che hanno votato per Syriza, appog­giano le scelte di Ale­xis Tsi­pras per­ché si ren­dono conto che il paese non era pronto per una uscita dall’ euro­zona, che non c’ era un piano di uscita. Ammet­tono che il pre­mier non è riu­scito a man­te­nere le sue pro­messe elet­to­rali, ma attri­bui­scono tutto que­sto ai ricatti dei creditori.



Related Articles

Dai conti di Saccomanni cautela sul taglio: la copertura è difficile

Loading

ROMA — «Non è successo niente, è stata solo una montatura mediatica…». A sera Dario Franceschini prova a chiuderla così, buttandosi alle spalle una giornata che ha visto la nave del governo «di servizio» sfiorare pericolosamente gli scogli e impattare sul più alto di tutti, l’odiatissima Imu.

Torino. «Siamo noi la maggioranza»

Loading

Torino. In diecimila in corteo con la Fiom. Landini: «Legge di stabilità dettata da Confindustria». Tensione con la polizia, sei manifestanti fermati

David Grossman. Il mio appello alle destre israeliane

Loading

Lo scrittore David Grossman interviene sulle violenze degli ultimi giorni: “Com’è possibile che il governo ignori il legame tra il fuoco che attizza e le fiamme di oggi? Contro i fanatici bisogna combattere come contro il terrorismo”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment