Nella ricca Germania i poveri sono 12,5 milioni

Nella ricca Germania i poveri sono 12,5 milioni

Doveva essere il modello, sociale ed economico, per l’Europa unita. Eppure, nel 2014 la Germania ha mostrato tassi di disunità sociale, di povertà e disoccupazione tra i più alti dal tempo della riunificazione. Un segnale d’allarme per tutti: il sistema tedesco è fragile. E avanzano i nuovi populismi

Doveva essere il paradiso in terra d’Europa, il luogo perfetto per chi vuole certezze, lavoro, vita e famiglia. Per anni, ci hanno raccontato questo della Germania: poca burocrazia, belle scuole, sanità perfetta, un’integrazione pacifica con gli ex “straccioni” dell’est e molto sviluppo. Ci hanno raccontato che “da loro” un operaio guadagna in media quanto un dirigente “da noi” e se lasci Napoli, Cosenza o Milano qui un impiego lo trovi sicuro, anche se il cervello decidi di lasciarlo a casa. Quante storie abbiamo letto, ascoltato, sbirciato tra schermi e pagine che raccontavano la vita felice nell’era della Bundesrepublik Deutschland?

Da un lato hanno messo la Grecia, Paese di lazzaroni e parassiti, l’Europa mediterranea insomma. Gli analisti americani l’hanno addirittura inclusa in un acronimo, Pigs, i “maiali”: Portogallo, Italia, Grecia e Spagna.

Dall’altra, ci hanno messo l’Europa weberiana, calvinista, tutta lavoro e fatica. La Germania di frau Merkel, insomma. Peccato che quella Germania sia scossa da scioperi e proteste, che per la sanità non ci sia stazione che non pubblicizzi viaggi “low cost” in Turchia, che del disastro aereo della Germanwings non ne parli più nessuno e che lo stipendio medio di un ragazzo al primo impiego sia più basso di quelli degli stagisti dell’Expo.

Era questo il paradiso sognato dagli editorialisti a cottimo, impiegati a sparar giudizi sul disastro altrui?

Oggi, su 82milioni 531mila abitanti 12,5milioni vivono in condizioni di povertà estrema e vengono classificati come poveri dall’ente nazionale di statistica. Si tratta del dato più alto mai registato dalla riunificazione tra le due Germanie.

“Povero”, secondo le rilevazioni ufficiali tedesche, è chi ha un reddito famigliare inferiore del 60% rispetto al reddito medio, sussidi sociali e di disoccupazione compresi.

Tra questi poveri, figurano anche 3,1 miliioni di lavoratori regolari, mentre più di 900mila tedeschi, nel 2014, hanno rinunciato alla loro automobile, non certo perché amanti del verde o delle piste ciclabili, ma perché non se la possono più permettere.

Se ne è accorto persino Foreing Policy che in un articolo del 5 maggio scorso, firmato da Sumi Somaskanda, titolava: “La ricca Germania ha un problema di povertà”.

D 1
La mappa della povertà in Germania

A preoccupare, però, non sono tanto le cifre, relative o assolute, ma la crescita del divario tra ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri. Sul piano politico, in Germania come in Europa, questo significa una polarizzazione non più fra destra e sinistra, ma fra alto e basso. Non a caso, movimenti fortemente controversi di matrice populista, come Pegida, stanno cominciando a raccogliere voti, oltre che consensi, lavorando su questa nuova polarità.

Se l’Europa politica non è forse mai esistita, quella geografica si appresta a scoppiare, non certo per colpa del referendum greco, ma a causa di disparità economiche e sociali oramai ingiustificabili da qualsiasi sistema voglia ancora qualificarsi “democratico” senza sentirsi ridicolo.


Tags assigned to this article:
germaniaPegidapopulismipovertà

Related Articles

Cosa serve davvero per integrare i Rom

POCHI argomenti scatenano reazioni più viscerali delle discussioni sui rom, di cui oggi ricorre la giornata internazionale

Le tende rosse della Flai per chi cerca più diritti

Cgil. Il sindacato nei campi e nelle piazze: banchetti per chiedere informazioni e avvicinarsi ai delegati, ma si potrà firmare anche per la Carta universale e i referendum

Bombe israeliane sui bambini di Gaza. Quasi 40 uccisi da marzo, Olp: «Indaghi l’Aja»

Ieri i funerali dei tre minori uccisi domenica nella Striscia dall’esercito israeliano. Le famiglie: «Stavano solo giocando».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment