Occupazione, crescita troppo lenta

Occupazione, crescita troppo lenta

NEW YORK La crescita dell’economia italiana è talmente lenta che di questo passo «ci vorranno quasi vent’anni per ridurre il tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi». Il rapporto del Fondo monetario sull’eurozona semina ottimismo sulle prospettive comuni dei 19 Paesi, ma è particolarmente severo con Italia e Portogallo. L’Istituto di Washington descrive un clima generale più favorevole elencando le tre condizioni di quadro ormai note a tutti: basso prezzo del petrolio; aumento della liquidità grazie al «quantitative easing» della Bce; svalutazione dell’euro. Un leggero aumento di stipendi e salari sta alimentando la domanda interna. Gli analisti di Washington, quindi, tornano a insistere sul consolidamento del mercato unico e condividono l’intenzione della Bce di acquistare titoli di Stato almeno fino al settembre 2016.
In ogni caso il Pil di Eurolandia salirà dell’1,5% nel 2015, mentre per il 2016 è previsto l’1,7%. Sono numeri ancora lontani dal sentiero americano che sempre secondo le previsioni del Fondo toccherà il 3,1% nel 2015 e nel 2016. Le distanze si allargano ancora di più quando si guarda al lavoro: il tasso di disoccupazione della zona euro è ancora superiore all’11%, mentre negli Stati Uniti è prossimo al 5%. Gli analisti del Fmi entrano nello spessore sociale delle cifre, sottolineando come «l’alta disoccupazione giovanile potrebbe danneggiare il capitale umano potenziale, portando a una generazione perduta».
Dalla visione d’insieme all’esame più dettagliato, per Paese. La Germania mostra continuità, ma ha margini per migliorare il ritmo di crescita dell’1,5%. La Spagna «si sta riprendendo con forza», mentre «l’Italia emerge da tre anni di recessione». Le notazioni sulla Penisola hanno suscitato molte polemiche e la reazione del ministero dell’Economia guidato da Pier Carlo Padoan che in una nota osserva: «La stima del Fmi secondo la quale occorrerebbero 20 anni per riportare l’occupazione a livello pre crisi è basata su una metodologia che non tiene conto delle riforme strutturali che sono state già introdotte».
Secondo i dati Istat, il tasso di disoccupazione in Italia oggi è pari al 13,0%; nel 2007 era al 6,1%. Nel rapporto di ieri le raccomandazioni per il governo di Roma sono raggruppate in una scheda. Ma è sufficiente tornare al 7 luglio per conoscere il pensiero del Fmi sullo stato dell’arte in Italia. Il board dei direttori del Fondo «accoglie con favore i progressi nelle riforme strutturali per aumentare la produttività… e raccomanda di applicare il Jobs act, osservando che ciò aiuterà a ridurre la segmentazione del mercato del lavoro e a favorire il ricollocamento dei dipendenti». Sempre in tema di occupazione il Fmi sollecita lo sviluppo della contrattazione decentrata o di secondo livello e «sottolinea l’importanza di completare le riforme già progettate sui modelli di retribuzione e sul sistema educativo». Anche lo scorso anno il rapporto del Fmi arrivava più o meno alla stessa conclusione: l’Italia è rimasta indietro, può e deve accelerare.
Giuseppe Sarcina


Related Articles

Il sapore acre della fiducia

Governo. Matteo Renzi ottiene lo scontato via libera dell’aula di Montecitorio. Ma il suo partito si scalda per il ritorno di Bersani e l’abbraccio tra l’ex segretario e Enrico Letta. Che nemmeno saluta il nuovo premier

Fibra ottica al 50% delle famiglie nel 2016 Piccoli centri e periferie senza internet veloce

ROMA — Parte la corsa per dare internet super veloce almeno a una famiglia su due. Telecom Italia ha cominciato infatti a puntare con forza in questa direzione, accelerando gli investimenti sulle reti di nuova generazione: in tutto 2,7 miliardi di euro dal 2014 al 2016, per coprire il 50 per cento della popolazione telefonica con la fibra ottica (con 1,8 miliardi di euro) e l’80 per cento con le reti mobili 4G (900 milioni di euro).

La guerra globale contro le donne

Di certo l’obiettivo era accrescere la tensione tra comunità islamiche e cittadini europei. Va rigettata qualsiasi interpretazione che tenda a riportare quell’evento a uno scontro di culture o di civiltà

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment