Opg, addio. Parola della Consulta

Opg, addio. Parola della Consulta

La scorsa set­ti­mana è stata pub­bli­cata la sen­tenza della Corte Costi­tu­zio­nale che ha respinto per totale infon­da­tezza il ricorso pro­mosso dal Tri­bu­nale di Sor­ve­glianza di Mes­sina con­tro la legge 81 del 2014 sulla chiu­sura degli Ospe­dali Psi­chia­trici Giu­di­ziari. Veniva con­te­stata la vio­la­zione di ben tre­dici arti­coli della Costi­tu­zione ed aveva come punto cen­trale la con­te­sta­zione dell’accertamento della peri­co­lo­sità sociale basato sulla base delle qua­lità sog­get­tive della per­sona e senza tenere conto delle con­di­zioni (cosid­dette ambien­tali) di cui all’articolo 133, secondo comma, numero 4, del codice penale e inol­tre la norma per cui «non costi­tui­sce ele­mento ido­neo a sup­por­tare il giu­di­zio di peri­co­lo­sità sociale la sola man­canza di pro­grammi tera­peu­tici individuali».

La Con­sulta ha dun­que affer­mato con net­tezza la legit­ti­mità costi­tu­zio­nale della legge 81 sia nel pro­ce­di­mento legi­sla­tivo sia nei con­te­nuti e in par­ti­co­lare con­ferma che un malato povero, emar­gi­nato, senza casa o abban­do­nato dai ser­vizi non può diven­tare, per que­sta ragione, social­mente peri­co­loso e finire in una isti­tu­zione totale per tutta la vita, come troppo spesso è acca­duto in pas­sato. La sto­ria degli erga­stoli bian­chi nasce pro­prio da que­sta giu­sti­zia di classe.

Si con­ferma e si raf­forza così l’orientamento di quella che abbiamo defi­nito una buona legge. Il tratto più inte­res­sante della nuova norma è di avere spo­stato il bari­cen­tro dai binomi pret­ta­mente mani­co­miali «malat­tia mentale/pericolosità sociale e cura/custodia» ai pro­getti di cura e ria­bi­li­ta­zione indi­vi­dua­liz­zati e all’affidamento al ter­ri­to­rio. In par­ti­co­lare, con­fer­mando orien­ta­menti espressi in fon­da­men­tali sen­tenze pre­ce­denti, la deci­sione della Corte ha sta­bi­lito che la regola deve essere l’esecuzione di una misura di sicu­rezza diversa dalla deten­zione, ieri in Opg e oggi in una Resi­denza per l’esecuzione delle misure di sicu­rezza (Rems), salvo gravi situa­zioni ben fon­date e moti­vate che devono costi­tuire l’eccezione.

Ora non pos­sono essere più accam­pati alibi da parte del Governo, delle Regioni e della Magi­stra­tura di Sor­ve­glianza: sono ormai pas­sati più di cento giorni dal 31 marzo, data sta­bi­lità dalla legge per la chiu­sura dei mani­comi cri­mi­nali, come abbiamo denun­ciato nel semi­na­rio di Firenze del 14 luglio. E’ ora di abbat­tere que­sto muro di ille­ga­lità. La situa­zione di cen­ti­naia di inter­nati che sono let­te­ral­mente seque­strati in strut­ture che non devono più esi­stere viola l’art. 13 della Costi­tu­zione che si esprime chia­ra­mente sui modi di restri­zione della libertà per­so­nale. Lo stato di diritto non può essere cal­pe­stato impu­ne­mente. L’associazione Altro Diritto ha rac­colto 58 istanze di inter­nati nell’Opg di Mon­te­lupo fio­ren­tino in base all’art. 35bis dell’ordinamento peni­ten­zia­rio e rivolte al magi­strato di sor­ve­glianza com­pe­tente per far ces­sare la vio­la­zione dei loro diritti. Viene dai pazzi una lezione di sag­gezza rispetto del prin­ci­pio dell’habeas cor­pus!

Il Governo deve imme­dia­ta­mente com­mis­sa­riare le regioni ina­dem­pienti che non stanno appli­cando la legge 81 e non hanno poten­ziato i Ser­vizi per la salute men­tale. Com­pito essen­ziale del movi­mento abo­li­zio­ni­sta è vigi­lare per impe­dire il risor­gere di forme nuove della logica mani­co­miale che deve essere supe­rata per sempre.

La sen­tenza del 24 giu­gno non dà adito a dubbi. Si aprono, come ha scritto effi­ca­ce­mente il costi­tu­zio­na­li­sta Andrea Pugiotto, «con­trad­di­zioni, tanto ine­dite quanto feconde, al soprav­vis­suto sistema del dop­pio bina­rio», sia pure a codice penale inva­riato. Ancora una volta la suprema magi­stra­tura indica un per­corso per la piena rea­liz­za­zione di una riforma di civiltà. I diritti, anche in que­sto caso, aspet­tano la politica.



Related Articles

Verità per Giulio Regeni, l’Egitto Paese non sicuro

Mentre viene chiesto da più parti che quel paese sia dichiarato «non sicuro», come spiegare che il sito della Farnesina, alla voce Egitto, non contenga il minimo accenno alla sorte subita da Giulio Regeni?

Droghe, Fontana iperproibizionista. Le associazioni: «Incompetente»

Il piano d’azione del ministro in attesa della delega alle politiche antidroga: «Tolleranza zero, più proibizionismo, più carcere, lavori forzati per chi usa sostanze»

Sbarchi, ”nel 2013 oltre 200 immigrati morti”

L’appello alle istituzioni europee e italiane di Migrantes e Centro Astalli dopo l’ultimo sbarco sulle coste siciliane che ha fatto contare 13 vittime. ”Quest’anno un migrante al giorno ha perso la vita”. La Manna: ”L’Europa dei popoli, se c’è, faccia sentire la sua voce”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment