Processo Eternit-bis alla Consulta

Processo Eternit-bis alla Consulta

È un altro duro colpo, per quanto par­ziale, per il movi­mento con­tro l’amianto. «Que­sto pro­cesso non può essere impe­dito, se la Con­sulta desse ragione alle difese sarebbe una sorta di colpo di Stato. Sarebbe come se ogni cit­ta­dino avesse una fran­chi­gia sugli omi­cidi». Parole dure, pro­nun­ciate da Bruno Pesce di Casale Mon­fer­rato, sto­rico coor­di­na­tore della ver­tenza amianto, dopo la deci­sione del gup di Torino Fede­rica Bom­pieri di sospen­dere il pro­ce­di­mento « Eternit bis», inviando gli atti alla Corte costi­tu­zio­nale che dovrà espri­mersi su una que­stione di legit­ti­mità. Il pro­cesso, che vede impu­tato il magnate sviz­zero Ste­phan Sch­mi­d­heiny per l’omicidio volon­ta­rio di 258 per­sone morte a causa dell’Eternit, viene dun­que inter­rotto in attesa di una pro­nun­cia della Con­sulta.
La Corte si espri­merà sulla legit­ti­mità dell’articolo 649 del codice di pro­ce­dura penale e sulla con­for­mità alle norme della Con­ven­zione euro­pea dei diritti dell’uomo per quanto riguarda il prin­ci­pio «ne bis in idem» (let­te­ral­mente non due volte per la mede­sima cosa). È il divieto di pro­ces­sare la stessa per­sona per la stessa fat­ti­spe­cie di reato.
Nel primo pro­cesso all’imputato era stato con­te­stato il disa­stro ambien­tale, ora l’omicidio volon­ta­rio. «Rite­niamo che non ci sia un con­tra­sto con la con­ven­zione euro­pea», ha affer­mato il pm Raf­faele Gua­ri­niello, che guida l’accusa insieme al col­lega Gian­franco Colace. La Pro­cura appro­fit­terà dell’allungamento dei tempi per con­te­stare all’imprenditore sviz­zero altri 94 casi di morti legate all’amianto. Che si aggiun­ge­ranno agli attuali 258 dece­duti — tra il 1989 e il 2014 — in mag­gio­ranza a Casale Mon­fer­rato (Ales­san­dria), ma anche a Cava­gnolo (Torino) e, in parte, a Bagnoli (Napoli) e Rubiera (Reg­gio Emi­lia). Solo 68 sono ex lavo­ra­tori, gli altri sono resi­denti vicino ai quat­tro sta­bi­li­menti.
Sod­di­sfatta del prov­ve­di­mento del gup la difesa. «Il tema del ne bis in idem lo ave­vamo sol­le­vato noi», ha sot­to­li­neato l’avvocato Astolfo Di Amato, uno dei difen­sori Sch­mi­d­heiny. Stu­pore, invece, da parte dei fami­liari delle vit­time. «Essere così delusi dalla Cas­sa­zione è dura da dige­rire e anche la deci­sione di oggi fa male per­ché a Casale la gente con­ti­nua a morire», ha detto Romana Bla­sotti, pre­si­dente dell’associazione fami­liari vit­time amianto, Afeva. «La sto­ria di Casale – ha aggiunto – è arri­vata in tutto il mondo, ma la giu­sti­zia non è ancora arri­vata ai respon­sa­bili». E a pro­po­sito di «ne bis in idem», Bruno Pesce ha spie­gato: «Credo che per un cit­ta­dino sia incom­pren­si­bile il fatto che si possa esclu­dere un pro­cesso per omi­ci­dio dopo uno per disa­stro. Sicu­ra­mente si allun­gano i tempi e la sof­fe­renza, ma ci siamo abi­tuati».
Per Cgil, Cisl e Uil di Casale e per l’Afeva è una deci­sione che «non cor­ri­sponde alla realtà tanto sto­rica quanto pro­ces­suale» della vicenda dell’Eternit, soste­nendo come, se il disa­stro nella realtà con­ti­nui (50 casi di meso­te­lioma all’anno nella città pie­mon­tese), i reati con­tem­plati nelle aule di tri­bu­nale siano diversi. «Vale la pena ricor­dare che la stessa Cas­sa­zione, all’indomani della sen­tenza aveva pre­ci­sato che quel pro­ce­di­mento non riguar­dava i decessi delle per­sone ma solo il disa­stro ambien­tale, non giun­gendo quindi ad un giu­di­zio asso­lu­to­rio». Nella delu­sione, pro­vano a leg­gere lo stop in chiave posi­tiva: «Come dice il pro­ver­bio, a volte, non tutti i mali ven­gono per nuo­cere. L’accoglimento della que­stione di legit­ti­mità costi­tu­zio­nale in que­sta fase evita che sia ripro­po­sta nelle fasi suc­ces­sive del pro­ce­di­mento. In altre parole si può spe­rare che una volta risolta il pro­ce­di­mento possa pro­se­guire spe­dito senza inter­ru­zioni fino alla con­clu­sione». Afeva e sin­da­cati con­cor­dano: «Da parte nostra con­ti­nue­remo ad avere piena fidu­cia nella giu­sti­zia e nella lotta fino all’affermazione della verità attra­verso una giu­sta sen­tenza».
Il sin­daco di Casale Mon­fer­rato, la città più mar­to­riata dalla fibra kil­ler con i suoi due­mila morti, com­menta così la scelta del gup: «La strada è ancora in salita, ma con­ti­nue­remo a per­se­ve­rare per avere giu­sti­zia. La città ha dimo­strato più volte una ferma deter­mi­na­zione. Con­ti­nue­remo, tutti uniti e a fianco dei cit­ta­dini, a cer­care giustizia».



Related Articles

Antimafia, lite nel governo La legge e le imprese

Brunetta: basta con i certificati. Stop di Maroni: non si cambia

La svolta di Tony Blair sull’Iraq “Io e Bush abbiamo sbagliato”

L’ex premier britannico, intervistato dalla Cnn, ammette una serie di errori. Dai dossier sulle armi di distruzioni di massa al diffondersi del terrorismo islamico

Barroso: “Situazione grave, in gioco l’euro”

Caso Grecia, Sarkozy dalla Merkel. Oggi il vertice per cercare l’accordo sul debito.    Duro confronto tra il presidente francese in pressing sul cancelliere 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment