Rinasce il nazio­na­li­smo tracotante tedesco

Rinasce il nazio­na­li­smo tracotante tedesco

Dopo ben cin­que mesi di nego­ziato tra il nuovo governo di Atene e l’Unione euro­pea due cose sono ormai chiare.

La prima è che non si è trat­tato di un nego­ziato, ma di una guerra. Una guerra pre­ven­tiva per il raf­for­za­mento dell’egemonia tede­sca in Europa.

La seconda, del tutto con­se­guente, è che il pro­blema non è la Gre­cia ma la Germania.

Fino a che punto può essere sop­por­tata da diversi part­ner euro­pei, in primo luogo la Fran­cia, la poli­tica di potenza che Ber­lino sta con­du­cendo all’interno dell’Unione? E fino a che punto gli Stati Uniti potranno per­met­tere alla Ger­ma­nia di por­tare scom­pi­glio in quel campo atlan­tico che pure qual­che obbligo com­porta?
Il lungo brac­cio di ferro con Atene non inter­roga tanto la com­pa­ti­bi­lità dell’economia greca con le regole dell’Unione, quanto la com­pa­ti­bi­lità degli inte­ressi tede­schi con la tenuta e la soste­ni­bi­lità di una comu­nità euro­pea in gene­rale. A Ber­lino, in nome dell’Europa e della Nato, sta pren­dendo forma nelle tor­bide acque della crisi greca, una poli­tica anti­eu­ro­pea e ten­den­zial­mente antiatlantica.

Pochi lo nomi­nano per­ché è un argo­mento di quelli che fanno rab­bri­vi­dire. Ma la vicenda greca e l’evoluzione interna del qua­dro poli­tico tede­sco ci stanno mostrando sem­pre più chia­ra­mente la rina­scita di un nazio­na­li­smo ger­ma­nico sem­pre più disi­ni­bito e tra­co­tante. Non­ché visi­bil­mente ten­tato di spin­gersi ben oltre i con­fini dell’etica mer­can­ti­li­sta nella cui ombra è andato fino ad oggi sviluppandosi.

Nella mar­tel­lante cam­pa­gna di stampa con­tro Atene, ma anche nelle prese di posi­zione e nel lin­guag­gio dei prin­ci­pali espo­nenti poli­tici della Repub­blica fede­rale (dagli ultra­con­ser­va­tori della bava­rese Csu ai social­de­mo­cra­tici) va ormai sedi­men­tan­dosi una «cul­tura della supe­rio­rità tede­sca» dai tratti sem­pre più mar­cati. Il suc­cesso eco­no­mico (con­se­guito anche sfrut­tando, a suo tempo, la comu­nità euro­pea al ser­vi­zio di pro­pri biso­gni e ambi­zioni) viene esclu­si­va­mente attri­buito al merito del Modell Deu­tschland e a un cata­logo di «virtù nazio­nali» del popolo tede­sco in netto con­tra­sto con i «vizi nazio­nali» di altri popoli d’Europa. Tra cui, per esem­pio, l’«inaffidabilità greca», un argo­mento che, secondo logica, esclu­de­rebbe in via pre­ven­tiva qua­lun­que ipo­tesi di nego­ziato, essendo un certo grado di fidu­cia la con­di­zione neces­sa­ria di ogni trattativa.

Qual­cuno si è per­fino para­dos­sal­mente spinto a giu­di­care il cedi­mento di Tsi­pras nei con­fronti del dik­tat euro­peo come una per­so­nale incli­na­zione del lea­der di Syriza al «tra­di­mento». Quell’opinione pub­blica che oggi farebbe da osta­colo a ogni forma di fles­si­bi­lità nei con­fronti di Atene è stata meto­di­ca­mente costruita entro que­sta pro­spet­tiva cul­tu­rale. A par­tire dalla con­vin­zione che men­tre i debiti pub­blici di alcuni stati sono e devono restare ine­stin­gui­bili, il debito sto­rico della Ger­ma­nia nei con­fronti dell’Europa e del mondo è ormai ampia­mente estinto.

Il 70 per cento di con­sensi di cui godrebbe — secondo i son­daggi — il mini­stro delle finanze Schau­ble, non è tanto da attri­buire alle con­vin­zioni libe­ri­ste della mag­gio­ranza dei cit­ta­dini tede­schi quanto a quella «prio­rità dell’interesse nazio­nale» che è la for­mula con la quale il nazio­na­li­smo si pre­senta al giorno d’oggi in società, e di cui il «tec­nico» Schau­ble è l’impeccabile inter­prete politico.

Ma l’aspetto più inquie­tante di que­sto ordine del discorso, come è andato con­fi­gu­ran­dosi nel corso della crisi greca, è che esso rimette in gioco, come fat­tore di con­senso poli­tico e di sup­porto all’azione di governo, la figura del «paras­sita» e del «pro­fit­ta­tore», di cui i disci­pli­nati con­tri­buenti tede­schi sareb­bero le vit­time. I loro soldi, gene­ro­sa­mente pre­stati alla Gre­cia, ver­reb­bero messi a rischio dalla fur­bi­zia levan­tina di una popo­la­zione pie­na­mente col­pe­vole delle con­di­zioni in cui versa.

Que­sto ridi­colo schema infan­tile can­cella in un sol colpo le spe­ri­co­late ope­ra­zioni delle ban­che, la spre­giu­di­ca­tezza delle poli­ti­che che si sono ser­vite dell’indebitamento a soste­gno dell’export, le spe­cu­la­zioni di borsa, gli affari con­clusi con le «affi­da­bili» oli­gar­chie greche.

In breve: il mondo reale dell’economia finan­zia­ria, sul quale i con­tri­buenti tede­schi, come del resto quelli greci o di altri paesi, non eser­ci­tano alcun potere, e con il quale non intrat­ten­gono alcuna rela­zione controllabile.

Quello che è più grave è che que­sta ver­sione degna degli Abde­riti di Wie­land (l’immaginario popolo della greca Abdera cui il grande illu­mi­ni­sta tede­sco faceva rap­pre­sen­tare la stu­pi­dità umana) non si limita a cam­peg­giare nei titoli dei tabloid, ma fa da ossa­tura ai discorsi degli espo­nenti poli­tici di primo piano.

I greci, insomma, non sareb­bero stati vit­tima dei governi che li hanno gover­nati nel pas­sato e dei quali Ber­lino mostra una certa inde­cente nostal­gia, e nean­che di Syriza che governa solo da pochi mesi, ma del pro­prio, vizioso, stile di vita.

La colpa del governo di Ale­xis Tsi­pras è in fondo soprat­tutto quella di averli ascol­tati e ten­tato di asse­con­darli: il refe­ren­dum ha dato la parola ai reprobi. E que­sto deve essere pesan­te­mente sanzionato.

La parte in com­me­dia asse­gnata dalla pro­pa­ganda media­tica tede­sca al «paras­sita» Greco non è poi così distante, nella logica che la sot­tende, da quella una volta asse­gnata all’ebreo: natu­ral­mente «infido», cul­tu­ral­mente «inqui­nante», moral­mente ripro­ve­vole e col­let­ti­va­mente respon­sa­bile dei danni subiti indi­vi­dual­mente da ogni cit­ta­dino germanico.

Siamo a pochi passi dal con­fine inva­li­ca­bile della dot­trina raz­ziale. Del resto, la stampa tede­sca più con­ser­va­trice si era già pre­mu­rata di spie­garci che gli odierni greci nulla hanno a che vedere con l’età di Peri­cle, trat­tan­dosi di un miscu­glio di slavi, tur­chi e albanesi.

I gover­nanti di Ber­lino dovreb­bero essere con­sa­pe­voli di stare gio­cando col fuoco. In Ger­ma­nia qual­siasi giu­di­zio sulla qua­lità morale di una popo­la­zione dovrebbe essere sof­fo­cato sul nascere. Al con­tra­rio, nella par­tita gio­cata con­tro Atene, ma a ben vedere con­tro tutta l’Europa medi­ter­ra­nea, que­sto genere di argo­menti sono stati invece ampia­mente dif­fusi e amplificati.

L’opinione pub­blica tede­sca è diven­tata così un temi­bile bacino di sen­ti­menti anti­eu­ro­pei, per non voler pen­sare al peg­gio. È in primo luogo dalle forze demo­cra­ti­che tede­sche che ci aspet­tiamo una presa di coscienza della gra­vità di que­sta situa­zione, una rea­zione forte e chiara che fac­cia cadere la maschera «con­ta­bile» di una poli­tica di potenza, incar­nata dal «falco» Wol­fgang Schauble.



Related Articles

Le Grandi opere che l’Italia non sa più costruire

Grandi opere. Il record dei 395 cantieri mai portati a termine. Dalla Salerno-Reggio al ponte sullo Stretto, tra tempi incerti e costi altissimi

«La democrazia in fabbrica migliora i conti»

INTERVISTA Sergio Casella, ad della Paper Converting, contesta la pratica del muro contro muro
«Trattare con la Fiom conviene, la Confindustria si sbaglia»

Marlane, l’ora del processo

C’è una data che andrà  di traverso alla famiglia Marzotto. È il 19 aprile. Quel giorno, nel 1968, l’ira funesta degli operai abbatteva la statua del conte Gaetano Marzotto nella piazza centrale di Valdagno. Martedì 19, quarantatre anni dopo, si apre a Paola il processo ai dirigenti della Marlane- Marzotto di Praia a Mare, imputati a vario titolo di omicidio colposo plurimo, lesioni colpose e disastro ambientale. Personaggi eccellenti, colletti bianchi, l’intero vertice della fabbrica tessile, tra cui l’ex presidente, il conte Pietro Marzotto.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment